Politica 17 Novembre 2016 10:52

INTERVISTA | D’Alema: «No ad una riforma che indebolisce il sistema sanità»

L’ex Premier Massimo D’Alema sulla riforma: «Una scelta che toglie potere alle Regioni e lascia poco margine d’azione ai cittadini. L’esecutivo diventa il centro assoluto, non ci sarà più un corretto bilanciamento fra le funzioni»

Il 4 dicembre sarà il giorno della scelta. L’Italia è chiamata al voto sulla riforma Renzi-Boschi. Il fronte del Sì spera in una centralizzazione della sanità per colmare le lacune del malridotto sistema sanitario nazionale su base regionale. Diversa l’opinione per il fronte del No che accusa la riforma di essere solo di facciata e di incoraggiare un centralismo che significherebbe un ritorno al passato. Questa la posizione di Massimo D’alema, uno dei sostenitori più convinti del No alla riforma. L’ex presidente del Consiglio ai nostri microfoni spiega il suo punto di vista.

Il 4 dicembre il Referendum costituzionale, quali le ragioni per votare No?

«Questa riforma è confusa, sbagliata, indebolisce il Parlamento e di conseguenza la sovranità e il controllo dei cittadini. Una Camera sarà nominata dai Consigli regionali, quindi una sorta di Camera di serie B, una sarà nominata in buona parte dai capi dei partiti perché tutti i capilista verranno imposti e saranno eletti d’ufficio, ex-officio. Quindi per i cittadini resterà davvero poco margine d’azione e aggiungo, la cosa che considero più preoccupante, è che questa riforma espropria completamente le Regioni dei loro poteri e questa cosiddetta Camera delle Regioni non ha il potere di discutere il bilancio dello Stato. Per esempio se il Governo decide di tagliare 2 o 3 miliardi destinati al fondo sanitario, cosa di cui si discute e cosa che porterebbe al collasso il Sistema Sanitario Nazionale che vive già grandi difficoltà, lo può fare senza che le Regioni abbiano il potere di porre un veto o di negoziare una scelta diversa. Quindi, quando si dice che questa riforma non rafforza il potere dell’esecutivo non è la verità. In realtà l’esecutivo diventa il centro assoluto non più controbilanciato né da una Parlamento autorevole né da un sistema di Regioni con un potere reale. Ora noi sappiamo quanto la sanità in Italia dipenda dalla forza delle Regioni e se le Regioni non avranno la forza di difendere il fondo sanitario questo si risolverà in un danno molto grave per i cittadini, per la medicina e per i medici».

Articoli correlati
Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»
Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
Vaccini aperti a tutti ma ogni Regione va da sé. Qual è la situazione?
Stop alle classi d’età, da oggi (teoricamente) le adesioni ai vaccini sono libere in tutta Italia. Ecco come si muovono le Regioni e come prenotarsi
Covid-19, gli infermieri per i vaccini a domicilio ai fragili. Il protocollo Ministero-Regioni-Fnopi
In campo infermieri e infermieri pediatrici. Oltre al compenso aggiuntivo, previsti 6,16 euro a inoculazione. Mangiacavalli (Fnopi): «Un ulteriore tassello che dimostra il ruolo e la rilevanza di un’assistenza infermieristica». Contrari Fials e Nursing Up
Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero
Le Regioni propongono una revisione chiara e semplificata dei parametri e chiedono il superamento del modello diviso per colori in base al rischio
Conferenza Regioni, Fedriga: «In arrivo linee guida per riaperture»
Il nuovo presidente della Conferenza delle Regioni Fedriga parla di un documento con linee guida per "tornare alla normalità" con cautela. Interessate ristorazione, palestre, piscine, strutture termali, cinema e spettacoli dal vivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 luglio, sono 194.729.113 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.167.758 i decessi. Ad oggi, oltre 3,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea