Politica 18 Febbraio 2019

“Italia non abbandonarci”, l’OMCeO di Bari lancia una campagna per una sanità uguale per tutti

In risposta alle richieste di autonomia differenziata di Lombardia, Veneto ed Emilia, l’Ordine dei medici di Bari esprime preoccupazioni per un processo che rischia di negare l’uguaglianza dei cittadini in tema di salute. Lo fa attraverso una campagna di comunicazione dai toni forti, che sarà in affissione a partire da domani

Immagine articolo

In risposta alle richieste di autonomia differenziata di Lombardia, Veneto ed Emilia, che saranno oggetto della trattativa governo-regioni, l’Ordine dei medici di Bari esprime preoccupazioni per un processo che rischia di negare l’uguaglianza dei cittadini in tema di salute. Lo fa attraverso una campagna di comunicazione dai toni forti, in affissione a partire da domani, che punta ad alzare l’attenzione sulle possibili conseguenze del regionalismo differenziato. «Una questione che rischia di passare inosservata e che invece potrebbe avere conseguenze sull’unità del paese e sull’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», si legge in una nota.

Protagonista dei cartelloni una donna malata, in trattamento chemioterapico, avvolta in una bandiera tricolore, accompagnata da una richiesta di aiuto: “Italia non abbandonarci. Vogliamo una Sanità uguale per tutti. La salute è un diritto di tutti.”

La campagna è accompagnata dall’hashtag #SìalSSN, che richiama «il servizio sanitario nazionale e i suoi valori di equità, uguaglianza e solidarietà come baluardo verso derive che potrebbero produrre cittadini italiani di serie A e cittadini italiani di serie B in alcuni ambiti come la Sanità, a seconda della regione in cui vivono».

«La campagna vuole esprimere la preoccupazione dei professionisti della salute di fronte a una riforma poco trasparente e i timori che possa minare il principio di solidarietà  e il sistema sanitario nazionale nel suo complesso, con gravissime ricadute sulla salute dei cittadini. – spiega Filippo Anelli, presidente OMCeO Bari -. È fondamentale che il sistema sanitario possa continuare a garantire i livelli essenziali delle prestazioni, da cui dipendono fondamentali diritti sociali e civili dei cittadini».

«Finora – prosegue la nota – il sistema sanitario italiano, con tutti i suoi difetti, è riuscito a garantire a tutti i cittadini un livello di assistenza tra i più elevati al mondo, proprio grazie ai principi di equità, solidarietà e uguaglianza su cui si fonda. Il timore diffuso tra i medici è che questo sistema possa essere cambiato non si sa bene come e per quale finalità. I pre accordi sanciscono infatti nuove importanti autonomie delle regioni in tema di sanità: dagli accessi alle scuole di specializzazione, all’ingresso nel Ssn, ma anche per i farmaci equivalenti e i ticket. Il Veneto avrà anche spazio di manovra sulla libera professione e l’Emilia Romagna sulla distribuzione diretta dei farmaci».

LEGGI ANCHE: AUTONOMIA DIFFERENZIATA, LO SMI LANCIA UNA PETIZIONE ONLINE PER FERMARE VOTO DEL PARLAMENTO: «CON RIFORMA AVREMO UNA SOMMA DI SERVIZI SANITARI REGIONALI»

«Si tratta di un percorso pienamente legittimo e riconosciuto dalla Costituzione, ma che sarà deciso dalla trattativa Governo-regioni, con accordi che al momento sono secretati, e senza possibilità di modifiche da parte del Parlamento, che potrà solo approvare o respingere il testo – aggiunge Anelli in riferimento al processo delle autonomie differenziate -. È bene allora che ci sia maggiore trasparenza e chiarezza sui contenuti. Perché dobbiamo mettere in discussione il servizio sanitario nazionale, che ad oggi è uno dei più efficienti al mondo?».

«Il timore – prosegue – è che il passaggio delle competenze sanitarie e delle relative risorse dallo Stato alle Regioni, facendo saltare il fondo sanitario nazionale e i suoi meccanismi di ripartizione, neghi de facto il SSN e la sua capacità di garantire principi come quello di solidarietà. Una riforma di tale portata avverrebbe peraltro senza che ci sia una partecipazione dei cittadini, né un vero e proprio dibattito del Parlamento, che interverrà solo ad accordi fatti. Sostanzialmente, si teme un salto nel buio, tanto da indurre qualcuno a parlare di “secessione dei ricchi” e di divisione del Paese».

«I professionisti della salute esprimono preoccupazione, oltre che sul diritto alla salute dei cittadini, anche sui percorsi formativi e sulla perdita di tutele garantite attualmente dagli accordi nazionali, con il rischio di avere difformità di trattamento a livello contrattuale a seconda delle regioni. Un’altra fonte di preoccupazione è legata alla possibile introduzione di meccanismi di assistenza basati su assicurazioni a carico dei cittadini, con un’assistenza integrativa che sarebbe modulata sulla capacità contributiva dei singoli pazienti».

«Cogliamo questa occasione per trasformare le proposte di autonomia differenziata in un importante momento di partecipazione, – conclude Anelli – attraverso un dibattito pubblico capace di rassicurare cittadini e operatori e di attivare tutte le forze della società civile. Un dibattito che porti verso un regionalismo che non divida ma unisca».

LEGGI ANCHE: FONDO SANITARIO, REGIONI APPROVANO RIPARTO 2019. ANTONIO SAITTA: «SSN SOTTOFINANZIATO, IN NUOVO PATTO DELLA SALUTE RISORSE CERTE»

Articoli correlati
Manovra 2021, alla sanità 4 miliardi: contratti prorogati e fondo per l’acquisto dei vaccini
Il Consiglio dei Ministri ha approvato ‘salvo-intese’ la manovra economica 2021: 39 miliardi complessivi di cui 24 in deficit e 15 di aiuti europei. Aumentata di un miliardo di euro la dotazione del Fondo Sanitario Nazionale. FNOMCeO approva: «Ottimo segnale, ora avviare stagione rinnovi contratti e convenzioni»
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
Ex specializzandi, Anelli (FNOMCeO): «Giusto trovare soluzione transattiva, anche con fondi europei»
Il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici: «Porre fine allo stillicidio tra le giuste richieste dei medici e le resistenze dello Stato. Una transazione può andare incontro alle due esigenze»
Filippo Anelli confermato alla guida dell’Omceo Bari
Altri quattro anni per Anelli in Omceo Bari, con la lista "Autonomia e Innovazione". Gli scrutini si sono conclusi ieri pomeriggio. Ecco gli eletti
A Bari confronto tra istituzioni sulla professione medica. Anelli: «Il Governo si faccia interprete del nostro disagio»
Presenti all’incontro organizzato dall’OMCeO barese Emiliano e Speranza. Il governatore: «Medici straordinari». Il Ministro: «Azzerare imbuto formativo». Il presidente dell’Ordine: «No a gratifiche occasionali. Servono stipendi adeguati, migliori condizioni di lavoro e formazione. Inaccettabili differenze economiche tra contratti MMG e specializzandi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...