Politica 13 Febbraio 2020

Coronavirus, Speranza ai ministri della Salute UE: «Insieme possiamo farcela, ma servono prudenza e coraggio»

«Il 20% dei pazienti può avere bisogno di terapia intensiva e assistenza respiratoria. Sono numeri che possono mettere in difficoltà anche i servizi sanitari europei. E se il virus arriva in Africa, le conseguenze potrebbero essere molto gravi»

Immagine articolo

«Insieme sono convinto che possiamo e dobbiamo farcela, ma in questo momento serve tanta prudenza, attenzione e molto coraggio». Questo il messaggio lanciato dal ministro Roberto Speranza al Consiglio dei ministri della Salute dell’Unione europea, riunitosi questa mattina a Bruxelles su proposta di Speranza stesso.

«Abbiamo a che fare con un problema serio che non possiamo in alcun modo sottovalutare – ha detto -. L’Europa può e deve dare una risposta forte e coordinata per evitare la diffusione del virus nelle nostre comunità. Nella provincia di Hubei e in particolare nella città di Wuhan la gestione sanitaria del virus è molto complicata, una volta che la sua diffusione arriva a numeri significativi. In base ai nostri studi, quasi il 20% dei pazienti può avere bisogno di terapia intensiva e assistenza respiratoria. Sono numeri che possono mettere in difficoltà anche servizi sanitari nazionali importanti e solidi come quelli che ci sono nell’Unione europea. Per questo dobbiamo oggi lavorare insieme per prevenire la diffusione con tempestività e coraggio, con politiche di prevenzione».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, IMPENNATA DI CASI. E L’OMS SCRIVE IL PIANO D’AZIONE SU RICERCA E RISORSE PER AFFRONTARE L’EPIDEMIA

«Noi in Italia – ha spiegato il ministro Speranza – abbiamo assunto misure rigorose seguendo il principio di massima cautela e massima precauzione. Abbiamo sospeso tutti i voli diretti da e per la Cina e abbiamo controlli serrati in tutti i porti e gli aeroporti del nostro Paese. È evidente che la partita fondamentale per fermare questo virus si gioca in Cina, ma noi dobbiamo fare tutto quello che è possibile per rallentare e fermare la diffusione globale».

«Inoltre sento una doppia responsabilità, non solo per l’Italia e per l’Europa, ma anche per il continente africano, a noi molto vicino geograficamente. I servizi sanitari africani sono molto più fragili degli europei e una potenziale diffusione del virus in quel pezzo di mondo potrebbe avere effetti molto gravi. L’Europa – ha concluso Speranza – deve dare una risposta forte e unitaria nel pieno sostegno del governo cinese di cui apprezziamo il lavoro straordinario condotto in questi giorni e con cui dobbiamo avere la più stretta collaborazione. Dobbiamo mettere insieme i migliori scienziati e rafforzare le nostre politiche di prevenzione».

LA COMMISSARIA UE ALLA SALUTE KYRIAKIDES: «SALVAGUARDARE LIBERTÀ DI CIRCOLAZIONE»

«I virus non conoscono confini, ma la libertà di circolazione nell’Ue deve essere salvaguardatA – ha detto la commissaria UE alla Salute Stella Kyriakides -. L’approccio dell’Unione europea per la rilevazione di eventuali casi sospetti di Covid-19 nei punti d’ingresso dei singoli Paesi deve essere coordinato, proporzionato, basato sulla scienza e in linea con le raccomandazioni internazionali dell’Organizzazione mondiale della sanità. Le misure da attuare sono di competenza degli Stati e a loro spettano queste decisioni, ma la strategia europea deve essere coordinata, e la condivisione delle informazioni è vitale: nessuno Stato dell’UE può farcela da solo. Siamo più forti se agiamo insieme e se la situazione peggiora avremo bisogno di maggiore solidarietà e cooperazione».

GENTILONI: «CORONAVIRUS PRIMO RISCHIO PER PROSPETTIVE ECONOMIA UE»

«L’epidemia provocata dal nuovo Coronavirus rappresenta oggi il primo rischio per le prospettive dell’economia Ue» ha detto Paolo Gentiloni, commissario europeo all’Economia. «L’impatto della malattia sulla salute pubblica, sulle vite umane e sull’attività economica – ha proseguito – resta incerto, e dipenderà molto dalla durata dell’epidemia e dalle misure di contenimento dispiegate e adottate dalla Cina. Ma la nostra assunzione tecnica è che il virus impatterà sul Pil della Cina principalmente nel primo trimestre del 2020, con effetti di contagio globali relativamente contenuti. Questa è un’assunzione, non una previsione, che è ovviamente soggetta a rischi al ribasso, se l’epidemia dovesse durare di più, o peggiorare ulteriormente».


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, oltre 3mila gli operatori sanitari contagiati in Cina. 5 i morti
Pubblicato il più grande studio, dall’inizio dell’epidemia, sul Covid-19. Come riportato dalla BBC, i dati del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCDC), hanno rilevato che tra le categorie più ad alto rischio infezione c’è quella del personale medico che viene a contatto con persone affette da Covid-19. Sottolineando dunque il […]
Covid-19: sotto controllo i 5 italiani della nave Westerdam approdata in Cambogia
Dei cinque italiani a bordo della nave Westerdam approdata in Cambogia, uno di loro è rientrato in Italia ed è monitorato costantemente dalle autorità sanitarie locali. Non presenta alcuna sintomatologia e si è sottoposto ad isolamento domiciliare volontario. Un altro è rientrato direttamente in Germania, anch’egli senza alcuna sintomatologia. È in isolamento volontario domiciliare, monitorato […]
Covid-19: un docufilm ECM anti-psicosi e fake news per medici e pazienti
Progetto gratuito di edutainment promosso da Consulcesi con autorevoli collaborazioni scientifiche e tecnologie più avanzate come la realtà aumentata. Tortorella: «La potenza comunicativa del cinema, combinando divulgazione scientifica al coinvolgimento emotivo, per contrastare il virus e la cattiva informazione»
La diffusione del Coronavirus in tempo reale
Al 18 febbraio 2020 sono 73.335 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 12.887 mentre i morti sono saliti a 1.873. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.
Coronavirus, congiuntivite può essere sintomo precoce. SOI: «Allertati i 7mila oculisti italiani»
La Società Oftalmologica Italiana ha diramato le operatività da mettere in atto a tutela dei medici oculisti, dei pazienti e degli operatori tutti. «Gli occhi e in particolare la congiuntiva sono la diretta porta di ingresso per il coronavirus che viene poi trascinato tramite le vie di deflusso delle lacrime all’interno di naso e gola» sottolinea Matteo Piovella, presidente SOI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano