Salute 9 ottobre 2018

Ponte Morandi, il racconto del medico: «Noi camici bianchi genovesi in prima linea. Ora la città ha voglia di ripartire»

Stefano Alice era in servizio quel fatidico 14 agosto: dal suo studio si vede il viadotto crollato. «Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta – mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati». Al Congresso Fimmg omaggio alle vittime con un flash mob

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Un fulmine e poi è venuto giù tutto. A quasi due mesi dal crollo del ponte Morandi a Genova, che si è portato via 43 vite, il capoluogo ligure è ancora spezzato in due e alle prese con la difficile fase della ricostruzione: solo pochi giorni fa è stato nominato il Commissario individuato nella figura del sindaco Marco Bucci. Quel maledetto 14 agosto resta nella memoria di tutti i genovesi, soprattutto di chi era in città e ha vissuto il dramma da vicino, come il medico di famiglia Stefano Alice che quel giorno era in servizio nel suo studio dalle cui finestre si vede il ponte Morandi e ha raccontato a Sanità Informazione i momenti successivi al crollo, il tam tam che ne è seguito e il lavoro dei camici bianchi che si sono messi a disposizione della cittadinanza e degli sfollati in quei frangenti drammatici.

«Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta Alice – mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati. Sono andato avanti e indietro per via Porro chiedendo alle persone se avevano bisogno di aiuto o semplicemente di essere ascoltati, per dare una sensazione di vicinanza». Il Congresso Fimmg che si è svolto a Chia, in Sardegna, e dove Stefano Alice ha partecipato, ha rivolto un omaggio alle vittime di Genova con un flash mob: al termine della relazione del Segretario Silvestro Scotti è apparsa sullo schermo l’immagine di un medico e di un paziente che si abbracciano di spalle per sorreggere quel che resta del Ponte Morandi di Genova: a quel punto anche la platea dei camici bianchi si è unita in un grande abbraccio con un lungo applauso finale.

Dottor Alice, torniamo a quel maledetto 14 agosto. Lei era in studio…

«Era un giorno prefestivo, io e gli altri colleghi eravamo in studio e abbiamo avuto questa terrificante notizia. Siamo rimasti completamente attoniti e immediatamente è partito un tam tam dalla segreteria provinciale del nostro sindacato, la Fimmg, che ci ha invitato a rimanere in servizio anche dopo l’orario di chiusura e di rimanere attivi anche il pomeriggio. Il significato di questa iniziativa era che noi non sapevamo quanto sarebbero stati impegnati gli ospedali cittadini a causa delle conseguenze di tipo traumatico per il crollo del ponte. Pioveva, era un giorno di vacanza e potevamo pensare che sul ponte non ci fosse un numero enorme di transiti ma il problema era anche rappresentato dai palazzi sotto il ponte: non sapevamo se il crollo li avesse coinvolti o no. Quindi la nostra prima idea è stata ‘rimaniamo aperti in tutta la città per far sì che le persone non si debbano spostare’, le comunicazioni stavano andando in tilt e in questo modo potessimo sbrigare tutto quello che non era trauma legato al crollo del ponte. Questo il significato iniziale del nostro intervento. Purtroppo il significato è cambiato perché le persone che erano sul ponte sono morte, abbiamo avuto 43 decessi e 5 codici rossi: la struttura ospedaliera cittadina è stata in grado di gestire tutto. Per fortuna parte del ponte non è crollata e i palazzi che c’erano sotto si sono salvati. Così il 15 agosto l’Agenzia ligure per la sanità (Alisa) diretta dal dottor Walter Locatelli ha contattato Andrea Stimamiglio segretario regionale della Fimmg e ci ha chiesto di tenere aperti cinque studi nelle tre zone: levante, ponente, centro storico e nelle due valli in maniera da evitare che la gente dovesse girare per qualunque tipo di necessità sanitaria. Così abbiamo fatto e poi dal giorno 16 agosto è stato istituito un polo di guardia medica aggiuntivo dedicato agli sfollati perché c’era il problema della zona rossa con le persone rimaste fuori di casa. Io ho fatto il primo turno, mi sono offerto di farlo gratuitamente su base totalmente volontaria».

Lei ha lo studio a due passi dal ponte. Passati quasi due mesi, com’è l’umore dei genovesi, quale approccio hanno avuto rispetto a questa tragedia?

«La risposta dei genovesi è stata eccezionale, all’insegna del ‘dobbiamo andare avanti’. La nostra prima preoccupazione è stata quella che non si pensasse che la città fosse in ginocchio e che non si cominciasse a pensare ‘cosa andiamo a fare a Genova’, che non si vedesse Genova come una città ferita e in lutto. È una città con una gran voglia di ripartire, anche dalle sue rabbie: questo è l’umore generale».

Articoli correlati
Crollo Ponte Morandi, Viale (Ass. Sanità Liguria): «Mettiamo a disposizione del Sistema Paese la nostra risposta ad una emergenza unica nel suo genere»
Intervenuta al Forum Risk Management di Firenze, la titolare della sanità ligure sottolinea: «Siamo stati in mezzo alle persone e tutto il sistema ha funzionato: è stato un gioco di squadra importante». Poi aggiunge: «Genova non è in ginocchio, ora fare giustizia su quello che è accaduto»
Influenza, Calabrese (FIMMG): «Vaccino unico strumento di prevenzione valido. Picco previsto per fine dicembre»
«Tra i soggetti più deboli le complicanze sono maggiormente frequenti», sottolinea il vicesegretario nazionale della Federazione dei Medici di Medicina Generale che consiglia: «Non frequentare luoghi affollati e lavarsi accuratamente le mani in qualsiasi situazione, soprattutto - ha concluso Calabrese - ogni qual volta si entra in contatto con altre persone»
di Isabella Faggiano
Medici di famiglia, il 90% degli italiani li preferisce. Scotti (FIMMG): «Eppure invece di dare strumenti alla categoria vengono sottratti»
Da un’indagine del Censis gli italiani preferiscono il medico di Medicina generale. «Il problema è che mentre i cittadini si fidano, le istituzioni no. Occorre dare più margine d'azione alla categoria, solo così migliorerà l'assistenza sul territorio» ribadisce il segretario della Federazione di Medicina generale
AREU, Fimmg Emergenza Puglia dichiara lo stato di agitazione: «Non tutelati i posti di lavoro di oltre 400 medici del 118»
La Fimmg settore Emergenza Puglia ha dichiarato lo stato di agitazione per i 400 medici convenzionati impiegati nel servizio 118 perché rischiano di trovarsi senza lavoro da un giorno all’altro. «In seguito all’incontro con i vertici sanitari regionali, avvenuto in seno al Comitato permanente regionale e dedicato alla presentazione dell’AREU, è emerso che gli oltre 400 medici […]
Fake news, Marrocco (FIMMG): «Il medico si ‘improvvisa’ attore per insegnare ai colleghi come comunicare»
Il nuovo progetto della Federazione Italiana di Medici di Medicina Generale per combattere la disinformazione. «L’operatore sanitario deve imparare a parlare anche attraverso i social che sono, volente o nolente, un mezzo di comunicazione diventato fondamentale» così l’ideatore dell’iniziativa Walter Marrocco, responsabile scientifico della Federazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...