Politica 10 Settembre 2019 12:49

Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»

Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci…». Parla anche la senatrice Fregolent

Scetticismo e preoccupazione è quello che si legge nelle parole dei senatori della Lega quando si parla del cambio di vertice al Ministero della Salute. Con l’allontanamento dell’ormai ex ministro del M5S, Giulia Grillo, il ministero di Lungotevere Ripa è ora in quota Liberi e Uguali con il neo ministro Roberto Speranza.

Se le battute sul neoministro si sprecano: da ‘fede, Speranza e carità’ a ‘Speriamo bene’, il leader della Lega, Matteo Salvini è caustico nel giudizio: «Il cognome depone a suo favore, le competenze no», ha dichiarato prima di raggiungere il Senato per seguire il dibattito in Aula in occasione della fiducia.

LEGGI ANCHE: ROBERTO SPERANZA: ABOLIZIONE SUPERTICKET E ASSUNZIONI. ECCO CHI E’ IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE

Meno radicale il deputato Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «È una persona valida tecnicamente, bisogna però capire quale sarà la politica di questo nuovo governo». Poi rivendica il lavoro svolto dal governo gialloverde: «Innanzitutto noi abbiamo lasciato 2 miliardi di incremento del Fondo sanitario nazionale, verranno confermati tutti? Ce lo auguriamo. Dal momento in cui il governo è alla ricerca di 40 miliardi, questi 2 miliardi erano tra i primi a rischio». Mentre non nasconde la preoccupazione per la riforma sul regionalismo differenziato: «Sarebbe un errore, – continua Garavaglia ai microfoni di Sanità Informazione – perché è la vera sfida per migliorare le performance delle Regioni. C’è una certa retorica che pensa che questo sia contro il Sud, ma è esattamente l’opposto. È il modo per liberare le energie dei territori».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il senatore Gianfranco Rufa, componente della Commissione Igiene e Sanità, anche relatore del ddl Antiviolenza. Una norma molto attesa tra gli operatori sanitari, come ricorda lo stesso Rufa: «Ultimamente abbiamo avuto un altro caso (ndr. di aggressione) a Napoli. Questa è una conferma del lavoro che è stato fatto, che il disegno di legge è una necessità. Spero che non venga rimosso, – continua il senatore leghista – che non venga modificato. Se vogliono cambiargli nome non è un problema, l’importante è che venga applicato il prima possibile».

«Noi speriamo che il lavoro fatto finora non venga buttato», rimarca la leghista Sonia Fregolent. «In questi mesi credo che in Commissione abbiamo lavorato con responsabilità e consapevolezza. Speriamo che quanto fatto venga salvato nell’interesse dei cittadini». Ed è la riforma della Legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale, il tema che più sta a cuore alla senatrice: «Per noi è prioritario che i bambini vadano a scuola, anche perché è paradossale che fino ai sei anni non possono andare a scuola se non sono vaccinati, dai sei anni invece pagando solo una sanzione amministrativa possono andare. Allora mi chiedo, a questo punto i bambini immunodepressi non ci sono più?». Infine, il giudizio sulla nuova formazione giallorossa: «Questo è un governo che nasce all’interno dei Palazzi, è un governo che non rispetta la volontà dei cittadini e quindi il nostro giudizio non può essere che negativo».

Articoli correlati
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
di Francesco Torre
Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»
A Roma l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso FNOPI. La presidente Mangiacavalli sugli obiettivi della sanità del futuro: «Integrazione multiprofessionale, recupero di prestazioni e interventi “persi” in pandemia, aumento del personale infermieristico»
Cittadini (Aiop): «Al SSN serve una nuova programmazione sanitaria, valorizzare ruolo componente privata»
Incontro sul PNRR per fare il punto sui fondi europei e sulle politiche nazionali dedicate alla salute. Nel corso dei lavori è stata presentata una ricerca dell’Università Bocconi sul “ruolo della componente di diritto privato del SSN per l'implementazione di Next Generation EU
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...