Lavoro 20 agosto 2018

Crollo ponte Morandi, Giulia Grillo: «Soddisfazione e orgoglio per operatori sanitari. È questa la buona sanità pubblica»

In una lettera indirizzata a Il Secolo XIX, il Ministro della Salute evidenzia la rapidità ed efficacia del sistema dei soccorsi in occasione del crollo del ponte Morandi di Genova

Dopo i ringraziamenti che il Ministro della Salute Giulia Grillo ed il Sottosegretario Armando Bartolazzi hanno rivolto a tutti gli operatori impegnati a Genova nel soccorso delle vittime del crollo del ponte Morandi, la titolare del dicastero ritorna sulla tragedia con una lettera inviata a Il Secolo XIX.

«Genova è per me da sempre una città speciale. Non da quel terribile 14 agosto che ricorderemo sempre. E non perché adesso tutti parlano di questa meravigliosa città. La gravissima ferita che ha colpito Genova e i suoi cittadini, ha suscitato in me, in tutto il Governo, un profondo dolore.

Ma insieme, come ministro della Salute, non posso non esprimere verso il suo sistema sanitario, un grande senso di soddisfazione e insieme di orgoglio per la capacità che ha dimostrato di saper rispondere con rapidità ed efficacia a una situazione grave e oggettivamente complicata da affrontare.

Un sistema sanitario che ha saputo reggere prontamente l’urto della situazione e di approntare il giusto mix di interventi. che erano tanti e non sempre facili da mettere in opera e da coordinare nei tempi rapidi che la gravità del momento richiedeva. Questo, va detto, anche col supporto che altre realtà regionali hanno subito offerto.

Davvero un bel momento e un bell’esempio di una buona sanità pubblica che in Italia esiste ed è più diffusa di quanto le cronache non la facciano apparire. È la sanità pubblica che tutti si aspettano di cui fanno parte – e questo è un altro messaggio fondamentale che ci arriva dalla tragedia di queste ore – l’abnegazione e il grande senso di responsabilità che hanno saputo dimostrare tutti gli operatori della sanità.

Dagli interventi sul campo del disastro, agli ospedali, ai volontari delle pubbliche assistenze e ai soccorritori della Croce Rossa. Storie di donne e uomini che sempre operano in silenzio e con sacrificio perché la macchina delle cure non si fermi. Anche per questo Genova è speciale per me. Per la sanità pubblica. Per tutti gli italiani».

Articoli correlati
Medici precari INPS, interrogazione di De Poli (Udc) a Di Maio e Grillo: «Non hanno ferie né malattie, profilo professionale umiliato»
Sono 900 i camici bianchi a partita Iva dell’Istituto di previdenza che vengono rinnovati di anno in anno. Nella stessa situazione anche 300 operatori sociali
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Ponte Morandi, il racconto del medico: «Noi camici bianchi genovesi in prima linea. Ora la città ha voglia di ripartire»
Stefano Alice era in servizio quel fatidico 14 agosto: dal suo studio si vede il viadotto crollato. «Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta - mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati». Al Congresso Fimmg omaggio alle vittime con un flash mob
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
FIMMG, ministro Grillo: «Lavoro per ottenere più risorse per la sanità in Legge di Bilancio»
«Continuate a svolgere con serietà, impegno e dedizione un lavoro che penso sia una missione» l’incoraggiamento del ministro della salute agli MMG in occasione del Congresso nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila