Politica 21 Febbraio 2019 11:16

Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»

L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»

«Non siamo contrari all’autonomia differenziata ma anche noi vogliamo sederci al tavolo di trattativa con lo Stato. Il Mezzogiorno fa fatica a tenere il passo e se il Pil italiano cresce meno degli altri è proprio a causa di questo ritardo». Così Ruggero Razza, Assessore alla Salute della Regione Sicilia, ai nostri microfoni spiega il suo punto di vista su uno dei temi più discussi, a livello politico, di questi giorni.

LEGGI ANCHE: AUTONOMIA DIFFERENZIATA, NODO SANITA’. MICHELE EMILIANO (PUGLIA): «BLOCCARE PROCESSO SEPARATISTA E AUMENTARE POTERI DI TUTTE LE REGIONI»

La richiesta di Emilia Romagna, Lombardia e Veneto – seguiti da diverse altre regioni del Nord – è quella di una maggiore autonomia su diverse materie molto importanti per i cittadini. Tra questi ambiti c’è, ovviamente, anche la Sanità. E a chi paventa il pericolo della creazione di 21 servizi sanitari completamente differenti l’uno dall’altro, Razza risponde: «Con coordinamento adeguato non correremo questo rischio».

Assessore, il tema di questi giorni è l’autonomia differenziata che stanno chiedendo le regioni del Nord. Come valuta questa opportunità?

«Come ha già avuto modo di dire il Presidente Musumeci, come Regione non siamo contrari per principio all’autonomia differenziata, che altro non è che l’attuazione degli articoli 116 e 117 della Costituzione. Vogliamo però che al tavolo in cui siedono lo Stato e le Regioni del Nord possa accompagnarsi un dialogo analogo con quelle del Sud. Nel caso di una Regione a statuto speciale come la Sicilia ci aspettiamo inoltre l’integrale attuazione del nostro statuto e quelle regole minime di perequazione tra Nord e Sud del Paese che devono servire a far recuperare quel ritardo, a volte di diversi decenni, alla parte che ha più difficoltà a crescere, ovvero il Mezzogiorno. Se noi lamentiamo oggi una crescita del Pil più bassa rispetto agli altri Paesi europei, questo si verifica perché esiste una parte di Paese, per l’appunto il Mezzogiorno, che non riesce a crescere adeguatamente».

La critica che si pone spesso a questa riforma, per quanto riguarda l’ambito sanitario, è che si possano creare 21 sistemi sanitari completamente diversi. Non vede questo pericolo?

«Se ci sarà, come sono certo, un coordinamento adeguato tra tutte le Regioni e un valore assolutamente pregnante del principio costituzionale del diritto alla salute, credo di no. Il problema può essere diverso e ben più grave dal punto di vista organizzativo ed è legato ai tempi di attuazione: se Regioni che oggi sono nelle condizioni di avere un avanzo di amministrazione, e quindi un attivo importante legato anche al sistema della mobilità, potranno assumere più velocemente delle Regioni del Sud allora sì, in quel caso, potrà verificarsi un problema molto grave. È nella responsabilità del governo nazionale impedire che questo si verifichi».

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni