Politica 10 Settembre 2019 12:49

Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»

Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci…». Parla anche la senatrice Fregolent

Scetticismo e preoccupazione è quello che si legge nelle parole dei senatori della Lega quando si parla del cambio di vertice al Ministero della Salute. Con l’allontanamento dell’ormai ex ministro del M5S, Giulia Grillo, il ministero di Lungotevere Ripa è ora in quota Liberi e Uguali con il neo ministro Roberto Speranza.

Se le battute sul neoministro si sprecano: da ‘fede, Speranza e carità’ a ‘Speriamo bene’, il leader della Lega, Matteo Salvini è caustico nel giudizio: «Il cognome depone a suo favore, le competenze no», ha dichiarato prima di raggiungere il Senato per seguire il dibattito in Aula in occasione della fiducia.

LEGGI ANCHE: ROBERTO SPERANZA: ABOLIZIONE SUPERTICKET E ASSUNZIONI. ECCO CHI E’ IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE

Meno radicale il deputato Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «È una persona valida tecnicamente, bisogna però capire quale sarà la politica di questo nuovo governo». Poi rivendica il lavoro svolto dal governo gialloverde: «Innanzitutto noi abbiamo lasciato 2 miliardi di incremento del Fondo sanitario nazionale, verranno confermati tutti? Ce lo auguriamo. Dal momento in cui il governo è alla ricerca di 40 miliardi, questi 2 miliardi erano tra i primi a rischio». Mentre non nasconde la preoccupazione per la riforma sul regionalismo differenziato: «Sarebbe un errore, – continua Garavaglia ai microfoni di Sanità Informazione – perché è la vera sfida per migliorare le performance delle Regioni. C’è una certa retorica che pensa che questo sia contro il Sud, ma è esattamente l’opposto. È il modo per liberare le energie dei territori».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il senatore Gianfranco Rufa, componente della Commissione Igiene e Sanità, anche relatore del ddl Antiviolenza. Una norma molto attesa tra gli operatori sanitari, come ricorda lo stesso Rufa: «Ultimamente abbiamo avuto un altro caso (ndr. di aggressione) a Napoli. Questa è una conferma del lavoro che è stato fatto, che il disegno di legge è una necessità. Spero che non venga rimosso, – continua il senatore leghista – che non venga modificato. Se vogliono cambiargli nome non è un problema, l’importante è che venga applicato il prima possibile».

«Noi speriamo che il lavoro fatto finora non venga buttato», rimarca la leghista Sonia Fregolent. «In questi mesi credo che in Commissione abbiamo lavorato con responsabilità e consapevolezza. Speriamo che quanto fatto venga salvato nell’interesse dei cittadini». Ed è la riforma della Legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale, il tema che più sta a cuore alla senatrice: «Per noi è prioritario che i bambini vadano a scuola, anche perché è paradossale che fino ai sei anni non possono andare a scuola se non sono vaccinati, dai sei anni invece pagando solo una sanzione amministrativa possono andare. Allora mi chiedo, a questo punto i bambini immunodepressi non ci sono più?». Infine, il giudizio sulla nuova formazione giallorossa: «Questo è un governo che nasce all’interno dei Palazzi, è un governo che non rispetta la volontà dei cittadini e quindi il nostro giudizio non può essere che negativo».

Articoli correlati
Violenza su operatori sanitari, casi in aumento. Protocolli con forze di polizia e Osservatorio, la legge resta zoppa
Approvata otto mesi fa, la Legge 113 del 2020 fatica ancora a trovare applicazione. Il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «La legge funziona bene se Ordini e istituzioni intervengono». L’ex Ministro Grillo apre a una modifica: «Bisogna prendere spunto da quello che accade ogni giorno, ad esempio nei Pronto soccorso». Nessuno Tocchi Ippocrate: «No vax fomentano paure»
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Vaccini, Regimenti (Lega): «Diversificare acquisto e non limitarsi a quelli a mRNA, serve migliore offerta per cittadini»
L'eurodeputata della Lega chiede chiarimenti alla Commissaria alla Salute Kyriakides «sul contratto stipulato recentemente con Pfizer solleverebbe l’azienda da qualsiasi responsabilità una volta consegnate le dosi»
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Tumori, Lega presenta mozione alla Camera: «Sostenere Piano oncologico europeo e Piano Samira. Usare fondi del Next Generation»
Il testo è a prima firma della deputata Vanessa Cattoi: «Su temi come questi, ci aspettiamo tempi rapidi e massima condivisione in Parlamento. Non dimentichiamoci che, accanto alla pandemia, oggi in Italia convivono con il cancro 3,6 milioni di persone»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...