Politica 30 Aprile 2020

Conte al Parlamento: «Non siamo usciti dalla pandemia, non ci sono condizioni per ritorno alla normalità»

Il premier ha difeso le decisioni prese in costante confronto con il Comitato tecnico scientifico: «Dal 4 maggio mobiliteremo 4,5 milioni di italiani, non è scelta timida. Dal 18 maggio sapremo com’è andata»

di Gloria Frezza
Immagine articolo

«Il governo non può assicurare il ritorno immediato alla normalità della vita precedente, mi piacerebbe ma dobbiamo avere la consapevolezza che il virus sta continuando a circolare: abbiamo 105mila casi accertati senza contare casi asintomatici non accertati». Queste le battute iniziali del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla Camera prima e al Senato poi.

Non siamo ancora usciti dalla pandemia e il premier ha ribadito che qualsiasi atteggiamento ondivago comporterebbe un certo aumento dei contagi. Riaprire tutte le attività non è una soluzione possibile e solo intorno al 18 maggio ci sarà un quadro più chiaro. « Al termine delle due settimane successive al Dpcm che entrerà in vigore dal 4 maggio avremo un quadro più chiaro – ha spiegato Conte – e potremo valutare, senza azzardi, un ulteriore allentamento delle misure contenitive».

Condizione necessaria per riavviare il Paese in sicurezza è che la curva dei contagi non cresca. «Non è una scelta timida – ha tenuto comunque a ribadire il premier –. Mobiliterà 4,5 milioni di italiani e sarà un test per la tenuta del sistema». Ogni decisione è stata presa con il confronto costante con il Comitato tecnico scientifico, autore del rapporto circolato qualche giorno fa.

«Rapporto che non è mai stato segreto – ha puntualizzato Conte – in quanto è imperativo categorico per un governo che deve proteggere la vita dei cittadini porre a fondamento delle proprie decisioni non libere opinioni ma raccomandazioni del mondo scientifico».

LEGGI ANCHE: LA FASE 2 COMINCIA LENTA, DAL 4 MAGGIO MASCHERINE NEI LUOGHI PUBBLICI E VISITE AI PARENTI CONCESSE

Nello scenario peggiore del report, con una riapertura pressoché totale, si parlava di 150mila in terapia intensiva soltanto a giugno. Quattro i principali fattori di contagio: famiglia, scuola, lavoro e comunità. Specie i contagi familiari sfuggono al controllo generale e da lì provengono un quarto dei nuovi positivi.

«Stiamo affrontando un’emergenza senza precedenti della storia della nostra Repubblica – ha ammesso il Presidente –, una dura prova per tutte le democrazie avanzate colpite dalla pandemia che ci ha costretti a rivedere i modelli di vita, a ripensare il nostro modello di sviluppo». Una prova che ha però accresciuto il valore reputazionale dell’Italia all’estero, per merito dei cittadini, ha tenuto a sottolineare Conte, lodandone i comportamenti virtuosi.

A dare una cifra della gravità dello scenario è il Def, che mostra una contrazione dell’8% del Pil italiano. Il Presidente ha parlato di «una previsione che sconta la caduta del Pil del 15% nel primo trimestre e prevede un rimbalzo con «una crescita del 4,7% nel 2021». Nel Def sono previsti anche scenari peggiori: se il virus persistesse si arriverebbe a una contrazione di -10,4%.

«Il governo ha varato una serie di misure per fronteggiare la crisi – la rassicurazione –, queste misure sono state inserite nel Cura Italia e nel dl Liquidità. Il prolungamento della chiusura di molte attività produttive rende necessari ulteriori provvedimenti. Il prossimo decreto legge conterrà ulteriori sostegni a lavoratori e imprese».

In conclusione del suo discorso Conte torna sulle accuse di aver limitato le libertà personali dei cittadini: «Quei principi non sono stati né trascurati né affievoliti. Il 31 gennaio è stato deliberato per sei mesi lo Stato di emergenza di rilievo nazionale da cui discendono precise conseguenze giuridiche. Sono ben consapevole della responsabilità che mi sono assunto ogni volta che ho posto la firma su un atto, ma ho avuto sempre consapevolezza di agire in scienza e coscienza rispetto alla tutela di un diritto primario».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Il CdM ha prorogato lo stato di emergenza fino al 15 ottobre 2020
Ieri a tarda notte la decisione su proposta del presidente Giuseppe Conte. Lo stato di emergenza va in proroga, insieme ai termini di altre misure
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...