Mondo 13 Febbraio 2020

Coronavirus, impennata di casi. E l’OMS scrive il piano d’azione su ricerca e risorse per affrontare l’epidemia

Il direttore generale dell’OMS Ghebreyesus: «L’epidemia è un test di solidarietà politica, finanziaria e scientifica. Dobbiamo lavorare insieme per sconfiggere un nemico comune che non rispetta i confini nazionali»

Immagine articolo

Sono oltre 60mila i casi di Coronavirus nel mondo. Un numero aumentato notevolmente nelle ultime 24 ore, che ha portato Roberto Burioni a twittare «Non ci capisco più niente». Pare infatti che le autorità sanitarie di Hubei abbiano cambiato il sistema di classificazione della diagnosi, facendo rientrare tra i contagiati, come richiesto dall’OMS, anche i pazienti asintomatici.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, I DATI DELLA CINA SONO VERI? CRESCONO I DUBBI DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE

Intanto si è concluso a Ginevra il forum internazionale sul coronavirus organizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che ha riunito oltre 300 scienziati e ricercatori di tutto il mondo. Obiettivi: valutare le attuali conoscenze sulla malattia Covid-19, identificare lacune ed accelerare e finanziare la ricerca necessaria per fermare l’attuale epidemia ed eventualmente prevenirne altre.

I ricercatori hanno quindi approfondito la storia del virus, dalla sua origine alla sua trasmissione, hanno parlato della diagnosi, degli studi epidemiologici, della caratterizzazione clinica e la gestione della malattia, della prevenzione dell’infezione, soprattutto per tutelare gli operatori sanitari. Hanno discusso della ricerca e dello sviluppo di possibili terapie e vaccini, senza dimenticare le considerazioni etiche legate alla ricerca e la necessità di integrare le scienze sociali nella risposta all’epidemia.

Le decisioni prese saranno la base da cui partire per un piano di azione che regolamenterà la ricerca in questo campo nelle prossime settimane. Un accento particolare è stato posto sulla necessità di un accesso equo ai dati e ai risultati degli studi in tutto il mondo, anche e soprattutto nelle aree più povere, dove le difficoltà ad affrontare un eventuale nuovo focolaio di casi sarebbero maggiori.

«Questa epidemia è un test di solidarietà politica, finanziaria e scientifica – ha commentato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Dobbiamo lavorare insieme per sconfiggere un nemico comune che non rispetta i confini nazionali. Dobbiamo assicurarci di avere le risorse necessarie per fermare questa epidemia e sfruttare al meglio le nostre conoscenze scientifiche per trovare una risposta condivisa ad un problema comune».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, oltre 3mila gli operatori sanitari contagiati in Cina. 5 i morti
Pubblicato il più grande studio, dall’inizio dell’epidemia, sul Covid-19. Come riportato dalla BBC, i dati del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCDC), hanno rilevato che tra le categorie più ad alto rischio infezione c’è quella del personale medico che viene a contatto con persone affette da Covid-19. Sottolineando dunque il […]
Covid-19: sotto controllo i 5 italiani della nave Westerdam approdata in Cambogia
Dei cinque italiani a bordo della nave Westerdam approdata in Cambogia, uno di loro è rientrato in Italia ed è monitorato costantemente dalle autorità sanitarie locali. Non presenta alcuna sintomatologia e si è sottoposto ad isolamento domiciliare volontario. Un altro è rientrato direttamente in Germania, anch’egli senza alcuna sintomatologia. È in isolamento volontario domiciliare, monitorato […]
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Covid-19: un docufilm ECM anti-psicosi e fake news per medici e pazienti
Progetto gratuito di edutainment promosso da Consulcesi con autorevoli collaborazioni scientifiche e tecnologie più avanzate come la realtà aumentata. Tortorella: «La potenza comunicativa del cinema, combinando divulgazione scientifica al coinvolgimento emotivo, per contrastare il virus e la cattiva informazione»
La diffusione del Coronavirus in tempo reale
Al 18 febbraio 2020 sono 73.335 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 12.887 mentre i morti sono saliti a 1.873. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano