Politica 10 Aprile 2019

Def 2019, Bonaccini: «A rischio il fondo sanitario». Grillo replica: «Pronta a farmi saltare in aria se lo toccano»

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini si dice «preoccupato per il Def. Il Paese entra in una recessione praticamente tecnica, con crescita pari a zero»

Immagine articolo

Una crescita che si arresta allo 0,2%, un debito pubblico che peggiora fino a toccare il 132,8% del Pil. Sono questi i numeri che, all’indomani dell’approvazione del Documento di economia e finanza (Def), fotografano l’economia italiana. Previsioni che preoccupano il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini riguardo alla tenuta delle promesse di riforma per il settore della sanità.

Bonacci si dice «preoccupato per il Def. Il Paese entra in una recessione praticamente tecnica, con crescita pari a zero» spiega entrando alla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. «Lo scorso autunno – ricorda il presidente – raggiungemmo un accordo all’unanimità sulla sanità in cui si diceva che l’incremento del fondo sanitario di quest’anno, da 1 miliardo, era troppo poco, ma che a fronte di un accordo che prevedeva 3,5 miliardi di incremento nei prossimi 2 anni si sottoscrivesse una mediazione. Ora vorremmo avere garanzia e conferma di questi 3,5 miliardi, 2 per il prossimo anno e 1,5 per quello successivo». «Se il debito viene fatto per gli investimenti può aiutare la crescita – conclude Bonaccini – ma senza investimenti il debito aumento e non c’è crescita. Qui manca una politica industriale, non si pensa al problema dell’occupazione».

LEGGI: SANITÀ, LE NOVITÀ DEL DEF 2019: ASSUNZIONI, DIGITALIZZAZIONE E LISTE D’ATTESA

LA REPLICA

Immediata la replica del ministro della Salute Giulia Grillo che si dice pronta a farsi «saltare in aria se toccano i fondi alla sanità». Intervistata su Tgcom24, specifica come «noi siamo già un paese molto virtuoso e già spendiamo poco per esempio rispetto a Francia e Germania, ma i 2 mld previsti per il 2020 per quanto mi riguarda non devono essere toccati perché ci servono per far andare avanti il SSN».

Grillo poi precisa che però ci sono margini su cui risparmiare. «In questi mesi stiamo lavorando ad un decreto per gli standard dell’assistenza territoriale. Noi oggi siamo molto bravi sull’ospedalità, dove abbiamo degli standard e ridotto le inefficienze. Però sulla medicina del territorio dobbiamo efficientare la spesa e lì c’è molto margine e dobbiamo ridurre gli sprechi».

IL REGIONALISMO DIFFERENZIATO

Intanto il ministro della Salute Giulia Grillo va avanti nel progetto di regionalismo differenziato. In audizione presso la Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale, Grillo ha sottolineato che il Ministero della Salute «guarda con favore le istanze delle Regioni finalizzate ad accrescere le loro prerogative organizzative, ad intensificare l’autonomia nella gestione e nella provvista di personale, nonché ad assicurare ulteriori opportunità di formazione, anche specialistica. Ciò è tanto più vero che, a mio parere, – spiega Grillo – tali facoltà dovrebbero essere riconosciute a tutte le regioni, in modo da avanzare davvero nel percorso di autonomia che la nostra Costituzione già riconosce alle Regioni».

Il ministro ha sottolineato che «il divario Nord-Sud rimane evidente e in larga misura immutato in termini di servizi offerti, per quantità e qualità, di speranza di vita, di accesso alle cure e di liste di attesa. Ne è ulteriore testimone l’ormai insostenibile peso della migrazione sanitaria che affligge una consistente porzione di nostri concittadini che risiedono nel Centro-Sud». E ha continuato: «Pur nella piena consapevolezza della preminenza, ben scolpita nel nostro ordinamento, del ruolo regionale in materia sanitaria, va anche detto che l’attuazione dei piani di rientro, l’andamento dei commissariamenti e l’applicazione dei Patti per la salute ci dicono che il sistema, nel suo complesso, necessita di una “manutenzione straordinaria” che non può prescindere da un ripensamento del ruolo del governo centrale».

LEGGI ANCHE: REGIONALISMO DIFFERENZIATO, AMATO (OMCEO PALERMO): «COSÌ COM’È CITTADINI DEL SUD NON AVRANNO BENEFICI»

Sempre in Commissione il ministro Grillo ha spiegato che il suo ministero pensa a un “rovesciamento” del punto di vista e di gestione della Sanità italiana che porterà ad una vera e propria rivoluzione di approccio, di gestione e di misurazione dei risultati. L’intenzione è far sì, ha detto il ministro, «che il monitoraggio della spesa sia finalmente basato su una logica di processo orientata alla patologia, nonché sulle principali malattie ad alto impatto e sulla misura del valore».

«L’obiettivo – ha aggiunto – è quello di costruire un “modello predittivo” del fabbisogno di salute
della popolazione italiana per simulare scenari a medio-lungo termine in base alle informazioni disponibili, in modo da consegnare uno strumento innovativo per il decisore politico». «Il modello – ha chiarito Giulia Grillo – proverà a simulare gli impatti delle manovre non solo sul perimetro del Servizio sanitario nazionale”, ma anche “sul welfare nel suo complesso, misurando gli effetti delle potenziali azioni sia sul fondo sanitario nazionale che su tutte le voci di spesa a carico del bilancio dello Stato».

LA REAZIONE DEL MONDO MEDICO

«Esprimiamo il nostro apprezzamento in merito alle ultime dichiarazioni del Ministro della Salute Giulia Grillo, relativamente alle disuguaglianze di salute tra le diverse Regioni e alla formazione dei medici. La strada è quella giusta: ora ci aspettiamo iniziative concrete, che saremo i primi a sostenere». Così il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, commenta le affermazioni del Ministro che oggi, in audizione di fronte alla Commissione parlamentare per l’attuazione del Federalismo fiscale, ha rimarcato come il Servizio sanitario nazionale, «pur avendo garantito un sostanziale universalismo, sembra avere tradito alcune aspettative: prima tra tutte quella della riduzione delle disparità geografiche. Il divario Nord-Sud rimane evidente e in larga misura immutato in termini di servizi offerti, per quantità e qualità, di speranza di vita, di accesso alle cure e di liste di attesa».

Articoli correlati
Aggredite due dottoresse in servizio, ma l’uomo non viene arrestato e le minaccia di nuovo
Teatro della violenza l’ospedale San Giovanni di Roma. Le due donne erano intente a salvare un paziente quando sono state aggredite da un tossicodipendente. I dati FNOMCeO: 1.200 le denunce 'ufficiali' all'Inail ogni anno
ECM, Lavalle (OMCeO Bari): «Medici obbligati moralmente a formarsi per rapporto con pazienti»
Il vicepresidente OMCeO di Bari, Franco Lavalle si dice soddisfatto dell’azione intrapresa dalla Federazione Medici Chirurghi e Odontoiatri riguardo l’aggiornamento professionale: «A Bari ogni anno organizziamo una ventina di corsi»
Stati generali, Anelli(FNOMCeO): «Specializzandi ultimo anno in SSN, così 5mila borse in più»
Al via gli Stati Generali della Professione medica. Il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli: «Elaboreremo un documento finale che orienterà la professione e il ruolo del medico all’interno della società». Un percorso che condurrà a scrivere la Magna Carta della professione
Giornata malato oncologico, De Lorenzo (FAVO): «Spesa aggiuntiva per le famiglie di 40mila euro l’anno, cresce il disagio»
È quanto risulta dall’11esimo Rapporto della FAVO sulla condizione assistenziale dei malati oncologici presentato oggi in Senato. «Fino a 400-450 euro all'anno sono spesi in farmaci non coperti dal SSN» dichiara il presidente Francesco De Lorenzo ai nostri microfoni
“Offre l’Italia”, la campagna social di FNOMCeO contro la fuga dei medici all’estero
«Ogni anno, 1500 medici vanno a specializzarsi all’estero. E non tornano. Costano all’Italia oltre 225 milioni», spiega la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...