Politica 22 Febbraio 2021 13:25

Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»

Il Viceministro uscente alla Salute spiega: «La situazione è sotto controllo, non è che ogni volta che c’è una variante nuova dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa». E sui vaccini dice: «Non ci sono medici di serie A e medici di serie B. L’unico problema di Astrazeneca sono le 12 settimane tra la prima e la seconda dose»

Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»

C’è chi, come diversi governatori regionali, vorrebbe accantonare una volta per tutte il sistema della colorazione delle regioni in base alla fascia di rischio. Ma c’è anche chi, come il viceministro uscente alla Salute (e candidato alla riconferma) Pierpaolo Sileri, lo difende a spada tratta.

«Ho sempre condiviso la suddivisione in colori fin da quando è stata promossa» spiega Sileri a Sanità Informazione. La sua posizione è quella intermedia di chi non approva un lockdown generale, salvo un peggioramento della situazione epidemiologica.

«In questo momento – spiega Sileri – sono necessarie zone di chiusura con quella procedura stop and go che io ho sempre difeso sui 21 parametri e il cambiamento di colore delle regioni. Ci sono delle regioni o delle aree all’interno delle regioni che sono già diventate rosse: zone che potrebbero allargarsi se si estende la diffusione di queste varianti. È abbastanza fisiologico: se aumenta la diffusione delle varianti, aumentano i pazienti positivi e quindi è inevitabile un upgrade di colorazione fino alla chiusura. Non so se tutte queste aree diventano confluenti al punto da determinare una chiusura complessiva. Io credo che non serva oggi un lockdown nazionale».

Sileri, dunque, entra nella querelle che sta dividendo virologi ed esperti da settimane spezzando una lancia a favore degli ‘aperturisti’. «Non mi sembra che siamo in una situazione drammatica. Se le varianti dovessero correre, saranno necessarie delle chiusure. Confinare nelle aree rosse l’andamento della progressione del virus permette di difendere le altre aree. La situazione è sotto controllo. Nuove varianti ci saranno ma non è che ogni volta che c’è una variante dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa. Dobbiamo continuare con il monitoraggio che è la parte più importante oltre che proseguire con la vaccinazione. Serve un doppio monitoraggio: quello dei 21 parametri e quello alla ricerca delle varianti per quanto riguarda il genoma del virus».

Medici contro Astrazeneca

Il Viceministro alla Salute dice la sua anche sul vaccino Astrazeneca che alcuni medici hanno preso di mira rivendicando il diritto ad avere la somministrazione di quelli più protettivi, come Pfizer e Moderna.

«Il problema di Astrazeneca – continua il senatore M5S – è il tempo tra la prima dose e la seconda che lascia più possibilità di potersi infettare con il virus perché la massima copertura c’è con la seconda dose, anche se alcuni dicono che Astrazeneca sia già molto efficace con la prima dose. Ma non credo ci siano medici di seria A e di serie B perché i vaccini sono tutti quanti efficaci. L’unico problema è che se si fa la prima dose oggi e la seconda dopo 10 -12 settimane si ha sicuramente un arco di tempo più ampio per essere meno protetto nei confronti del virus. Ma comunque se io fossi un medico in attività farei il vaccino scelto per la mia fascia di età».

«Non attivato processo di approvazione per Sputnik»

Grande cautela da parte di Sileri sul vaccino russo Sputnik, dopo che anche gli studi condotti dall’ospedale Spallanzani ne hanno ribadito l’efficacia. «Gli studi ci sono ma manca l’attivazione del processo di approvazione del vaccino da parte degli enti regolatori: EMA per l’Europa e AIFA per l’Italia – spiega Sileri -. Il processo di approvazione di Sputnik o del vaccino cinese non è un fenomeno passivo per cui si dice ‘voglio quel vaccino, prendiamolo’. Chi produce quel vaccino deve attivarsi presso gli enti regolatori per avere l’approvazione, dipende da loro come hanno fatto le altre case farmaceutiche. Non è un fenomeno passivo», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
La variante Centaurus raccoglierà il testimone di Omicron 5?
La variante Centaurus si sta diffondendo molto rapidamente in India. Attualmente è stata rilevata in 10 paesi, tra cui Regno Unito e Germania. Sembra essere più contagiosa ma non più grave o letale
Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno
Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Anticorpi monoclonali e antivirali efficaci anche contro nuove sottovarianti di Omicron
Zazzi, co-presidente ICAR: «Si inizia a capire meglio quali parti della proteina spike tendono a rimanere stabili nel tempo e questo aiuta molto nei criteri di selezione dei monoclonali. Le funzioni virali colpite dagli antivirali invece non sono soggette a forte evoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale