Politica 22 Febbraio 2021 13:25

Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»

Il Viceministro uscente alla Salute spiega: «La situazione è sotto controllo, non è che ogni volta che c’è una variante nuova dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa». E sui vaccini dice: «Non ci sono medici di serie A e medici di serie B. L’unico problema di Astrazeneca sono le 12 settimane tra la prima e la seconda dose»

Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»

C’è chi, come diversi governatori regionali, vorrebbe accantonare una volta per tutte il sistema della colorazione delle regioni in base alla fascia di rischio. Ma c’è anche chi, come il viceministro uscente alla Salute (e candidato alla riconferma) Pierpaolo Sileri, lo difende a spada tratta.

«Ho sempre condiviso la suddivisione in colori fin da quando è stata promossa» spiega Sileri a Sanità Informazione. La sua posizione è quella intermedia di chi non approva un lockdown generale, salvo un peggioramento della situazione epidemiologica.

«In questo momento – spiega Sileri – sono necessarie zone di chiusura con quella procedura stop and go che io ho sempre difeso sui 21 parametri e il cambiamento di colore delle regioni. Ci sono delle regioni o delle aree all’interno delle regioni che sono già diventate rosse: zone che potrebbero allargarsi se si estende la diffusione di queste varianti. È abbastanza fisiologico: se aumenta la diffusione delle varianti, aumentano i pazienti positivi e quindi è inevitabile un upgrade di colorazione fino alla chiusura. Non so se tutte queste aree diventano confluenti al punto da determinare una chiusura complessiva. Io credo che non serva oggi un lockdown nazionale».

Sileri, dunque, entra nella querelle che sta dividendo virologi ed esperti da settimane spezzando una lancia a favore degli ‘aperturisti’. «Non mi sembra che siamo in una situazione drammatica. Se le varianti dovessero correre, saranno necessarie delle chiusure. Confinare nelle aree rosse l’andamento della progressione del virus permette di difendere le altre aree. La situazione è sotto controllo. Nuove varianti ci saranno ma non è che ogni volta che c’è una variante dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa. Dobbiamo continuare con il monitoraggio che è la parte più importante oltre che proseguire con la vaccinazione. Serve un doppio monitoraggio: quello dei 21 parametri e quello alla ricerca delle varianti per quanto riguarda il genoma del virus».

Medici contro Astrazeneca

Il Viceministro alla Salute dice la sua anche sul vaccino Astrazeneca che alcuni medici hanno preso di mira rivendicando il diritto ad avere la somministrazione di quelli più protettivi, come Pfizer e Moderna.

«Il problema di Astrazeneca – continua il senatore M5S – è il tempo tra la prima dose e la seconda che lascia più possibilità di potersi infettare con il virus perché la massima copertura c’è con la seconda dose, anche se alcuni dicono che Astrazeneca sia già molto efficace con la prima dose. Ma non credo ci siano medici di seria A e di serie B perché i vaccini sono tutti quanti efficaci. L’unico problema è che se si fa la prima dose oggi e la seconda dopo 10 -12 settimane si ha sicuramente un arco di tempo più ampio per essere meno protetto nei confronti del virus. Ma comunque se io fossi un medico in attività farei il vaccino scelto per la mia fascia di età».

«Non attivato processo di approvazione per Sputnik»

Grande cautela da parte di Sileri sul vaccino russo Sputnik, dopo che anche gli studi condotti dall’ospedale Spallanzani ne hanno ribadito l’efficacia. «Gli studi ci sono ma manca l’attivazione del processo di approvazione del vaccino da parte degli enti regolatori: EMA per l’Europa e AIFA per l’Italia – spiega Sileri -. Il processo di approvazione di Sputnik o del vaccino cinese non è un fenomeno passivo per cui si dice ‘voglio quel vaccino, prendiamolo’. Chi produce quel vaccino deve attivarsi presso gli enti regolatori per avere l’approvazione, dipende da loro come hanno fatto le altre case farmaceutiche. Non è un fenomeno passivo», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19 o peste? Il poema di fine 500 che sembra ambientato ai giorni nostri
Nella sua "Regola da preservarsi in sanità ne’ tempi di suspetto di peste", l'autore Marcantonio Ciappi provava a dare dei consigli in versi ai suoi concittadini: il lockdown, la quarantena, il coprifuoco e persino il "Green pass"
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre, sono 230.090.110 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.719.197 i decessi. Ad oggi, oltre 5,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco