Politica 5 ottobre 2017

Def: Governo incassa via libera. Gelli (Pd): «Bene apertura su eliminazione superticket»

Più risorse alla sanità eliminando gradualmente il superticket, ecco uno degli impegni contenuti nella risoluzione di maggioranza sulla nota di aggiornamento al Def

Senato e Camera hanno approvato lo scostamento sui conti pubblici previsto dal Def, che fissa l’aggiustamento strutturale per il 2018 allo 0,3%. Sul piano concreto, il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha aperto a possibili interventi su diversi temi sensibili. A partire dalla sanità. Questo, premettendo che «le risorse limitate, come è chiaro a tutti, permettono di rimuovere le clausole di salvaguardia che costituirebbero un freno e un pericolo al consolidamento della crescita se non disattivate».

Nell’ambito dei vincoli di bilancio concordati con l’Ue, ha sottolineato «rimangono risorse limitate ma che possono essere estremante utili in contesto strategia crescita inclusiva e che permettono di intervenire con misure specifiche per contrastare la povertà e aiutare l’occupazione giovanile». Poi, riferendosi alla discussione in aula, ha aggiunto: «Molti hanno citato il sistema sanitario. E’ un ambito nel quale valutare misure di miglioramento e di efficientamento». Per il resto, c’è la risoluzione di maggioranza. Completa sterilizzazione delle clausole di salvaguardia sull’Iva nel 2018; promozione dell’aumento dell’occupazione, in particolare a tempo indeterminato per i giovani, mediante nuovi interventi di decontribuzione del lavoro; rivedere gradualmente il meccanismo del cosiddetto superticket, al fine di contenere i costi per gli assistiti che si rivolgono al sistema pubblico: sono questi gli impegni principali che il governo dovrà rispettare, inserendo le misure necessarie nella prossima legge di bilancio.

«L’apertura del Governo al superamento del superticket non mi stupisce. Questo tema è allo studio da parte del gruppo di lavoro sanità del PD già dallo scorso dicembre» così il Responsabile Sanità del PD, Federico Gelli, commenta la relazione di maggioranza alla Nota di aggiornamento del DEF. «Non a caso ad inizio aprile avevo rilanciato questa proposta dopo aver appreso della volontà di riaprire un tavolo di confronto sul ticket tra Governo e Regioni. La revisione del sistema di compartecipazione alla spesa da parte dei cittadini era già parte integrante del Patto della salute approvata dal Senato che impegna il Governo a rivedere gradualmente il super ticket».

«Il superticket introdotto nel 2011 dal Governo Berlusconi – spiega – ha creato effetti distorsivi a carico dei cittadini sui quali non possiamo più tacere. Per le persone, infatti, è ormai diventato più conveniente in termini economici rivolgersi al privato per buona parte delle prestazioni specialistiche. Investire circa 500 milioni per abolire questo balzello sarebbe un segnale importante di vicinanza ai cittadini, contribuirebbe alla realizzazione di un servizio sanitario più equo e tornerebbe a rendere competitivo il servizio pubblico» conclude Gelli.

Articoli correlati
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
40 anni SSN, Grillo: «No privatizzazione diritti fondamentali». Sulle aggressioni: «Più misure di sicurezza ma c’è problema sociale»
Davanti al Capo dello Stato il racconto di 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale anche attraverso la testimonianza di persone comuni. Il Ministro della Salute ha chiesto l’appoggio dei Governatori «per combattere corruzione, malgoverno e promuovere servizi migliori»
Legge Bilancio, rapporto deficit-Pil fissato al 2,4%. Sileri (Comm. Sanità): «C’è volontà di sbloccare il rinnovo del contratto dei medici»
«Stiamo lavorando contro le ingerenze politiche in sanità», commenta l’esponente Cinque Stelle. Ieri il Cdm ha approvato in via definitiva il ddl contro le aggressioni ai camici bianchi: prevista aggravante e Osservatorio nazionale
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...