Politica 26 Luglio 2019

Aggressioni ai medici, ddl approda in Senato. Intervista al relatore Rufa (Lega): «Testo completo, spero in rapida approvazione»

Ecco i contenuti del testo approvato approvato lo scorso 9 luglio dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Gianfranco Rufa (Lega): «Si è arrivati ad un inasprimento delle pene proprio a dar ragione a quello che è un ruolo importante che il personale nelle strutture sanitarie»

Immagine articolo

Aggressioni verbali, fisiche oppure psicologiche, è un quadro allarmante quello che si delinea per il personale della sanità italiana. Un fenomeno che colpisce tutte le strutture ospedaliere da Nord a Sud e in particolar modo le Unità Operative di Emergenza e Urgenza, dove le criticità del contesto espongono maggiormente i lavoratori alle intemperanze dell’utenza.

Per arginare quella che è stata definita più volte dallo stesso ministro della Salute, Giulia Grillo “un’emergenza”, è stato presentato un disegno di legge, il n. 867 “Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni”, approvato in Commissione Igiene e Sanità del Senato lo scorso 9 luglio 2019.

Si tratta di «una necessità nelle strutture socio-sanitarie – ha spiegato ai microfoni di Sanità e Informazione il senatore della Lega e relatore del testo, Gianfranco Rufa – un provvedimento doveroso per le persone che lavorano e mettono in gioco la loro vita per salvare vite. Non è giusto che vengano offesi, malmenati e maltrattati. C’è stata per altro una discussione molto costruttiva nella Commissione Sanità. Alla fine, si è arrivati ad un inasprimento delle pene, un riconoscimento di un ruolo importante del personale nelle strutture sanitarie».

Tra le novità del disegno di legge licenziato dalla Commissione c’è proprio un emendamento dell’esponente della Lega, Gianfranco Rufa che inasprisce le pene, fino a 16 anni di carcere, per chi usa violenza ai danni di un operatore sanitario. La proposta prevede nello specifico la modifica dell’articolo 583-quater del codice penale: “Lesioni personali gravi o gravissime a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive”. Nell’ipotesi di lesioni personali cagionate a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive, le lesioni gravi sono punite con la reclusione da quattro a dieci anni; le lesioni gravissime, con la reclusione da otto a sedici anni. Pene che ora saranno applicate anche in caso di lesioni personali cagionate a personale esercente la professione sanitaria o a incaricati di pubblico servizio, nell’atto o a causa dell’adempimento delle funzioni o del servizio presso strutture sanitarie pubbliche o private accreditate.

LEGGI: AGGRESSIONI OPERATORI SANITARI, APPROVATO IL DDL IN COMMISSIONE SANITÀ: INASPRITE LE PENE E INTRODOTTA LA PROCEDIBILITÀ D’UFFICIO

«A breve comincerà la discussione in Aula», continua il senatore indicando come possibile deadline la prossima settimana. «Abbiamo anche inserito un Osservatorio in grado di andare a valutare quelle che sono le percentuali di violenze che in questi ultimi anni sono ricorrenti per cercare un ulteriore rimedio».

Riguardo a possibili modifiche del testo una volta che varcherà la soglia dell’aula del Senato, Rufa si dice tranquillo. «Non penso, perché il disegno di legge è abbastanza completo, quindi si spera che si arrivi subito ad una definizione». Anche perché il disegno di legge contiene soluzioni presentate precedentemente sia dal Partito Democratico con la proposta del deputato Paolo Siani, sia da LeU con un progetto di legge a prima firma Michela Rostan. «Assolutamente è un merito della Commissione Sanità – lo ribadisce il senatore Rufa rispetto alla condivisione di intenti -. Dico sempre che quando hai una buona opposizione riesci a fare un buon governo. L’importante è che questo Governo l’abbia portato in Aula e che si voti»

Articoli correlati
Lotta al cancro, Regimenti (Lega): «L’UE investa risorse sui farmaci biologici»
«L’Unione Europea inserisca tra le priorità della sua agenda la lotta contro il cancro e per questo investa risorse, economiche e scientifiche, per sostenere lo sviluppo di alcuni farmaci biologici, che si sono rivelati meno tossici di quelli chemioterapici, spesso usati in modo inadeguato e a beneficio di interessi privati». Lo ha detto l’eurodeputata della […]
Aggressioni, le proposte di Mazzacane (Cisl Lombardia): «Medici come pubblici ufficiali ed educazione sanitaria per i cittadini»
Il segretario della Cisl Medici Lombardia rilancia il modello dei ‘presidi territoriali’ per decongestionare i Pronto soccorso come durante l’Expo: «Chi deve lavorare, deve essere sereno e dedicarsi a chi sta male veramente, non ai codici bianchi o verdi che possono e devono essere gestiti sul territorio»
di Federica Bosco
Violenze agli operatori, le richieste alla politica di medici e infermieri in occasione della Giornata nazionale
A Bari conferenza stampa FNOMCeO – FNOPI per ricordare tutti gli operatori sanitari che hanno subito aggressioni. Anelli e Mangiacavalli: «Fare al più presto qualcosa». Tra le richieste i requisiti minimi di sicurezza delle sedi e la rapida approvazione del ddl che inasprisce le pene
di Giulia Cavalcanti inviata a Bari
Giornata contro la violenza agli operatori sanitari e formazione, dal 13 settembre Bari capitale della sanità italiana
Conferenza stampa con il Presidente FNOMCeO Anelli e la presidente FNOPI Mangiacavalli per parlare del tema scottante delle violenze. Lo stesso giorno partono le Giornate di approfondimento sulla Formazione del medico. Ecco il quadro degli eventi
Autonomie, Collina (PD): «Contrario al progetto, serve omogeneità». Primo nodo sarà il Bilancio
Ottimismo tra i senatori del Partito Democratico per la nomina di Roberto Speranza al Ministero della Salute. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», precisa il vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, Stefano Collina. Boldrini (PD): «Cosa c’è in agenda? Partiremo dalla Legge di Bilancio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali