Politica 22 Agosto 2022 17:21

Elezioni, nei programmi sanità poche differenze: tutti d’accordo su più assunzioni e aumento stipendi

I quattro principali schieramenti – Azione e Italia Viva, MoVimento 5 stelle, centrodestra e Pd con Verdi e Più Europa – hanno presentato i programmi elettorali. L’abbattimento delle liste di attesa altro elemento di comunanza. Verdi e Sinistra Italiana per ridurre il peso della sanità privata, mentre il M5S chiede di riportare la sanità sotto la gestione dello Stato. Per il centrodestra la lotta al Covid deve avvenire senza nuove restrizioni. Più fondi alla ricerca per Azione – Italia Viva

di Francesco Torre
Elezioni, nei programmi sanità poche differenze: tutti d’accordo su più assunzioni e aumento stipendi

Sono i progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale avviata nell’ultima legislatura i protagonisti dei programmi elettorali di questa tornata. La riforma, che prevede la creazione di oltre 1300 Case di Comunità, va ora completata con quella della medicina generale.

Su più di un punto i programmi vedono convergenze: ad esempio, su nuove assunzioni e sull’aumento delle retribuzioni degli operatori della sanità: il fenomeno del burnout del personale e dei turni massacranti è ritenuto da tutti una delle priorità da risolvere.

Tra le proposte più innovative quella di Verdi – Sinistra italiana di istituire la rete dei medici Sentinella Per l’Ambiente che avranno il compito di individuare eventuali cluster di patologie che possono derivare dall’ambiente. Azione e Italia Viva propongono invece la creazione di una “Protezione civile sanitaria” con professionisti e volontari addestrati al contrasto delle pandemie. Il MoVimento 5 stelle punta, invece, a riformare il Titolo V della Costituzione per riportare la salute alla gestione diretta dello Stato.

Questi i programmi nel dettaglio.

Elezioni, programma sanità Centrodestra: «Estendere esenzione del ticket»

La coalizione di centrodestra, che comprende quattro liste (Noi moderati, Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia) concentra il programma sanità in sette punti. Il primo è quello dello sviluppo della sanità di prossimità e della medicina territoriale, del rafforzamento della medicina predittiva e dell’incremento dell’organico di medici e operatori sanitari.

Sul fronte della pandemia i quattro partiti si propongono l’aggiornamento dei piani pandemici e di emergenza e la revisione del Piano sanitario nazionale, il ripristino delle prestazioni ordinarie e delle procedure di screening, l’abbattimento dei tempi delle liste di attesa.

Come già dichiarato dai responsabili sanità (tra cui Andrea Mandelli per Forza Italia, Luca Coletto per la Lega e Marcello Gemmato per Fratelli d’Italia) non ci saranno nuove restrizioni Covid e anche l’obbligo vaccinale non dovrebbe essere riproposto se non per gli operatori sanitari. “Il contrasto alla pandemia da Covid-19 – si legge – dovrà avvenire attraverso la promozione di comportamenti virtuosi e adeguamenti strutturali (come la ventilazione meccanica controllata e il potenziamento dei trasporti) senza compressione delle libertà individuali”.

Inoltre, propongono l’estensione delle prestazioni medico sanitarie esenti da ticket.

Altro punto è il riordino delle scuole di specializzazione dell’area medica e la revisione del Piano oncologico nazionale.

Sul fronte della tutela delle persone con disabilità c’è il potenziamento di politiche mirate alla piena presa in carico delle persone con disabilità, anche attraverso l’incremento delle relative risorse e maggiori tutele in favore dei lavoratori fragili, immunodepressi e con disabilità grave

Elezioni, programma sanità M5S: «Gestione sanità torni allo Stato»

Il MoVimento 5 Stelle torna alla carica sul tema delle interferenze della politica nelle nomine dei dirigenti sanitari, e promette lo stop a questa pratica sulla scia di un disegno di legge presentato nel corso dell’ultima legislatura.

Punta poi a riformare il Titolo V della Costituzione per riportare la salute alla gestione diretta dello stato ed evitare le attuali disfunzioni dei 20 sistemi regionali, a maggior ragione emerse con la pandemia.

Altro punto è il potenziamento e accessibilità alle terapie innovative e avanzate e gli incentivi per i Pronto soccorso. Anche i pentastellati chiedono un aumento delle retribuzioni per il personale sanitario.

Sul fronte delle politiche sociali puntano a completare l’incremento delle pensioni di invalidità per le persone con disabilità, al potenziamento degli strumenti per i percorsi di vita indipendente delle persone con disabilità e non autosufficienti (proposta contenuta nel Budget di salute presentato alla Camera), all’attuazione della legge delega in tema di disabilità e alla definizione e potenziamento delle tutele per i caregiver.

Elezioni, programma sanità Pd: «Via i tetti di spesa per le assunzioni»

La parte dedicata alla sanità del programma del Partito Democratico è intitolata “La salute pubblica dopo il Covid: cura delle persone e medicina di prossimità”. “Nel vivo della pandemia sono state fatte scelte in chiara discontinuità con le politiche degli ultimi quindici anni” si legge nel programma. Il Pd rivendica l’aumento del Fondo Sanitario Nazionale di 10 miliardi di euro in soli tre anni, cui si sono aggiunti 20 miliardi del PNRR, così come l’aumento delle borse di specializzazione in medicina.

I dem chiedono uno sforzo straordinario per superare l’attuale condizione di stanchezza ed insoddisfazione delle professioni sanitarie messe a dura prova dall’emergenza Covid.

  • Molte delle proposte puntano a rafforzare le riforme del PNRR: a cominciare dalle Case di Comunità. Poi viene lanciato un Piano straordinario per il personale del Ssn, superando definitivamente i tetti di spesa in vigore da più di 10 anni, riducendo il ricorso a personale non strutturato (lavoratori precari, collaborazioni esterne ed esternalizzazioni), rafforzando ed incentivando la presenza sul territorio dei Medici di Medicina generale e degli infermieri di comunità, garantendo il tempestivo rinnovo dei contratti di lavoro.
  • Altro piano straordinario è quello per la salute mentale, per promuovere presa in carico e inclusione attraverso lo sviluppo di modelli organizzativi di prossimità, con Centri di Salute Mentale di piccola scala, fortemente radicati e integrati nelle comunità.
  • Si punta anche alla riforma della non autosufficienza proposta dal Ministro Orlando con un incremento del finanziamento pubblico per l’offerta di interventi e servizi e garantendo riconoscimento e tutele ai caregiver.
  • L’impegno è a dimezzare al 2027 i tempi massimi delle liste di attesa per esami diagnostici e interventi, riformando l’attuale Piano Nazionale Governo Liste d’Attesa con l’introduzione di un sistema di incentivi-sanzioni e di mobilità tra strutture sanitarie.
  • Altro punto è la valorizzazione della telemedicina, delle COT, della teleassistenza, del telemonitoraggio e del teleconsulto, potenziando l’assistenza territoriale in tutto il territorio nazionale. Una proposta è quella dell’istituzione di uno psicologo per le cure primarie.
  • Il potenziamento della farmacia dei servizi, come struttura di prossimità della rete territoriale in raccordo con le Case di Comunità e con la rete delle farmacie italiane, completa il programma.

Elezioni, programma sanità Verdi – SI: «40mila assunzioni in tre anni»

Si intitola “L’Italia in Salute” la parte del programma dedicata alla sanitò di Verdi e Sinistra italiana. Nel programma c’è un duro attacco all’operato del governo Draghi sulla sanità e si sottolinea che “negli ultimi anni il SSN sta venendo progressivamente meno alla sua fondamentale missione: il diritto alla salute non è garantito, la popolazione è sempre meno tutelata di fronte alla malattia, mentre crescono le disuguaglianze tra i cittadini nell’accesso ai servizi. È mandatorio che la salute torni a essere una priorità”.

Verdi e SI chiedono un aumento del fondo sanitario di dieci miliardi nei prossimi tre anni e l’abolizione dei vantaggi fiscali connessi alla sottoscrizione di polizze assicurative sanitarie e alla partecipazione a fondi sanitari integrativi, in quanto riducono la contribuzione degli assicurati al Fondo Sanitario Nazionale, aumentando le disuguaglianze. Per la coppia Bonelli – Fratoianni il peso della sanità privata accreditata nel SSN è enorme: “quasi il 50% delle strutture ospedaliere inserite nel SSN sono private, così come il 60% dei servizi ambulatoriali ed addirittura il 78% dei servizi riabilitativi e l’82% delle strutture residenziali”.

  • Nel programma si chiede che il personale sanitario tutto sia formato alla medicina di genere e un Piano di rafforzamento strutturale del personale dipendente, con l’assunzione di complessivi 40 mila operatori in tre anni, per riportare la dotazione di operatori ai livelli precedenti alla crisi, riducendo contestualmente la spesa per il lavoro precario, le collaborazioni esterne e le esternalizzazioni di servizi.
  • Propongono, inoltre, la promozione dell’uso dei farmaci equivalenti, la definizione di una strategia per i farmaci e vaccini veramente innovativi che ne permetta l’accessibilità a costi ragionevoli per le finanze pubbliche, la revisione delle modalità di funzionamento dell’Agenzia Italiana del Farmaco e dei meccanismi di controllo della spesa, il potenziamento della ricerca indipendente.
  • Chiedono poi che sia normato l’uso e la produzione di sostanze chimiche pericolose, anzitutto i composti perfluoroalchilici (Pfas), dalla loro produzione fino alla loro distruzione e il superamento delle convenzioni nazionali dei medici di famiglia, dei pediatri di libera scelta, degli specialisti ambulatoriali, della medicina dei servizi con inserimento di queste figure professionali nel Contratto Unico di dipendenza dal Servizio Sanitario Nazionale.
  • Altra proposta è l’introduzione dei medici sentinella per l’ambiente (RIMSA): il MMG conosce l’ambiente dove il suo assistito vive e lavora e per questo va istituita una rete dei medici Sentinella Per l’Ambiente.  Questi dovranno essere molto attenti a individuare eventuali cluster di patologie che possono verificarsi tra i suoi assistiti. Se sospetta una causa ambientale deve segnalare quanto osservato alle autorità amministrative e ai decisori politici. Il progetto di medico sentinella è portato avanti da medici per l’ambiente ISDE che ha costituito una rete denominata RIMSA (Rete italiana medici sentinella per l’ambiente).

La dimensione di isolamento delle Residenze per Anziani – secondo Verdi e SI – va superata guardando ad esperienze positive all’estero dove le RSA sono collocate nei quartieri accanto a centri per l’infanzia e a scuole, sono rese accessibili alla popolazione offrendo una idea di integrazione con il tessuto sociale.

Elezioni, programma sanità Azione – Italia Viva: «Tre per cento del Fondo sanitario sia destinato alla ricerca»

La lista guidata da Matteo Renzi e Carlo Calenda punta sul PNRR e sulle riforme ad esso collegate, in particolare alla creazione di quel continuum assistenziale casa, territorio, ospedale di cui si parla da anni.

Come il Pd, anche questo programma chiede l’introduzione dello psicologo di base nelle case di comunità.

Nel programma cenni anche a campagne di prevenzione dalle dipendenze, alla lotta antibiotico-resistenza e alla creazione di una Agenzia nazionale per la prevenzione. Innovativa la proposta di creare una Protezione civile sanitaria con professionisti e volontari addestrati al contrasto delle pandemie.

Grande attenzione al tema delle prestazioni saltate a causa dell’emergenza Covid: la proposta è quella di un Piano straordinario per il recupero delle liste di attesa aumentando le prestazioni di specialistica ambulatoriale, per arrivare a un massimo di 60 giorni di attesa per quelle programmate e 30 per tutte le altre.

Altre priorità sono il Piano strategico nazionale per il sostegno alla filiera delle Scienze della Vita e dei dispositivi medici e la rapida emanazione dei decreti attuativi del testo unico sulle malattie rare. Infine, la proposta di destinare una quota non inferiore al 3% del Fondo sanitario nazionale alla ricerca.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi