Politica 8 Giugno 2020

Italia Viva spinge per aderire al MES. De Filippo: «Ecco come possiamo rivoluzionare la sanità italiana con 36 miliardi»

In un documento dal titolo “MES, SÌ! (ecco perché)”, redatto da un gruppo di lavoro coordinato dal deputato Vito De Filippo, un piano di azione dettagliato: 10 miliardi per ospedali e personale sanitario, altri 10 miliardi per i servizi medici e l’assistenza territoriale, due miliardi alla digitalizzazione, 5 miliardi per la ricerca e 8 miliardi per imprese e trasporti

Immagine articolo

Circa 36 miliardi di euro per risanare la sanità italiana. Sono quelli di cui l’Italia potrebbe beneficiare se aderisse al Pandemic Crisis Support del MES, il Meccanismo di Stabilità Europeo di cui si sta tanto discutendo in queste settimane.

Secondo Italia Viva, il partito dell’ex premier Matteo Renzi, si tratta di una occasione che il nostro Paese non deve lasciarsi sfuggire per le vantaggiose condizioni poste: è vero che il fondo, essendo un prestito, andrebbe comunque restituito, ma si tratterebbe di una cifra cospicua (pari al 2% del Pil), con un tasso di interesse vicino allo 0 (0,35% il primo anno e 0,15% per gli anni successivi), una durata massima del prestito di 10 anni e una disponibilità quasi immediata. Unica condizionalità la destinazione dei fondi per le spese “dirette e indirette di salute pubblica, cura e prevenzione legate alla crisi Covid-19”.

LEGGI IL DOCUMENTO DI ITALIA VIVA

In un documento denominato “MES, SÌ! (ecco perché)”, redatto da un gruppo di lavoro coordinato da Vito De Filippo (Capogruppo Italia Viva in Commissione Affari Sociali) si prova anche a spiegare come potrebbero essere usate queste risorse: dagli ospedali alla rete territoriale, dalla digitalizzazione al personale sanitario, una mole di interventi capace di colmare le lacune degli ultimi anni e ammodernare il Sistema Sanitario Nazionale. Resta però da convincere la parte della maggioranza più ostile al MES, il Movimento Cinque Stelle, anche se negli ultimi giorni diversi esponenti pentastellati (come il medico Giorgio Trizzino) hanno aperto a questa prospettiva, che inizia a fare breccia anche nel mondo della sanità (tra i favorevoli il sindacato dei medici Anaao Assomed).

«Dobbiamo stare sul merito: avere soldi a quelle condizioni per fare uno storico, rivoluzionario intervento del Sistema sanitario italiano che è un sistema sanitario equo, universale, uno dei migliori al mondo dovrebbe essere una aspirazione, un desiderio, una volontà di tutti – sottolinea a Sanità Informazione Vito De Filippo -. Sono convinto che pian piano il buon senso prevarrà nella maggioranza e noi utilizzeremo questi 36 miliardi di euro».

LEGGI ANCHE SANITA’, LA RICETTA DI CALENDA (AZIONE): «USARE FONDI MES PER PORRE FINE A IMBUTO FORMATIVO. SU DPI ARCURI SI E’ MESSO A FARE POLITICA

Nel documento si chiarisce perché non utilizzare quei soldi sarebbe svantaggioso a livello economico per il nostro Paese: «Se decidessimo di non utilizzare il nuovo PCS del MES e reperire circa 36 miliardi emettendo Buoni del Tesoro alle condizioni attuali, la spesa per interessi ci costerebbe circa 700 milioni in più all’anno, per un totale di 7 miliardi nell’orizzonte decennale».

Ma come utilizzare queste risorse? Anche su questo i parlamentari di Italia Viva hanno offerto il loro contributo. Nel documento si propone di utilizzare 10 miliardi per ospedali e personale sanitario, altri 10 miliardi per i servizi medici e l’assistenza territoriale, 2 miliardi alla digitalizzazione, 5 miliardi per la ricerca e 8 miliardi per imprese e trasporti.

Nella prima macroarea “ospedali e personale sanitario” rientrano gli investimenti strumentali e in edilizia sanitaria e di investimenti strumentali, l’implementazione di percorsi pandemic-free e lo sviluppo in parallelo di percorsi ad hoc per le malattie infettive; lo sviluppo e l’integrazione di ulteriori strutture di prevenzione e contrasto delle malattie infettive, investimento infrastrutturale al fine di creare nei pronto soccorso dei punti di osservazione breve dedicata a casi sospetti di infezione, in attesa di diagnosi, al fine di evitare la diffusione del contagio. Allo stesso modo si pensa a una valorizzazione del personale a 360 gradi, con un incremento di risorse in termini economici e di governance, nonché un serio investimento in tema di formazione, ad esempio in materia di contrasto e prevenzione delle epidemie, utilizzo delle tecnologie informatiche più avanzate, sviluppo di conoscenze trasversali.

LEGGI ANCHE PALERMO (ANAAO): «ASSUMERE 10MILA MEDICI E 20MILA INFERMIERI, AUMENTARE GLI STIPENDI, ADERIRE AL MES E NEL 2021 PREVEDERE 17MILA BORS»

Altri 10 miliardi andrebbero dedicati a “servizi medici e assistenza territoriale”. Il rafforzamento del territorio, alla luce anche delle esperienze maturate in questi mesi nelle regioni sul contrasto al Covid-19, è prioritario: occorre, per Italia Viva, «una riforma dell’assistenza territoriale, che ponga al centro cittadinanza ed operatori», e un rafforzamento delle UCCP (Unità Complesse di Cure Primarie). La ripresa potrebbe poi far emergere il rischio che non si possa far fronte ai bisogni crescenti derivati dal lungo lockdown. A tal proposito Italia Viva propone la nascita di quattro Fondi: un Fondo di sostegno ai livelli essenziali delle prestazioni e ai servizi sociali territoriali, finalizzato a rafforzare le reti dei servizi sociali territoriali per consentire interventi urgenti connessi all’emergenza pandemica e dedicato ad alcuni settori specifici; un Fondo a sostegno degli enti del Terzo settore per assistenza domiciliare e in remoto, un Fondo per l’assistenza sanitaria domiciliare alle persone con disabilità o con patologie croniche, un Fondo per l’assistenza psichiatrica e psicologica, volto a garantire la gestione del burnout degli operatori sanitari e della sindrome da stress post-traumatico per le comunità terapeutiche riabilitative territoriali.

Il terzo capitolo è dedicato alla digitalizzazione e al controllo della spesa in sanità, con particolare riferimento al Fascicolo Sanitario Elettronico, attivato solo dal 10% dei cittadini.

Altri cinque miliardi dovrebbero andare alla ricerca considerando che l’Italia destina alla ricerca solo l’1,35% del Pil contro una media europea del 2,7%. Diversi gli interventi proposti come un «cospicuo investimento pluriennale per la ricerca di base e la ricerca nei diversi settori medici, la massima integrazione e un allineamento coordinato tra i poli di ricerca, pubblici e privati, oggi esistenti; l’individuazione e il potenziamento di un Centro di Ricerca ad hoc per le pandemie; un Fondo appositamente istituito per garantire ai nostri laboratori di ricerca, pubblici e privati, la dotazione delle più moderne tecnologie e strumentazioni esistenti; modalità di collegamento rapido e interoperabilità dei dati di ricerca tra poli di ricerca nazionali, fondazioni universitarie, IRCCS, centri di ricerca privati, ecc., anche mediante l’implementazione delle tecnologie informative più avanzate».

LEGGI ANCHE LAUREA ABILITANTE, L’ATROCE BEFFA DI CENTINAIA DI LAUREANDI IN MEDICINA: «NOI ‘ESODATI’ POTREMO ABILITARCI SOLO DOPO SETTE MESI»

L’ultimo capitolo prevede 8 miliardi per imprese e trasporti. Si tratta sempre di interventi che hanno a che fare con la salute pubblica, perché si tratterebbe di spese “indirette” di prevenzione e contrasto all’epidemia.

«Analizzando le decisioni della Commissione europea e gli orientamenti della stessa Commissione – spiega ancora De Filippo – noi ci rendiamo conto che questi soldi possono essere usati per aiutare le imprese a mettere in sicurezza i luoghi di lavoro, i trasporti pubblici». Tra gli esempi citati ci sono l’erogazione di incentivi volti al sostegno per le imprese che effettuino investimenti strutturali ed infrastrutturali necessari a garantire il distanziamento sociale e misure incentivanti finalizzati all’individuazione ovvero all’assunzione di un “pandemic manager”, con funzioni di coordinamento ed attuazione delle misure di prevenzione dal contagio.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Recovery Fund e Mes, CIMO-FESMED: «Proposte Ministero portano a vicolo cieco. Serve vera riforma SSN»
Le priorità secondo la Federazione: intervenire sull'aziendalizzazione delle strutture sanitarie, rivedere il sistema di finanziamento del SSN, modificare la politica del personale
Covid, Esposito (FISMU): «Medici nelle scuole ma non dimentichiamo il territorio»
Il Segretario generale della Federazione Italiana Sindacale dei Medici Uniti lancia un appello al ministro Speranza: «Unica strada per controllare epidemia è assumere medici e stabilizzare i precari. Servono risorse nuove, a partire dal MES»
MES, la contrarietà di Luca Coletto (Lega): «È una trappola, vi spiego perché non è quello di cui ha bisogno la sanità»
Il Responsabile Sanità della Lega è tra coloro che non sono favorevoli ad aderire al Meccanismo Europeo di Stabilità: «Si tratta di un prestito che comporterebbe un ulteriore indebitamento, ma alla Sanità servono finanziamenti a fondo perduto»
Spesa sanitaria, Rostan (IV): «Aumenta divario Nord-Sud, sì a nuovi criteri di riparto»
Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «l’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili»
«Rischioso aderire al Mes senza un progetto per il futuro della sanità». Intervista al presidente Cimo-Fesmed Guido Quici
«Questa è una vera opportunità per riformare il SSN. Servono ospedali flessibili, continuità con il territorio e centralità della professione. Ora la politica ci strumentalizza, poi finirà tutto nel dimenticatoio. Se sono sinceri, ci convochino per il nuovo contratto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...