Politica 13 Febbraio 2019

Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»

Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»

È stata una riunione importante quella di oggi della Conferenza delle Regioni. E non solo perché è stato ripartito il Fondo sanitario nazionale, 111,2 miliardi tra le Regioni. Ma anche perché si è parlato del nuovo Patto della Salute, che dovrà essere firmato entro il 31 marzo. E perché sullo sfondo aleggia la questione dell’autonomia differenziata chiesta da Emilia Romagna, Veneto e Lombardia, un tema che sta dividendo la maggioranza e che vede posizioni molto differenti anche tra i governatori delle regioni.

«Per il terzo anno consecutivo – ha spiegato il presidente della Conferenza delle regioni Stefano Bonaccini – formalizziamo con un accordo unanime la nostra proposta al Ministero della Salute all’inizio dell’anno. Questo significa che diamo un contributo importante alle successive azioni del Ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi. È un fatto molto positivo visto che riguarda un settore fondamentale, come è quello sanitario, dei servizi pubblici».

Nel fabbisogno standard sono state considerate tutte le risorse comprese quelle relative alla quota premiale, pari allo 0,25% del Fondo, circa 286 milioni di euro, per cui nel riparto si è tenuto conto di meccanismi premiali e di riequilibrio che determinano il fabbisogno standard. Ora le Regioni si aspettano che il Ministero proceda celermente perché si arrivi nel più breve tempo possibile al riparto.

«Sul riparto – ha spiegato Bonaccini – sono molto, molto soddisfatto: garantiamo alle Regioni di sapere con certezza adesso quali sono i fondi che possono impiegare nella gestione della sanità nel loro territorio».

La Conferenza di oggi ha visto la presenza anche di numerosi governatori, a partire dal Veneto Luca Zaia, poi Catiuscia Marini dell’Umbria, Michele Emiliano della Puglia e Giovanni Toti della Liguria. Segno che la riunione era particolarmente importante.

Il riparto vede fare la parte del leone alla Regione Lombardia con oltre 18 miliardi (ieri l’assessore alla Salute lombardo Giulio Gallera esultava per aver ottenuto 250 milioni di euro in più), poi il Lazio con quasi 11 miliardi e a seguire Sicilia, Veneto ed Emilia Romagna.

Durante la riunione si è parlato anche del Patto della Salute: ieri un documento della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, guidata dall’assessore del Piemonte Antonio Saitta, aveva posto delle ‘condizioni’ al governo per il rinnovo: no a cambi unilaterali del Patto, risorse certe e non condizionabili dall’andamento dell’economia, revisione dei meccanismi di controllo analitico dei processi e dei costi di singoli fattori produttivi e il passaggio alla individuazione di pochi, sintetici e significativi, indicatori di risultato. E ancora, rivedere piani di rientro e commissariamenti (e niente nomine di nuovi commissari prima del Patto).

«La Corte dei Conti dice che c’è un problema di sottofinanziamento del Sistema sanitario nazionale da cui possono derivare problemi di funzionamento dei servizi. E quindi poniamo il problema delle risorse necessarie», sottolinea a Sanità Informazione Antonio Saitta, Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. «Abbiamo lavorato con grande intensità – continua Saitta – per un documento che io definirei il documento per le premesse di carattere politico e istituzionale per lavorare sul Patto della salute. Non è un lavoro tecnico che si occupa di piccole cose: riguarda il Sistema sanitario, gli obiettivi, il tema del finanziamento, il tema della governance, il tema del rapporto con le regioni. Chiediamo anche il riconoscimento del lavoro che abbiamo fatto come regioni in questi anni, non si può avere sempre un atteggiamento critico verso le regioni».

Saitta poi critica le frequenti ‘invasioni di campo’ del governo sulle competenze delle regioni in tema di sanità: «Il Patto richiede ristabilire qual è il ruolo delle regioni e qual è il ruolo dello Stato. La Carta costituzionale è chiara: le regioni gestiscono, organizzano, ecc. e noi vogliamo evitare invasioni. Chiediamo anche di rivedere i meccanismi per i quali le regioni in piano di rientro devono essere seguite: non più un insieme di tanti dati, elementi. Ma pochi e sintetici. Vogliamo evitare il dirigismo, non ha molto senso. Come regioni abbiamo dimostrato di saper fare, anche se in misura diversa, siamo disponibili a fare il patto per la salute anche in fretta ma non c’è una gerarchia: lo Stato che comanda e gli altri che eseguono. C’è bisogno di una sana e utile collaborazione perché altrimenti non si va da nessuna parte».

Sul tema dell’autonomia differenziata Saitta sottolinea invece che le opinioni sul tema dono diverse tra le varie regioni, ma sembra comprendere le ragioni che hanno portato alcuni governatori a chiedere più autonomia: «Le Regioni che hanno avviato questo percorso partono dalla constatazione che in questi anni alcune delle questioni che sono state poste al governo nazionale non sono state affrontate – sottolinea l’assessore alla Sanità del Piemonte – Da queste tre regioni e da tutte le altre che si stanno aggiungendo c’è la richiesta di occuparsi ad esempio della formazione. È il segno di una difficoltà di rapporti, cioè qual è il ruolo dello Stato e qual è il ruolo delle Regioni. Noi, ad esempio, non abbiamo i medici specialisti, non è che possiamo stare con le mani in mano: ci facciamo la nostra formazione. Ma il tutto deriva dal fatto che bisogna ricostruire un patto generale con delle regole perché non è che noi per le competenze nazionali possiamo aspettare che un giorno si decida sulla formazione e gli effetti li vediamo tra cinque anni. Avendo la competenza dell’organizzazione e della gestione se mancano i medici ne rispondiamo noi direttamente, ma non è un problema politico, ma dei cittadini».

 

Articoli correlati
Direzioni sanitarie, risoluzione Lega allarga platea. Tiramani: «Rivoluzione culturale, potranno essere nominati anche medici più giovani»
Il testo presentato in Commissione Affari Sociali prevede che potranno essere nominati in quel ruolo anche medici che hanno diretto strutture semplici e non per forza complesse. «Così si evitano i soliti nomi e vi è una più ampia possibilità di scelta» aggiunge il deputato del Carroccio
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica
Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...