Politica 21 Febbraio 2019

Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»

L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»

«Non siamo contrari all’autonomia differenziata ma anche noi vogliamo sederci al tavolo di trattativa con lo Stato. Il Mezzogiorno fa fatica a tenere il passo e se il Pil italiano cresce meno degli altri è proprio a causa di questo ritardo». Così Ruggero Razza, Assessore alla Salute della Regione Sicilia, ai nostri microfoni spiega il suo punto di vista su uno dei temi più discussi, a livello politico, di questi giorni.

LEGGI ANCHE: AUTONOMIA DIFFERENZIATA, NODO SANITA’. MICHELE EMILIANO (PUGLIA): «BLOCCARE PROCESSO SEPARATISTA E AUMENTARE POTERI DI TUTTE LE REGIONI»

La richiesta di Emilia Romagna, Lombardia e Veneto – seguiti da diverse altre regioni del Nord – è quella di una maggiore autonomia su diverse materie molto importanti per i cittadini. Tra questi ambiti c’è, ovviamente, anche la Sanità. E a chi paventa il pericolo della creazione di 21 servizi sanitari completamente differenti l’uno dall’altro, Razza risponde: «Con coordinamento adeguato non correremo questo rischio».

Assessore, il tema di questi giorni è l’autonomia differenziata che stanno chiedendo le regioni del Nord. Come valuta questa opportunità?

«Come ha già avuto modo di dire il Presidente Musumeci, come Regione non siamo contrari per principio all’autonomia differenziata, che altro non è che l’attuazione degli articoli 116 e 117 della Costituzione. Vogliamo però che al tavolo in cui siedono lo Stato e le Regioni del Nord possa accompagnarsi un dialogo analogo con quelle del Sud. Nel caso di una Regione a statuto speciale come la Sicilia ci aspettiamo inoltre l’integrale attuazione del nostro statuto e quelle regole minime di perequazione tra Nord e Sud del Paese che devono servire a far recuperare quel ritardo, a volte di diversi decenni, alla parte che ha più difficoltà a crescere, ovvero il Mezzogiorno. Se noi lamentiamo oggi una crescita del Pil più bassa rispetto agli altri Paesi europei, questo si verifica perché esiste una parte di Paese, per l’appunto il Mezzogiorno, che non riesce a crescere adeguatamente».

La critica che si pone spesso a questa riforma, per quanto riguarda l’ambito sanitario, è che si possano creare 21 sistemi sanitari completamente diversi. Non vede questo pericolo?

«Se ci sarà, come sono certo, un coordinamento adeguato tra tutte le Regioni e un valore assolutamente pregnante del principio costituzionale del diritto alla salute, credo di no. Il problema può essere diverso e ben più grave dal punto di vista organizzativo ed è legato ai tempi di attuazione: se Regioni che oggi sono nelle condizioni di avere un avanzo di amministrazione, e quindi un attivo importante legato anche al sistema della mobilità, potranno assumere più velocemente delle Regioni del Sud allora sì, in quel caso, potrà verificarsi un problema molto grave. È nella responsabilità del governo nazionale impedire che questo si verifichi».

Articoli correlati
Dl Milleproroghe, Claus (Federspecializzandi): «No a specializzandi assunti già dal 3° anno e a medici in pensione a 70 anni»
Il testo del decreto, in attesa dell’approvazione della Camera, prevede medici operativi oltre i 40 anni di attività e concorsi accessibili agli specializzandi dal terzo anno. Ferma contrarietà da FederSpecializzandi: vediamo perché con il presidente Mirko Claus
Consiglio Nazionale infermieri, Speranza: «Sottoscrivo la vostra mozione: il SSN ha bisogno di un’inversione di tendenza»
Il ministro della Salute Speranza è intervenuto al Consiglio Nazionale della Fnopi. La mozione votata all’unanimità dai 102 presidenti: «Ecco le azioni per difendere il ‘diritto al futuro’ della professione»
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.005 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.116 mentre i morti sono 2.762. I CASI IN ITALIA Bollettino delle o...