Politica 11 Febbraio 2019

Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»

Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici

Lo SMI, il Sindacato Medici Italiani, lancia l’allarme sulla riforma del regionalismo differenziato. E chiede, attraverso una petizione su change.org dal titolo “Fermiamo il percorso di autonomia differenziata del nord”, di rinviare il voto del Parlamento tra pochi giorni.

La petizione è rivolta al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai ministri per gli Affari regionali e le autonomie, Erika Stefani, e della Salute, Giulia Grillo. Una lettera aperta verrà inoltre inviata ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici. «Sì al Servizio sanitario nazionale – dice lo Smi – no al regionalismo differenziato». La petizione «parte dai medici di famiglia e dai pediatri, dagli specialisti ambulatoriali, da quelli dell’emergenza territoriale, dalle ex guardie mediche, dalla dirigenza sanitaria – si legge nell’incipit – per aprire nel Paese un dibattito partecipato con le professioni mediche, con quelle sanitarie, con le associazioni dei malati, con le istituzioni, per continuare ad assicurare il carattere di universalità all’assistenza medica e sanitaria in tutta Italia».

LEGGI ANCHE: SANITA’ IN ITALIA, PRESENTATO RAPPORTO TDM-CITTADINANZATTIVA: «TROPPE DISEGUAGLIANZE, SERVE CONFRONTO SU ‘AUTONOMIA DIFFERENZIATA’»

«Lo Smi – sottolinea il sindacato – si mobilita nel Paese per raccogliere migliaia di firme affinché il regionalismo differenziato, che prevede che ulteriori materie legislative (sanità, istruzione, tutela dell’ambiente eccetera) siano date in esclusiva gestione alle Regioni, sottraendole alla gestione congiunta dello Stato, non rappresenti la pietra tombale del Ssn. In particolare, si lancia un serio allarme perché in tema di sanità le Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna potranno rimuovere i vincoli di spesa a riguardo delle politiche di gestione del personale dipendente convenzionato o accreditato».

«Avranno mano libera in materia di accesso alle Scuole nazionali di specializzazione e potranno stipulare specifici accordi con le università presenti sul territorio regionale. Potranno inoltre redigere contratti a tempo determinato di specializzazione lavoro per medici, alternativi al percorso delle Scuole nazionali di specializzazione, solo per restare alle questioni riguardanti i medici. In questo modo – avverte la sigla sindacale – il Ssn abbandonerà il suo carattere omogeneo e sarà trasformato in una somma di servizi sanitari regionali».

 

 

Articoli correlati
«Siamo come soldati che vanno al fronte a mani nude». Il grido d’allarme dei sindacati: «Mancano dispositivi di protezione»
I sindacati di categoria lamentano le difficoltà organizzative nell’emergenza Coronavirus. Onotri (SMI): «Mancano protocolli standardizzati, in periferie non tutto sta andando per il meglio». Quici (Cimo-Fesmed): «Ospedali impreparati, mancano aree per l’isolamento. Carenza medici può peggiorare». Bottega (Nursind): «In alcune realtà c’è già carenza cronica, grande stress organizzativo». E aggiungono in coro: «Politici, ricordatevi di noi anche fuori dall’emergenza»
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
«Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo». Le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA
VIDEO | 30mila dollari per un parto, 2500 per un braccio rotto, fino a 200mila dollari per un ciclo di chemioterapia. Sono alcuni esempi di quanto possa arrivare a costare la sanità negli Stati Uniti. Ma gli italiani si rendono conto della fortuna di avere un sistema sanitario pubblico e universale? Vediamo cosa ci hanno detto…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 febbraio 2020 sono 83.704 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 36.654 mentre i morti sono 2.859. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...