Politica 18 Settembre 2019 11:48

Bonaccini (Regioni) incontra il ministro Speranza: «Priorità nuovo Patto Salute e risorse per contratti e farmaci innovativi»

Avviato anche un primo confronto per il superamento del superticket. «Molto positivo» il bilancio dell’incontro secondo il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province

Incontro «molto positivo», stamane, tra il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province, Stefano Bonaccini, e il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Nel corso del colloquio – si legge in una nota diffusa dal Conferenza delle Regioni – è emersa la comune volontà di rilanciare la collaborazione istituzionale fra il ministero e le Regioni, «a partire dall’obiettivo – spiega Bonaccini – di consolidare la natura universalistica del Servizio Sanitario Nazionale e il ruolo cruciale della sanità pubblica nell’assicurare a tutti i cittadini, a prescindere dal loro reddito, il pieno diritto ad accedere ai migliori servizi per la salute».

LEGGI ANCHE: «BASTA TAGLI IN SANITÀ». IL MINISTRO SPERANZA PUNTA SUL SISTEMA PUBBLICO: «SALUTE È DIRITTO UNIVERSALE»

Due temi sono apparsi cruciali e urgenti: «Bisogna arrivare – prosegue il presidente della Conferenza delle Regioni – in tempi molto rapidi alla sottoscrizione del nuovo Patto per la Salute, dando seguito al lavoro già avviato con l’ex ministro Grillo. Occorre poi avere certezza di un adeguato livello di finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale così come previsto dall’accordo Governo-Regioni del dicembre 2018 che prevede un incremento di 4,5 miliardi per il triennio 2019-21, di cui 2 si riferiscono al 2020, assicurando anche le risorse necessarie per far fronte ai rinnovi contrattuali e ai farmaci innovativi. Va sottolineato che un primo confronto è stato avviato poi sul tema del superamento del superticket, posto che alcune Regioni hanno già attivato misure in tal senso».

Infine il presidente Bonaccini ha chiesto un incontro specifico tra il Ministro e le Regioni «per affrontare il tema dei punti nascita per poter approfondire la ricaduta sociale che la chiusura degli stessi, in base ai parametri oggi fissati, sta comportando sulle comunità locali, in particolare – conclude Bonaccini – nelle zone montane e nelle aree interne».

Articoli correlati
Covid-19, Speranza alla Camera: «Situazione peggiorata, stato di emergenza fino al 30 aprile. Arancioni Regioni ad alto rischio»
Il titolare della Salute, alla Camera, ha rivolto un appello all’unità: «Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani». Sarà introdotto il divieto di asporto dai bar dopo le 18 e il divieto di spostamento tra regioni. Sui vaccini: «Con 800mila dosi somministrate siamo i primi in Europa»
Spostamenti tra comuni concessi a Natale? Speranza dice no
Da giorni si discute di un possibile dietrofront del governo sul divieto categorico di spostamenti tra comuni il 25 e 26 dicembre e 1 gennaio. Il ministro Speranza è contrario
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
Chi resta in zona rossa? La nuova ordinanza. Speranza: «Dati incoraggianti»
Quattro regioni restano in zona rossa, due in zona arancione. L'ordinanza di Speranza anticipa i dati di oggi. Sui vaccini si vede la luce in fondo al tunnel
Speranza alla Camera: «Parametri condivisi con Regioni da aprile. Nessuna punizione»
Speranza spiega che i dati hanno imposto le decisioni della Cabina di regia e ricorda la carenza di personale sanitario come vulnus principale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»