Politica 30 novembre 2018

Crollo Ponte Morandi, Viale (Ass. Sanità Liguria): «Mettiamo a disposizione del Sistema Paese la nostra risposta ad una emergenza unica nel suo genere»

Intervenuta al Forum Risk Management di Firenze, la titolare della sanità ligure sottolinea: «Siamo stati in mezzo alle persone e tutto il sistema ha funzionato: è stato un gioco di squadra importante». Poi aggiunge: «Genova non è in ginocchio, ora fare giustizia su quello che è accaduto»

Immagine articolo

Un modello di gestione dell’emergenza sanitaria da esportare anche nelle altre regioni. È quello che ha presentato al Forum Risk Management di Firenze l’assessore alla Sanità della Regione Liguria Sonia Viale accompagnata da altri dirigenti della sanità ligure, a partire dal Commissario Straordinario A.Li.Sa. Walter Locatelli. L’evento, tragico, a cui ha dovuto far fronte la macchina emergenziale ligure è il crollo del viadotto Polcevera di Genova sulla A10, più noto come ‘Ponte Morandi’, crollato il 14 agosto per cause su cui la magistratura sta indagando. Sanità Informazione aveva già avuto modo di raccontare la risposta dei medici di base genovesi all’evento, i cui ambulatori sono rimasti aperti anche il giorno di ferragosto. Ma è stata tutta la Regione a mobilitarsi per prestare soccorso a feriti e sfollati di quel tragico evento. «Nell’immediatezza c’è stata una risposta importante. Il 112, il numero unico di emergenza, ha ricevuto quel giorno circa 9mila chiamate che sono state tutte evase. Il sistema di soccorso ha funzionato sul posto così come nella rete ospedaliera limitrofa», ha spiegato a Sanità Informazione l’assessore Sonia Viale che mette a disposizione delle altre regioni e del sistema Paese il sistema organizzativa messo in campo a Genova. «Il crollo del ponte – aggiunge Viale – ha una sua unicità sul fronte sanitario che ha richiesto risposte non erano supportate da protocolli esistenti».

LEGGI ANCHE: PONTE MORANDI, IL RACCONTO DEL MEDICO: «NOI CAMICI BIANCHI GENOVESI IN PRIMA LINEA. ORA LA CITTA’ HA VOGLIA DI RIPARTIRE»

Assessore Viale, qui a al Risk Management Forum portate un modello di gestione dell’emergenza che purtroppo avete dovuto mettere in pratica in occasione del crollo del Ponte Morandi. In cosa consiste e quali sono le caratteristiche di questo modello che mettete a disposizione delle altre regioni?

«L’evento ha una sua unicità nella storia del nostro Paese che è abituato purtroppo ad affrontare drammi legati molte volte ad eventi naturali come i terremoti, ma il crollo del ponte a Genova ha davvero una sua unicità che ha richiesto risposte immediate sul fronte sanitario che non erano supportate da protocolli esistenti. Intanto è stato fatto subito un piano operativo: nel giro di pochissimo le sale operatorie del Policlinico San Martino erano pronte ad accogliere i feriti che purtroppo sono stati in numero inferiore a quelle che potevano essere le attese in quanto ci sono state più vittime, 43 morti: il cordoglio e il ricordo ogni volta va a loro e alle loro famiglie. Nell’immediatezza c’è stata una risposta importante. Il 112, il numero unico di emergenza, ha ricevuto quel giorno circa 9mila chiamate che sono state tutte evase. Il sistema di soccorso sul posto ha funzionato e altrettanto nella rete ospedaliera limitrofa. Poi però si è aperta una seconda fase: l’accompagnamento psicologico agli sfollati, ai feriti, ai familiari e agli operatori stessi e il fatto che bisognava limitare il più possibile gli spostamenti della popolazione per bisogno di salute a causa dell’interruzione dei collegamenti in città e tra l’area del levante e del ponete della stessa regione. Abbiamo potenziato tutte le prestazioni ambulatoriali dei distretti, abbiamo fatto spostare le equipe mediche per prestazioni ambulatoriali nei territori che hanno difficoltà di collegamento, abbiamo supportato gli stessi lavoratori con delle iniziative per agevolarli negli orari di entrata e di uscita, abbiamo aperto la foresteria dato che c’erano persone che venivano a lavorare dal Piemonte e quindi avevano delle difficoltà a raggiungere il posto di lavoro. Una rete che funzionato grazie al coordinamento dell’Azienda ligure sanitaria, l’azienda unica della nostra regione che ha questo compito di coordinamento che è stato veramente prezioso e unico soprattutto nell’immediatezza e nelle settimane successive al crollo».

LEGGI ANCHE: CROLLO PONTE MORANDI, GIULIA GRILLO: «SODDISFAZIONE E ORGOGLIO PER OPERATORI SANITARI. E’ QUESTA LA BUONA SANITA’ PUBBLICA»

Lo invierete alle altre regioni?

«Lo stiamo illustrando, ritengo che sia un contributo che diamo al sistema Paese: è stata riconosciuta come una risposta importante percepita così anche dai cittadini. Noi stiamo lavorando tutti non per delle statistiche, per dire che abbiamo fatto queste prestazioni, questi numeri. È importante la percezione da parte dei cittadini della risposta. Devo dire che siamo realmente stati con le persone, in mezzo alle persone e tutto il sistema ha funzionato. Ad esempio, le farmacie hanno prolungato l’orario di apertura, hanno potenziato il servizio di consegna domiciliare notturna, alle persone che abitano in quei luoghi, i medici di medicina generale hanno tenuto aperto gli studi medici il 15 di agosto, non c’è stato neanche bisogno di chiederlo così come non c’è stato bisogno di chiedere agli operatori di tornare in servizio dalle ferie nell’immediatezza, nelle ore successive. In qualche modo la risposta è stata così sentita, così forte e percepita tale anche dai cittadini: è stato il risultato di un gioco di squadra importante».

La città e la regione stanno ripartendo dopo questo evento tragico?

«Si, come dice il sindaco della città di Genova la città non è in ginocchio. Il lavoro di squadra tra comune e regione, tra Bucci e il presidente di Regione Toti è lì sotto gli occhi di tutti. Tra l’altro ieri abbiamo avuto anche la visita del Consiglio superiore della magistratura che ha potenziato l’organico del Tribunale: com’è noto le vicende di cronaca dicono che sarà un momento importante per fare giustizia rispetto a quello che è accaduto. C’è stato anche un sistema Paese che si è stretto intorno alla nostra comunità ligure e di questo ringrazio tutti, dal punto di vista sanitario tutte le regioni hanno offerto il loro aiuto nell’immediatezza ma purtroppo come dicevo non c’è stato bisogno perché il nostro sistema è stato autosufficiente».

 

Articoli correlati
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Regionali Abruzzo, Marsilio (centrodestra) vince con il 49%. Liste d’attesa e abolizione superticket nel programma Sanità
Staccati Legnini (Pd) e Marcozzi (M5S). Il candidato di Fratelli d'Italia succede all’uscente Luciano D’Alfonso. Boom della Lega che raccoglie oltre il 27% delle preferenze. Tra le proposte del neogovernatore quella di decongestionare i Pronto Soccorso Ospedalieri attraverso lo studio di prestazioni alternative per codici verdi e bianchi presso strutture da agganciare in convenzione
Tecnici di laboratorio, Sergio Bernardini (Sibioc): «Investimenti in medicina di precisione o presto dovremo mandare all’estero i campioni biologici»
Il presidente della Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare: «Vanno anche rivisti i programmi di formazione delle lauree triennale e delle specializzazioni in medicina di laboratorio ma fondamentale è l’investimento in nuove strumentazioni». Sul nuovo Ordine delle professioni sanitarie: «È un’opportunità perché l’Ordine assicura l’accreditamento dei professionisti, tutela la professione dalla possibilità di situazioni poco trasparenti e soprattutto dà grande dignità alla professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...