Politica 22 Febbraio 2021 13:25

Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»

Il Viceministro uscente alla Salute spiega: «La situazione è sotto controllo, non è che ogni volta che c’è una variante nuova dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa». E sui vaccini dice: «Non ci sono medici di serie A e medici di serie B. L’unico problema di Astrazeneca sono le 12 settimane tra la prima e la seconda dose»

Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»

C’è chi, come diversi governatori regionali, vorrebbe accantonare una volta per tutte il sistema della colorazione delle regioni in base alla fascia di rischio. Ma c’è anche chi, come il viceministro uscente alla Salute (e candidato alla riconferma) Pierpaolo Sileri, lo difende a spada tratta.

«Ho sempre condiviso la suddivisione in colori fin da quando è stata promossa» spiega Sileri a Sanità Informazione. La sua posizione è quella intermedia di chi non approva un lockdown generale, salvo un peggioramento della situazione epidemiologica.

«In questo momento – spiega Sileri – sono necessarie zone di chiusura con quella procedura stop and go che io ho sempre difeso sui 21 parametri e il cambiamento di colore delle regioni. Ci sono delle regioni o delle aree all’interno delle regioni che sono già diventate rosse: zone che potrebbero allargarsi se si estende la diffusione di queste varianti. È abbastanza fisiologico: se aumenta la diffusione delle varianti, aumentano i pazienti positivi e quindi è inevitabile un upgrade di colorazione fino alla chiusura. Non so se tutte queste aree diventano confluenti al punto da determinare una chiusura complessiva. Io credo che non serva oggi un lockdown nazionale».

Sileri, dunque, entra nella querelle che sta dividendo virologi ed esperti da settimane spezzando una lancia a favore degli ‘aperturisti’. «Non mi sembra che siamo in una situazione drammatica. Se le varianti dovessero correre, saranno necessarie delle chiusure. Confinare nelle aree rosse l’andamento della progressione del virus permette di difendere le altre aree. La situazione è sotto controllo. Nuove varianti ci saranno ma non è che ogni volta che c’è una variante dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa. Dobbiamo continuare con il monitoraggio che è la parte più importante oltre che proseguire con la vaccinazione. Serve un doppio monitoraggio: quello dei 21 parametri e quello alla ricerca delle varianti per quanto riguarda il genoma del virus».

Medici contro Astrazeneca

Il Viceministro alla Salute dice la sua anche sul vaccino Astrazeneca che alcuni medici hanno preso di mira rivendicando il diritto ad avere la somministrazione di quelli più protettivi, come Pfizer e Moderna.

«Il problema di Astrazeneca – continua il senatore M5S – è il tempo tra la prima dose e la seconda che lascia più possibilità di potersi infettare con il virus perché la massima copertura c’è con la seconda dose, anche se alcuni dicono che Astrazeneca sia già molto efficace con la prima dose. Ma non credo ci siano medici di seria A e di serie B perché i vaccini sono tutti quanti efficaci. L’unico problema è che se si fa la prima dose oggi e la seconda dopo 10 -12 settimane si ha sicuramente un arco di tempo più ampio per essere meno protetto nei confronti del virus. Ma comunque se io fossi un medico in attività farei il vaccino scelto per la mia fascia di età».

«Non attivato processo di approvazione per Sputnik»

Grande cautela da parte di Sileri sul vaccino russo Sputnik, dopo che anche gli studi condotti dall’ospedale Spallanzani ne hanno ribadito l’efficacia. «Gli studi ci sono ma manca l’attivazione del processo di approvazione del vaccino da parte degli enti regolatori: EMA per l’Europa e AIFA per l’Italia – spiega Sileri -. Il processo di approvazione di Sputnik o del vaccino cinese non è un fenomeno passivo per cui si dice ‘voglio quel vaccino, prendiamolo’. Chi produce quel vaccino deve attivarsi presso gli enti regolatori per avere l’approvazione, dipende da loro come hanno fatto le altre case farmaceutiche. Non è un fenomeno passivo», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno
Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, dove si prevede che la nuova ondata di Covid-19 in corso raggiunga un picco da circa 65 milioni di casi a settimana a fine giugno. L'allarmante scenario è stato paventato da Zhong Nanshan, il principale esperto di malattie respiratorie del gigante asiatico
Dopo quanto tempo ci si può reinfettare un’altra volta?
Non esiste una regola su quanto tempo può passare tra un'infezione all'altra. Tuttavia, uno studio americano ha concluso che, dopo un'infezione Covid-19, il sistema immunitario di una persona può offrire una buona protezione contro la malattia sintomatica la volta successiva per almeno 10 mesi
Covid: allarme reinfezioni, possono aumentare il rischio di malattia grave e di Long Covid
Dopo più di tre anni di pandemia i casi di reinfezione si sono moltiplicati in tutto il mondo e anche in Italia. Secondo le attuali evidenze scientifiche le reinfezioni potrebbero essere tutt'altro che innocue, soprattutto per le persone più fragili
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...