Politica 10 Settembre 2019

Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»

Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci…». Parla anche la senatrice Fregolent

Scetticismo e preoccupazione è quello che si legge nelle parole dei senatori della Lega quando si parla del cambio di vertice al Ministero della Salute. Con l’allontanamento dell’ormai ex ministro del M5S, Giulia Grillo, il ministero di Lungotevere Ripa è ora in quota Liberi e Uguali con il neo ministro Roberto Speranza.

Se le battute sul neoministro si sprecano: da ‘fede, Speranza e carità’ a ‘Speriamo bene’, il leader della Lega, Matteo Salvini è caustico nel giudizio: «Il cognome depone a suo favore, le competenze no», ha dichiarato prima di raggiungere il Senato per seguire il dibattito in Aula in occasione della fiducia.

LEGGI ANCHE: ROBERTO SPERANZA: ABOLIZIONE SUPERTICKET E ASSUNZIONI. ECCO CHI E’ IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE

Meno radicale il deputato Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «È una persona valida tecnicamente, bisogna però capire quale sarà la politica di questo nuovo governo». Poi rivendica il lavoro svolto dal governo gialloverde: «Innanzitutto noi abbiamo lasciato 2 miliardi di incremento del Fondo sanitario nazionale, verranno confermati tutti? Ce lo auguriamo. Dal momento in cui il governo è alla ricerca di 40 miliardi, questi 2 miliardi erano tra i primi a rischio». Mentre non nasconde la preoccupazione per la riforma sul regionalismo differenziato: «Sarebbe un errore, – continua Garavaglia ai microfoni di Sanità Informazione – perché è la vera sfida per migliorare le performance delle Regioni. C’è una certa retorica che pensa che questo sia contro il Sud, ma è esattamente l’opposto. È il modo per liberare le energie dei territori».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il senatore Gianfranco Rufa, componente della Commissione Igiene e Sanità, anche relatore del ddl Antiviolenza. Una norma molto attesa tra gli operatori sanitari, come ricorda lo stesso Rufa: «Ultimamente abbiamo avuto un altro caso (ndr. di aggressione) a Napoli. Questa è una conferma del lavoro che è stato fatto, che il disegno di legge è una necessità. Spero che non venga rimosso, – continua il senatore leghista – che non venga modificato. Se vogliono cambiargli nome non è un problema, l’importante è che venga applicato il prima possibile».

«Noi speriamo che il lavoro fatto finora non venga buttato», rimarca la leghista Sonia Fregolent. «In questi mesi credo che in Commissione abbiamo lavorato con responsabilità e consapevolezza. Speriamo che quanto fatto venga salvato nell’interesse dei cittadini». Ed è la riforma della Legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale, il tema che più sta a cuore alla senatrice: «Per noi è prioritario che i bambini vadano a scuola, anche perché è paradossale che fino ai sei anni non possono andare a scuola se non sono vaccinati, dai sei anni invece pagando solo una sanzione amministrativa possono andare. Allora mi chiedo, a questo punto i bambini immunodepressi non ci sono più?». Infine, il giudizio sulla nuova formazione giallorossa: «Questo è un governo che nasce all’interno dei Palazzi, è un governo che non rispetta la volontà dei cittadini e quindi il nostro giudizio non può essere che negativo».

Articoli correlati
Liste d’attesa, 500 milioni per azzerarle entro fine anno. Anche con servizi aperti di sera e nei weekend
La bozza del Dl Agosto individua gli strumenti per combattere le liste d’attesa che si sono allungate a causa del Covid: assunzioni, prestazioni aggiuntive, nuovi compiti agli specializzandi e acquisto di prestazioni dal privato
Speranza: «Distanziamento sui treni essenziale per non vanificare sforzi degli italiani»
Durante il question time alla Camera, il ministro della Salute classifica l'ordinanza del 1 agosto che ristabilisce il distanziamento sui treni come essenziale e prosegue: «Penso che dovremmo insistere su questa regola insieme alle regioni»
Sanità, Regimenti (Lega): «Anche da Corte dei Conti esigenza recupero Forlanini»
i«Il recupero dell’ospedale Forlanini di Roma è un’esigenza da perseguire anche per la Corte dei Conti. Il presidente della Regione Lazio Zingaretti, che nel 2015 chiuse questo nosocomio, punto di riferimento per lo sviluppo, la ricerca e l’assistenza e polo d’eccellenza e di avanguardia per la cura delle malattie polmonari, ne prenda atto e non […]
Chimici e Fisici incontrano il Ministro Speranza: focus su scuole di specializzazione, esame di stato e valorizzazione ruolo sanitario
Tra le proposte portate dalla Presidente della FNCF Nausicaa Orlandi e dal Segretario Daniela Maurizi le disposizione transitorie per la riforma del sistema ordinistico, l'attivazione di scuole di specializzazione, la definizione del trattamento economico per specializzandi di area non medica, la partecipazione ai tavoli di lavoro del Testo Unico sulla Sicurezza e potenziamento del ruolo nelle ARPA
“L’Europa alla prova del Coronavirus”, nell’ebook di Luisa Regimenti le sfide della sanità e dell’Ue nel post Covid
Nel saggio, scritto durante il lockdown, l'eurodeputata della Lega riflette sul ruolo dell'Unione europea e su prospettive e priorità di rinascita che la pandemia ha reso ormai indifferibili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»