Politica 14 Febbraio 2020

Ddl aggressioni, Nursing Up: «Approvazione solo un primo passo, ma inefficace a fermare l’emergenza»

«È chiaro che senza il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale al personale sanitario la norma avrà scarsa efficacia» commenta il presidente Antonio De Palma in una nota

«Il via libera delle Commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera dei deputati al Ddl sulla sicurezza del personale sanitario è solo un primo passo, ma tante cose restano ancora da fare per fronteggiare questa terribile emergenza che colpisce ogni giorno gli infermieri italiani e gli altri operatori sanitari. Si poteva fare di più e meglio, così come proponeva la prima firmataria della norma, l’onorevole Michela Rostan, a cui va la nostra solidarietà: è chiaro che senza il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale al personale sanitario, la norma avrà scarsa efficacia». Così il presidente Nursing Up Antonio De Palma in una nota.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, OK IN COMMISSIONI CAMERA AL DDL SULLA SICUREZZA DEL PERSONALE SANITARIO. MA NON MANCANO LE POLEMICHE

«A poco serve – prosegue – istituire un Osservatorio che osservi ex post gli accadimenti, bisogna che ci siano dei presidi di monitoraggio in tutte le Aziende sanitarie e che abbiano potere di intervento. Le Aziende sanitarie, dal canto loro, devono essere messe in condizioni di creare veri e propri servizi di protezione del personale sanitario da far scattare al bisogno. Quindi vanno studiati dei modelli organizzativi, in base ai quali nel momento dell’emergenza si attivi in automatico l’intervento del personale di sorveglianza. Se non viene data una maggior tutela ai camici verdi impiegati nel 118 e nei Pronto soccorso – aggiunge il presidente Nursing Up – se ne assumeranno la responsabilità i decisori politici».

«Noi del sindacato di categoria conosciamo bene cosa accade sui territori – argomenta De Palma – e quanto l’emergenza delle violenze sia cresciuta negli ultimi anni creando gravi disagi ai lavoratori. A poco è servito aver lanciato l’allarme e aver acceso i riflettori sul tema anche con una campagna mediatica ad hoc, se poi non ci è stato concesso di essere ascoltati durante le audizioni nelle Commissioni che si occupavano degli emendamenti al Ddl Grillo. In nome dell’accelerazione per l’approvazione, sembra che il testo della norma sia rimasto più o meno quello approvato all’unanimità al Senato (Ddl 867) in prima lettura a fine anno».

«L’aggravio delle pene per gli aggressori e la procedibilità d’ufficio che noi abbiamo fortemente chiesto sono un primo importante passo – spiega ancora De Palma – ma siamo molto dubbiosi». L’onorevole Rostan ha raccontato nelle scorse ore in un suo post che il voto contrario alla proposta di modifica del Ddl l’ha colta alla sprovvista, lasciando emergere ‘il più totale disinteresse per i problemi di una categoria – si legge – che quotidianamente si adopera per tutelare la nostra salute tra mille problemi logistici e organizzativi’. «Non ci meraviglia – conclude De Palma – dal momento che le Commissioni non hanno voluto ascoltarci proprio su questo delicato problema che riguarda noi infermieri. E di questo il Nursing Up chiede conto ai due presidenti della Commissioni Francesca Businarolo e Marialucia Lorefice».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Infermiere di famiglia, De Palma: «Non limitarlo ad assistenza domiciliare». Beux: «Attenti a sovrapposizioni con assistente sanitario»
Nel corso delle audizioni in Senato, il presidente del sindacato Nursing Up Antonio De Palma chiede l’istituzione di una “Convenzione nazionale” sul modello dei medici di famiglia. Per il presidente del maxi ordine delle professioni sanitarie Alessandro Beux il territorio va rafforzato anche con altre figure professionali che garantiscano un ampio ventaglio di prestazioni, dalla riabilitazione alla diagnostica
Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»
Tra le rivendicazioni: rinegoziazione del contratto con minimi europei, competenze riconosciute e possibilità di andare in ferie
di Federica Bosco
Ddl aggressioni, via libera dalla Camera: pene più severe e multe fino a 5mila euro. Salta obbligo di costituzione parte civile per aziende sanitarie
Il testo, approvato all’unanimità da parte di Montecitorio, inasprisce le pene per chi aggredisce verbalmente o fisicamente il personale sanitario. Ora ultimo passaggio in Senato. Le reazioni
Giornata Internazionale dell’Infermiere, De Palma (Nursing Up): «Noi soldati senza paura. Gli infermieri ci sono e ci saranno sempre»
«Certamente quello di oggi, simbolicamente parlando, non può essere considerato un giorno come tanti. Ma allo stesso tempo, non è solo attraverso una data, non è solo con una celebrazione come quella odierna, che dobbiamo ricordare all’Italia e al mondo il ruolo degli infermieri, il loro “peso specifico” nel panorama della sanità nazionale». Così il Presidente […]
Coronavirus, De Palma a Conte: «Infermieri muoiono in casa senza tampone, già terzo caso»
In una lettera-denuncia a Conte, ai ministri Speranza e Dadone, e alle Regioni, il presidente del sindacato Nursing Up Antonio De Palma lancia l’allarme degli infermieri, tra turni insostenibili, Dpi scarsi o di pessima qualità, e ora anche il rischio di morire abbandonati dentro casa, senza neanche quell’assistenza a cui hanno consacrato la loro stessa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli