Politica 26 Luglio 2019 17:06

Aggressioni ai medici, ddl approda in Senato. Intervista al relatore Rufa (Lega): «Testo completo, spero in rapida approvazione»

Ecco i contenuti del testo approvato approvato lo scorso 9 luglio dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Gianfranco Rufa (Lega): «Si è arrivati ad un inasprimento delle pene proprio a dar ragione a quello che è un ruolo importante che il personale nelle strutture sanitarie»

Aggressioni ai medici, ddl approda in Senato. Intervista al relatore Rufa (Lega): «Testo completo, spero in rapida approvazione»

Aggressioni verbali, fisiche oppure psicologiche, è un quadro allarmante quello che si delinea per il personale della sanità italiana. Un fenomeno che colpisce tutte le strutture ospedaliere da Nord a Sud e in particolar modo le Unità Operative di Emergenza e Urgenza, dove le criticità del contesto espongono maggiormente i lavoratori alle intemperanze dell’utenza.

Per arginare quella che è stata definita più volte dallo stesso ministro della Salute, Giulia Grillo “un’emergenza”, è stato presentato un disegno di legge, il n. 867 “Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni”, approvato in Commissione Igiene e Sanità del Senato lo scorso 9 luglio 2019.

Si tratta di «una necessità nelle strutture socio-sanitarie – ha spiegato ai microfoni di Sanità e Informazione il senatore della Lega e relatore del testo, Gianfranco Rufa – un provvedimento doveroso per le persone che lavorano e mettono in gioco la loro vita per salvare vite. Non è giusto che vengano offesi, malmenati e maltrattati. C’è stata per altro una discussione molto costruttiva nella Commissione Sanità. Alla fine, si è arrivati ad un inasprimento delle pene, un riconoscimento di un ruolo importante del personale nelle strutture sanitarie».

Tra le novità del disegno di legge licenziato dalla Commissione c’è proprio un emendamento dell’esponente della Lega, Gianfranco Rufa che inasprisce le pene, fino a 16 anni di carcere, per chi usa violenza ai danni di un operatore sanitario. La proposta prevede nello specifico la modifica dell’articolo 583-quater del codice penale: “Lesioni personali gravi o gravissime a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive”. Nell’ipotesi di lesioni personali cagionate a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive, le lesioni gravi sono punite con la reclusione da quattro a dieci anni; le lesioni gravissime, con la reclusione da otto a sedici anni. Pene che ora saranno applicate anche in caso di lesioni personali cagionate a personale esercente la professione sanitaria o a incaricati di pubblico servizio, nell’atto o a causa dell’adempimento delle funzioni o del servizio presso strutture sanitarie pubbliche o private accreditate.

LEGGI: AGGRESSIONI OPERATORI SANITARI, APPROVATO IL DDL IN COMMISSIONE SANITÀ: INASPRITE LE PENE E INTRODOTTA LA PROCEDIBILITÀ D’UFFICIO

«A breve comincerà la discussione in Aula», continua il senatore indicando come possibile deadline la prossima settimana. «Abbiamo anche inserito un Osservatorio in grado di andare a valutare quelle che sono le percentuali di violenze che in questi ultimi anni sono ricorrenti per cercare un ulteriore rimedio».

Riguardo a possibili modifiche del testo una volta che varcherà la soglia dell’aula del Senato, Rufa si dice tranquillo. «Non penso, perché il disegno di legge è abbastanza completo, quindi si spera che si arrivi subito ad una definizione». Anche perché il disegno di legge contiene soluzioni presentate precedentemente sia dal Partito Democratico con la proposta del deputato Paolo Siani, sia da LeU con un progetto di legge a prima firma Michela Rostan. «Assolutamente è un merito della Commissione Sanità – lo ribadisce il senatore Rufa rispetto alla condivisione di intenti -. Dico sempre che quando hai una buona opposizione riesci a fare un buon governo. L’importante è che questo Governo l’abbia portato in Aula e che si voti»

Articoli correlati
Salute mentale, lauree abilitanti e tutela delle persone sorde: la settimana in Parlamento
Palazzo Madama esaminerà due importanti decreti in scadenza, quello sulla Ripresa delle attività economiche e quello sul Fondo complementare Piano nazionale ripresa e resilienza. In Commissione Affari Sociali spazio ai Ddl su defibrillatori automatici e semiautomatici, immunodeficienze congenite e budget di salute. A Montecitorio esame del Testo unico sui ricercatori universitari
Laurea abilitante, psicologo delle cure primarie e Dl Riaperture: la settimana in Parlamento
Le Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali, dopo il via libera di Montecitorio, sono attese al Senato. In Commissione Cultura si vota sul Ddl titoli universitari abilitanti. Audizioni di Cozzoli, Cricelli e Sileri in Commissione Sanità
Malattie Rare, On. Bologna: «Ecco cosa prevede il Testo Unico»
Intervista alla prima firmataria del Disegno di legge: «Unificazione di cure e trattamenti a livello nazionale, aggiornamento dei Lea e contributi alla ricerca»
Testo unico per le Malattie Rare, Binetti: «Necessario per eliminare le differenze tra Regioni»
Il Ddl è stato approvato all’unanimità alla Camera e la discussione si sposta al Senato. La Senatrice e Presidente dell’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare: «Il malato raro ha bisogno non solo di cure ma anche di novità dal punto di vista sociale, economico e organizzativo»
Ue, Regimenti (Lega): «Serve strategia farmaceutica per affrontare emergenze sanitarie»
«L’Europa ha urgente bisogno di una strategia farmaceutica per incentivare lo sviluppo delle imprese del settore e aumentare la loro competitività in ambito internazionale e per garantire, allo stesso tempo, una migliore prevenzione, la giusta preparazione e una pronta risposta alle future emergenze sanitarie». Lo ha detto l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti nel corso del suo intervento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...