Politica 4 Marzo 2020

Coronavirus, nel Lazio 27 casi. D’Amato: «Pronti a ogni scenario. Aumenteremo di 153 unità i posti in terapia intensiva»

Riunione straordinaria del Consiglio regionale del Lazio alla Pisana. L’assessore alla Sanità Alessio D’Amato ha fatto il punto della situazione: «Lo Spallanzani sarà un ‘Covid-Hospital’ e saranno raddoppiati i posti letto». Poi lancia l’allarme: «Donazioni di sangue stanno rallentando»

Immagine articolo

«La situazione è sotto controllo ma ci stiamo preparando a ogni scenario». Le parole dell’assessore regionale alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato risuonano nell’Aula del Consiglio regionale pochi minuti dopo la notizia di un nuovo caso nel Lazio, una donna risultata positiva al Covid-19 al Campus Biomedico di Roma e ora ricoverata allo Spallanzani.

L’incubo coronavirus, in realtà, nel Lazio è cominciato prima che nel resto d’Italia, con la coppia di Wuhan ricoverata allo Spallanzani ben 34 giorni fa. Oggi la Regione non è tra le più colpite, con 27 casi accertati «quasi tutti collegati con l’area lombarda», ha ricordato D’Amato, che ha aggiunto: «La prossima settimana sarà una settimana importante per capire se le iniziative messe in campo avranno successo – sottolinea -. Altre città entreranno nella zona rossa, alcune delle quali hanno dei link con casi segnalati nella nostra regione, mi riferisco ad Alzano lombardo. L’obiettivo è ridurre i contagi nel nostro Paese».

Lo spettro che aleggia all’orizzonte è l’arrivo dell’emergenza nel Lazio, e nello specifico a Roma, un evento che sarebbe difficile da fronteggiare. D’Amato ha elencato tutte le misure per uno scenario che sembra quasi quello di una guerra: «Lo Spallanzani diventerà un ‘Covid-Hospital’ e tutti i casi saranno portati nella struttura – ha annunciato l’assessore alla Salute -. È stato fatto un coordinamento con tutti i prefetti. Sono state indicate delle linee guida sulla gestione dei percorsi, sia per l’emergenza che per il territorio. Sono state predisposte delle zone di accoglienza pre-filtro per limitare la promiscuità».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, VERGALLO (AAROI-EMAC): «IN LOMBARDIA MENO DI 20 POSTI LETTO LIBERI IN RIANIMAZIONE»

Ma i numeri più importanti sono quelli che riguardano il potenziamento dei posti letto: «Ci sarà una implementazione di 153 posti letto dedicati di terapia intensiva che si andranno ad aggiungere ai 590 in esercizio. Abbiamo oltre 340 posti letto di malattie infettive che dovranno assicurare il fabbisogno delle malattie infettive che abbiamo e dovranno gestire i casi di coronavirus che non hanno bisogno della terapia intensiva. Saranno raddoppiati i posti letto dello Spallanzani, con un aumento di 150 unità».

D’Amato ha voluto poi ringraziare tutti gli operatori della salute, soprattutto quelli delle zone rosse, che sono «sotto pressione» in questo momento e che «non hanno orari, non hanno famiglia». Un ringraziamento anche ai 40 medici del numero verde del Lazio 800 118 800 che dal 27 febbraio, giorno in cui è stato istituito, hanno risposto a oltre 8mila telefonate: «In presenza di sintomi e link epidemiologici con le zone rosse – ha ricordato D’Amato – non è opportuno recarsi al Pronto soccorso ma bisogna chiamare il numero verde in modo tale da consentire l’invio in biocontenimento dei mezzi».

D’Amato ha anche annunciato che saranno messi a disposizione dei medici di famiglia dei «tabulati preventivi» per valutare situazioni di rischio e ‘mappare’ le persone con patologie croniche e una età avanzata.

Dall’assessore anche un appello a donare il sangue perché a causa del Covid 19 «sta rallentando la donazione di sangue» e questo «sta complicando il lavoro ordinario degli ospedali».

Le opposizioni, intervenute dopo l’informativa dell’assessore alla Salute, hanno evitato l’eccesso di polemiche anche se non hanno rinunciato a segnalare le criticità. Chiara Colosimo (Fratelli d’Italia) ha lanciato l’idea di creare una nuova struttura sanitaria dedicata esclusivamente ai pazienti affetti da coronavirus «magari riqualificando uno dei tanti ospedali chiusi o dismessi. Lo Spallanzani, infatti, seppur rappresenti l’eccellenza del nostro territorio, non ha la capacità di contenere tutti i pazienti». Il Presidente della Commissione Sanità Giuseppe Simeone (Forza Italia) ha invece denunciato il caso di Formia, dove all’ospedale è stata individuata una persona contagiata: «La tenda pre-triage a Formia è stata messa in un luogo nascosto, mentre dovrebbe essere posta prima dell’ingresso del triage che si fa al Pronto soccorso» e denuncia che altri ospedali stanno rifiutando pazienti provenienti dal nosocomio di Formia dove è stato registrato il caso. Roberta Lombardi, capogruppo del Movimento Cinque Stelle, ha invece messo in evidenza come in alcuni studi di medici di famiglia si continui a ricevere normalmente: «In assenza di indicazioni univoche alcuni MMG continuano a ricevere facendo entrare uno alla volta e consentendo l’affollamento nelle sala d’attesa».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 542.789 (17.012 in più rispetto a ieri). 124.686 i […]
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”
Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare