Politica 22 Maggio 2020 09:27

Covid-19, Rostan (Italia Viva): «Su dpi gravi ritardi, servirà Commissione d’inchiesta. Ora creare big data sanitario per collegare eccellenze»

La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan chiede giustizia per i tanti operatori sanitari contagiati e deceduti a causa del virus: «Noi li chiamiamo eroi troppo superficialmente, semplicemente avrebbero voluto fare bene il loro lavoro. Dopo l’emergenza bisognerà capire cosa è successo». Poi elogia il governatore campano De Luca: «Linea di comando chiara ha aiutato»

Covid-19, Rostan (Italia Viva): «Su dpi gravi ritardi, servirà Commissione d’inchiesta. Ora creare big data sanitario per collegare eccellenze»

«Sui dispositivi di protezione individuale a medici, infermieri e personale sanitario c’è stato un grosso problema sul quale bisognerà indagare. Ora non è il momento delle polemiche, dobbiamo completare questa fase emergenziale ma credo che dopo ci sarà la necessità di una Commissione d’inchiesta». Michela Rostan, deputata di Italia Viva e Vice Presidente della Commissione Affari Sociali, a tre mesi dall’inizio dell’emergenza Covid-19 non dimentica i tanti camici bianchi e operatori sanitari che spesso hanno dovuto combattere ‘a mani nude’ contro il virus. «Certamente qualcosa non ha funzionato, ci sono stati ritardi che gli operatori hanno pagato a caro prezzo – sottolinea Rostan -. Migliaia di contagiati, centinaia di morti. Noi li chiamiamo eroi troppo superficialmente, ma semplicemente avrebbero voluto fare bene il loro lavoro».

Ora le energie della Rostan e di Italia Viva sono però concentrate a far ripartire il Paese che rischia una depressione economica senza precedenti. «Purtroppo ci sono stati ritardi nell’erogazione delle tante misure economiche, parlo dei sussidi e dei bonus previsti dal governo – chiarisce l’esponente di Italia Viva -. Il lockdown non è stato uguale per tutti. C’è chi lo ha vissuto senza difficoltà e senza problemi e c’è chi si è impoverito e vive sotto la soglia di povertà. C’è chi ancora non riesce ad alzare la saracinesca della propria attività commerciale. Abbiamo la necessità di dare delle risposte concrete che vadano nella direzione non solo dell’erogazione della liquidità ma anche della sburocratizzazione e della semplificazione delle procedure».

LEGGI ANCHE: COVID-19, COME AFFRONTARE UN EVENTUALE PICCO IN AUTUNNO? ANDREONI (TOR VERGATA): «VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE OBBLIGATORIA PER TUTTI»

Per questo Italia Viva propone un piano shock per rilanciare l’economia e che dovrà necessariamente coinvolgere anche la sanità: «La prima cosa da mettere in campo è un big data sanitario, collegare quelle che sono le eccellenze del nostro Paese così da ridurre il gap che spesso esiste ad esempio tra alcune Regioni del Sud rispetto e quelle del Nord, con quelle del Sud che ancora attualmente nel riparto delle risorse nazionali continuano a ricevere di meno. Ma penso anche alla possibilità di accorciare le distanze fra le strutture e il paziente. Basterebbe un semplice click per poter annullare questo enorme divario che attualmente esiste. Bisogna investire molto in tecnologie e infrastrutture. Per farlo c’è bisogno di maggiore liquidità. Il nostro Sistema sanitario che è equo, universale e gratuito ha retto bene alla prova dell’emergenza, ma ora bisogna fare molto di più».

Un pensiero va infine alla sua regione, la Campania, che ha retto bene la difficile sfida del virus: «La Campania ha dato una doppia prova di efficienza – spiega Rostan -. Tutti i cittadini hanno dimostrato grande senso di responsabilità. Qualcuno pensava che probabilmente questo non ci sarebbe stato. E poi abbiamo avuto una linea di comando chiara, forte: il presidente De Luca ha cercato sempre di dare messaggi univoci che non lasciassero spazio a facili operazioni, al contrario di quanto avvenuto sul piano nazionale con i diversi Dpcm pieni di regole e codicilli che spesso si sono dovuti interpretare. Ha aiutato anche il fatto che la nostra sanità sia uscita dopo anni dal commissariamento e sia ritornata a investire in infrastrutture e tecnologie. Abbiamo delle eccellenze, penso al Cotugno e alla cura del professor Ascierto. Esempi di buona sanità, di best practice che fanno parte e sono parte integrante della nostra regione».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»
«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...