Politica 16 Luglio 2020 09:10

Covid-19, agli operatori sanitari 40 milioni dalla Camera. D’Uva (M5S): «Spirito di abnegazione ha salvato l’Italia, questo il nostro grazie»

Il deputato questore Francesco D’Uva ha spiegato ai nostri microfoni l’importante scelta che andrà ad incrementare il fondo ad hoc creato dal governo: «Impulso partito dal presidente Fico. Siamo orgogliosi che sia stata una decisione assolutamente bipartisan». Ora si attende emendamento ad hoc nei prossimi provvedimenti per rendere operativa la scelta

Covid-19, agli operatori sanitari 40 milioni dalla Camera. D’Uva (M5S): «Spirito di abnegazione ha salvato l’Italia, questo il nostro grazie»

«Questo è il minimo che possiamo fare. Lo dobbiamo a tutte quelle persone che, mentre noi eravamo a casa sotto lockdown, combattevano e mettevano la propria vita a rischio per fare in modo che tutto il Paese potesse uscire da questa emergenza». Il deputato questore della Camera Francesco D’Uva (M5S), ai microfoni di Sanità Informazione, commenta così una notizia che farà sicuramente piacere agli operatori sanitari in prima fila durante l’emergenza Covid-19: la Camera dei deputati ha infatti stabilito che 40 milioni di euro di restituzioni andranno ad incrementare il fondo per il bonus Covid creato con il Dl Cura Italia e incrementato con il Dl Rilancio. D’uva si è fatto promotore della richiesta, che ha avuto subito un consenso bipartisan e ha firmato un Ordine del giorno al Decreto Rilancio che ha trovato il via libera dell’Aula di Montecitorio.

«La Camera ha delle spese, un bilancio – spiega l’ex capogruppo M5S alla Camera -. Ma se l’esercizio fa in modo che ci siano dei risparmi si può decidere se accantonarli o restituirli allo Stato. La Camera ormai da diversi anni decide di restituire i soldi indietro allo Stato e ultimamente ha anche deciso di indicare una destinazione. Storicamente li abbiamo spesso dati ai terremotati del Centro Italia e anche quest’anno c’è un contributo per loro. Ma visto quello che è successo nell’emergenza Covid si è pensato di attribuire una quota di queste restituzioni per gratificare il personale sanitario con questo gesto. Si tratta di 40 milioni di euro. È un fatto importante che la Camera abbia deciso questo non come legislatore ma come istituzione. È stato deciso con un Odg al Decreto Rilancio a mia prima firma, una proposta a cui hanno aderito altre forze politiche in ufficio di presidenza: siamo orgogliosi che sia stata una decisione assolutamente bipartisan».

L’idea di destinare questi fondi alla sanità nasce in realtà già in pieno lockdown, su impulso del Presidente della Camera: «Ad inizio emergenza il Presidente della Camera, Roberto Fico – spiega D’Uva – aveva espresso l’intenzione durante la conferenza dei capogruppo di destinare quei fondi comunque a spese sanitarie. Poi siamo riusciti a fronteggiare l’emergenza ma abbiamo visto anche che il personale sanitario l’ha affrontata con uno spirito di abnegazione incredibile. Quindi il minimo che si è pensato di fare come istituzione è quello di attribuirgli questo riconoscimento, 40 milioni, questo “grazie” che va a tutte quelle persone che hanno fatto in modo che il Paese potesse uscire da questa emergenza». Le somme transiteranno nel fondo ad hoc predisposto dal Governo dopo l’approvazione del bilancio interno della Camera (prevista per il prossimo 30 luglio) e l’inserimento della disposizione nella legge di Bilancio o in uno dei prossimi provvedimenti sottoposti al vaglio del Parlamento.

«Noi abbiamo fatto un Ordine del giorno al Decreto Rilancio – conclude D’Uva -. È stata indicata la volontà politica, il grosso è stato fatto. Adesso servirà un emendamento. Bisogna trovare il momento legislativo per realizzarlo. Può essere un emendamento a un decreto o direttamente in legge di bilancio. Qualche che sia la forma sarà fatto nei tempi più brevi possibili perché la politica si è espressa in maniera bipartisan affinché questa fosse la destinazione da dare a questi soldi».

 

Articoli correlati
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
Manovra, D’Uva (M5S): «Ok a 40 mln del bilancio della Camera al personale sanitario»
Il via libera all'emendamento dei componenti dell'Ufficio di Presidenza di Montecitorio è arrivato in Commissione Bilancio. Il deputato questore Francesco D'Uva: «Queste somme derivano da un lavoro virtuoso di risparmio sul bilancio dell'Istituzione, elemento che ci rende doppiamente soddisfatti perché indice di un impegno serio e concreto»
Borse di specializzazione, accesso a Medicina, indennità, scudo penale: la carica dei 7mila emendamenti alla Legge di Bilancio
Una valanga di emendamenti sarà al vaglio dei deputati in Commissione Bilancio alla Camera. Tutte le forze politiche puntano ad aumentare le borse di specializzazione in medicina e a garantire un’indennità a tutti gli operatori sanitari. Forza Italia lancia il “voucher salute” nelle regioni svantaggiate mentre Italia Viva chiede l’indennità di rischio biologico
Oms, il 2021 sarà l’anno internazionale della salute e degli operatori della sanità
Una decisione presa all'unanimità durante la 73esima Assemblea mondiale della sanità. Un omaggio rivolto a tutti i lavoratori della sanità, che quest'anno hanno sacrificato a volte anche la vita per la cura degli altri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco