Politica 9 Luglio 2019 18:31

Aggressioni operatori sanitari, approvato il Ddl in Commissione Sanità: inasprite le pene e introdotta la procedibilità d’ufficio

Previsto inoltre un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari al ministero della Salute. Il ministro Grillo: «Un passo importante contro gli odiosi episodi di aggressioni e minacce in corsia»

Aggressioni operatori sanitari, approvato il Ddl in Commissione Sanità: inasprite le pene e introdotta la procedibilità d’ufficio

«Via libera della Commissione Sanità al Senato al Ddl sulla sicurezza degli operatori sanitari. Un passo importante contro gli odiosi episodi di aggressioni e minacce in corsia. Chi cura e presta soccorso va tutelato sempre. Auspico che diventi presto legge», lo ha annunciato con un tweet il ministro della Salute Giulia Grillo.

Aggravanti per chi commette atti di violenza contro gli esercenti le professioni sanitarie mentre lavorano e istituzione di un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari al ministero della Salute, per monitorare gli episodi di violenza e l’attuazione delle misure di prevenzione. Questi i due pilastri del disegno di legge che ora attende di essere calendarizzato in Aula.

LEGGI ANCHE: UN MEDICO SU DUE HA SUBITO AGGRESSIONI, GRILLO E ANELLI: «È EMERGENZA, SI APPROVI SUBITO DDL ANTI-VIOLENZA»

«Abbiamo previsto con un emendamento a mia prima firma, che siano riconosciute sempre le circostanze aggravanti quando si aggrediscono gli esercenti le professioni sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni per consentire sempre la procedibilità d’ufficio. Questo perché chiunque aggredisce un operatore sanitario commette un reato contro tutti i cittadini: colpire qualcuno che dedica la propria vita agli altri è criminale e moralmente vergognoso», ha dichiarato in una nota la capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, Maria Domenica Castellone. «Ringrazio la Commissione per il lavoro svolto e mi auguro che il testo, in sede redigente, possa approdare presto in Aula per la sua approvazione», le fa eco il presidente della commissione Pierpaolo Sileri, del Movimento 5 Stelle.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, GRASSELLI: «SITUAZIONE GRAVE. SE NON CI ASCOLTANO INZIATIVE E MANIFESTAZIONI IN TUTTO IL PAESE»

Inasprite anche le pene. Con l’approvazione dell’emendamento dell’esponente della Lega, Gianfranco Rufa, chi usa violenza ai danni di un operatore sanitario rischia fino a 16 anni di carcere. «Esprimo soddisfazione per il via libera, da parte della Commissione sanità del Senato, al mio emendamento che prevede un inasprimento delle pene per chi commette violenze contro gli operatori sanitari. Si tratta di una battaglia di civiltà – ha commentato il senatore della Lega e componente Commissione Igiene e Sanità, Gianfranco Rufa -, di rispetto e di tutela nei confronti di chi lavora tutti i giorni per garantire la salute delle persone, una risposta concreta alle esigenze di una categoria su una problematica che, purtroppo, è da tempo di attualità. Auspico che il consenso trovato in Commissione possa ripetersi anche in aula: mi auguro che l’impegno per contrastare questo fenomeno trovi la più ampia condivisione, affinché gli operatori sanitari possano lavorare in serenità e senza che la propria incolumità venga messa a rischio da aggressioni».

Articoli correlati
Piano oncologico nazionale, dal Senato ok bipartisan a Odg
Il Senato ha approvato un ordine de giorno unitario sul Piano Oncologico Nazionale con 187 voti a favore e 2 astenuti. Il Sottosegretario di Stato per la salute Pierpaolo Sileri ha comunicato che il Governo ha trasmesso il piano oncologico nazionale alla Conferenza Stato-Regioni e che una riunione tecnica è prevista il prossimo 8 luglio
Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?
A causa dell'aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l'estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l'arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d'accordo
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale