Politica 22 Maggio 2020

Covid-19, Rostan (Italia Viva): «Su dpi gravi ritardi, servirà Commissione d’inchiesta. Ora creare big data sanitario per collegare eccellenze»

La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan chiede giustizia per i tanti operatori sanitari contagiati e deceduti a causa del virus: «Noi li chiamiamo eroi troppo superficialmente, semplicemente avrebbero voluto fare bene il loro lavoro. Dopo l’emergenza bisognerà capire cosa è successo». Poi elogia il governatore campano De Luca: «Linea di comando chiara ha aiutato»

Immagine articolo

«Sui dispositivi di protezione individuale a medici, infermieri e personale sanitario c’è stato un grosso problema sul quale bisognerà indagare. Ora non è il momento delle polemiche, dobbiamo completare questa fase emergenziale ma credo che dopo ci sarà la necessità di una Commissione d’inchiesta». Michela Rostan, deputata di Italia Viva e Vice Presidente della Commissione Affari Sociali, a tre mesi dall’inizio dell’emergenza Covid-19 non dimentica i tanti camici bianchi e operatori sanitari che spesso hanno dovuto combattere ‘a mani nude’ contro il virus. «Certamente qualcosa non ha funzionato, ci sono stati ritardi che gli operatori hanno pagato a caro prezzo – sottolinea Rostan -. Migliaia di contagiati, centinaia di morti. Noi li chiamiamo eroi troppo superficialmente, ma semplicemente avrebbero voluto fare bene il loro lavoro».

Ora le energie della Rostan e di Italia Viva sono però concentrate a far ripartire il Paese che rischia una depressione economica senza precedenti. «Purtroppo ci sono stati ritardi nell’erogazione delle tante misure economiche, parlo dei sussidi e dei bonus previsti dal governo – chiarisce l’esponente di Italia Viva -. Il lockdown non è stato uguale per tutti. C’è chi lo ha vissuto senza difficoltà e senza problemi e c’è chi si è impoverito e vive sotto la soglia di povertà. C’è chi ancora non riesce ad alzare la saracinesca della propria attività commerciale. Abbiamo la necessità di dare delle risposte concrete che vadano nella direzione non solo dell’erogazione della liquidità ma anche della sburocratizzazione e della semplificazione delle procedure».

LEGGI ANCHE: COVID-19, COME AFFRONTARE UN EVENTUALE PICCO IN AUTUNNO? ANDREONI (TOR VERGATA): «VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE OBBLIGATORIA PER TUTTI»

Per questo Italia Viva propone un piano shock per rilanciare l’economia e che dovrà necessariamente coinvolgere anche la sanità: «La prima cosa da mettere in campo è un big data sanitario, collegare quelle che sono le eccellenze del nostro Paese così da ridurre il gap che spesso esiste ad esempio tra alcune Regioni del Sud rispetto e quelle del Nord, con quelle del Sud che ancora attualmente nel riparto delle risorse nazionali continuano a ricevere di meno. Ma penso anche alla possibilità di accorciare le distanze fra le strutture e il paziente. Basterebbe un semplice click per poter annullare questo enorme divario che attualmente esiste. Bisogna investire molto in tecnologie e infrastrutture. Per farlo c’è bisogno di maggiore liquidità. Il nostro Sistema sanitario che è equo, universale e gratuito ha retto bene alla prova dell’emergenza, ma ora bisogna fare molto di più».

Un pensiero va infine alla sua regione, la Campania, che ha retto bene la difficile sfida del virus: «La Campania ha dato una doppia prova di efficienza – spiega Rostan -. Tutti i cittadini hanno dimostrato grande senso di responsabilità. Qualcuno pensava che probabilmente questo non ci sarebbe stato. E poi abbiamo avuto una linea di comando chiara, forte: il presidente De Luca ha cercato sempre di dare messaggi univoci che non lasciassero spazio a facili operazioni, al contrario di quanto avvenuto sul piano nazionale con i diversi Dpcm pieni di regole e codicilli che spesso si sono dovuti interpretare. Ha aiutato anche il fatto che la nostra sanità sia uscita dopo anni dal commissariamento e sia ritornata a investire in infrastrutture e tecnologie. Abbiamo delle eccellenze, penso al Cotugno e alla cura del professor Ascierto. Esempi di buona sanità, di best practice che fanno parte e sono parte integrante della nostra regione».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Università, Rostan (Iv): «Bene Lauree abilitanti in Medicina, primo passo per colmare carenze organico»
«Ora servono nuove risorse per le borse di studio, per la medicina territoriale e per la telemedicina» sottolinea Michela Rostan, Vice presidente Commissione Affari Sociali
«Misure anti-Covid fino al 31 luglio». Le comunicazioni del ministro Speranza in Parlamento
«Nessuna decisione presa sulla proroga dello stato di emergenza. Verrà coinvolto il Parlamento. Ora non abbassare la guardia, l'Italia ha alle spalle la tempesta ma non è ancora in un porto sicuro»
Coronavirus, l’immunità dura solo pochi mesi? I guariti di nuovo positivi
Dallo studio del King’s College di Londra emerge un calo dell'immunità con il trascorrere del tempo: il livello di anticorpi prodotti dal nostro corpo scende dopo alcuni mesi
Il ritorno alla normalità non ci sarà. Parola dell’Oms
Preoccupa più di tutto il "caso Americhe", che da sole registrano il 50% dei nuovi casi giornalieri. Vaccino e ritorno alla normalità sono ancora lontani. Per il dg Oms Ghebreyesus è l'ora dei messaggi chiari da parte dei leader mondiali
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»