Politica 27 Gennaio 2020 10:34

Digitalizzazione e piano del rischio, la sanità lombarda supera l’esame Corte dei Conti. Cajazzo: «Efficienza sì, ma finalizzata alla sicurezza»

L’appello del direttore generale del Welfare di Regione Lombardia al Governo: «Fateci gestire la sanità secondo una logica di adeguatezza di risposte al bisogno»

di Federica Bosco

La strada per la piena efficienza della Regione passa attraverso la digitalizzazione. La sanità Lombarda supera l’esame della Corte dei Conti, nonostante qualche difficoltà nel rispettare i tempi di approvazione del bilancio. Il plauso arriva dalla sezione controllo della Corte dei Conti della Lombardia e dal consigliere Marcello Degni, durante il convegno che ha analizzato proprio la situazione della sanità lombarda a quasi tre anni di distanza dall’entrata in vigore della Legge Gelli Bianco. Degni ha rilanciato sulla necessità di avere una digitalizzazione per avere una contabilità che risponda pienamente alla normativa vigente.

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI: A CHE PUNTO SIAMO? SICILIANO (TRIBUNALE MILANO): «MEDICI DA TUTELARE»

«Da un punto di vista finanziario sicuramente la sanità lombarda ha delle buone performance – ha ammesso Degni – c’è un forte processo di digitalizzazione all’interno del sistema sanitario lombardo che stiamo seguendo e che in alcune aziende è andato più avanti di altri. Quindi è necessario stimolare e fare in modo che le buone pratiche si estendano in tutto il sistema. La digitalizzazione è un fatto fondamentale, ad esempio,  nei quattro istituti di ricerca della Lombardia perché solo attraverso un sistema molto sofisticato si riesce a separare la ricerca dall’assistenza sanitaria ed avere una contabilità che risponda pienamente alla normativa vigente. In generale, la digitalizzazione è molto importante per il fascicolo sanitario, per controllare esattamente e per fare un’analisi raffinata dei costi standard, mentre per le funzioni complesse è necessario un livello molto alto di digitalizzazione».

«Ricordo che Regione Lombardia è una regione virtuosa, in equilibrio di bilancio per la sanità ormai da 15 anni – ha sottolineato Luigi Cajazzo, direttore generale assessorato Welfare – ad esempio, non può assumere personale medico e sanitario perché c’è un tetto di spesa ed è limitata negli investimenti tecnologici perché, anche qui, ci sono tetti di spesa. Quello che chiediamo noi fortemente è che all’interno di una cornice di assoluto equilibrio economico finanziario la regione possa gestire la sanità, non secondo una logica di silos, ma secondo una logica di adeguatezza di risposte al bisogno. Credo che sia una questione di buon senso  che ci viene riconosciuta su tutti i tavoli e speriamo davvero che il dibattito politico si evolva in senso positivo».

«Efficienza sì, ma finalizzata alla sicurezza» ha rimarcato il direttore Cajazzo, nel suo intervento alla Corte dei Conti durante il medesimo convegno. «La sicurezza delle cure è centrale nel dibattito politico – ha spiegato – e nell’affrontare le questioni tecniche che sempre più riguardano il mondo della sanità. Anche recenti scelte fatte da Regione, come la chiusura di alcuni punti nascite o di qualche terapia intensiva neonatale, sono state dettate non solo dalla volontà di uniformarci a criteri nazionali, ma soprattutto all’esigenza che avvertiamo in modo assoluto di garantire la sicurezza dei nostri pazienti».

«Nel 2020 la Regione Lombardia svilupperà ancor di più il modello di sicurezza delle cure – ha aggiunto Cajazzo – sia attraverso la partecipazione all’Osservatorio nazionale, sia attraverso i piani di rischio che annualmente vengono redatti e consolidati nelle nostre strutture. Attentamente sono monitorate dal centro di gestione del rischio che si è insediato nella direzione generale Welfare proprio in attuazione della legge Gelli» ha concluso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
Costo energia, tetto di spesa e contratti: i nodi della sanità privata. Cittadini (AIOP): «Pandemia non ha insegnato nulla»
La presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata chiede di rivedere il tetto che blocca al 2011 la spesa per il privato accreditato. E poi si dice preoccupata per la diminuzione della spesa sanitaria sul PIL: «Con il PNRR costruiamo le Case di comunità ma poi come le gestiremo con una spesa sanitaria inferiore a quella pre-pandemia?»
di Francesco Torre
PNRR, il modello della nuova sanità digitale non convince. L’esperta: «Lacune su sicurezza e competenze»
Per Sarah Ungaro, avvocato e vicepresidente ANORC professioni, le linee guida per la telemedicina e assistenza domiciliare sono confuse e prive di riferimenti precisi su responsabilità, protezione dei dati e formazione del personale. «Se non in linea con l’Europa si rischia uno spreco di fondi»
PNRR e responsabilità professionale, Gelli: «Fondamentale formazione del personale sanitario per non sprecare risorse»
Cosa è cambiato a cinque anni dalla Legge 24 del 2017? Lo abbiamo chiesto alla persona che le ha dato il nome
Sanità del futuro, Speranza ai dg: «Management ruolo chiave, PNRR occasione per rafforzare SSN»
Direttori generali a confronto nel webinar a Roma per discutere la sanità di domani. Tanese (Asl Roma 1): «Il mondo della sanità ha bisogno di un management competente, responsabile e capace di gestire i cambiamenti». Frittelli (Federsanità): «Siamo alla vigilia di una grande rivoluzione del SSN»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto