Politica 26 Luglio 2019

Aggressioni ai medici, ddl approda in Senato. Intervista al relatore Rufa (Lega): «Testo completo, spero in rapida approvazione»

Ecco i contenuti del testo approvato approvato lo scorso 9 luglio dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Gianfranco Rufa (Lega): «Si è arrivati ad un inasprimento delle pene proprio a dar ragione a quello che è un ruolo importante che il personale nelle strutture sanitarie»

Immagine articolo

Aggressioni verbali, fisiche oppure psicologiche, è un quadro allarmante quello che si delinea per il personale della sanità italiana. Un fenomeno che colpisce tutte le strutture ospedaliere da Nord a Sud e in particolar modo le Unità Operative di Emergenza e Urgenza, dove le criticità del contesto espongono maggiormente i lavoratori alle intemperanze dell’utenza.

Per arginare quella che è stata definita più volte dallo stesso ministro della Salute, Giulia Grillo “un’emergenza”, è stato presentato un disegno di legge, il n. 867 “Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni”, approvato in Commissione Igiene e Sanità del Senato lo scorso 9 luglio 2019.

Si tratta di «una necessità nelle strutture socio-sanitarie – ha spiegato ai microfoni di Sanità e Informazione il senatore della Lega e relatore del testo, Gianfranco Rufa – un provvedimento doveroso per le persone che lavorano e mettono in gioco la loro vita per salvare vite. Non è giusto che vengano offesi, malmenati e maltrattati. C’è stata per altro una discussione molto costruttiva nella Commissione Sanità. Alla fine, si è arrivati ad un inasprimento delle pene, un riconoscimento di un ruolo importante del personale nelle strutture sanitarie».

Tra le novità del disegno di legge licenziato dalla Commissione c’è proprio un emendamento dell’esponente della Lega, Gianfranco Rufa che inasprisce le pene, fino a 16 anni di carcere, per chi usa violenza ai danni di un operatore sanitario. La proposta prevede nello specifico la modifica dell’articolo 583-quater del codice penale: “Lesioni personali gravi o gravissime a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive”. Nell’ipotesi di lesioni personali cagionate a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive, le lesioni gravi sono punite con la reclusione da quattro a dieci anni; le lesioni gravissime, con la reclusione da otto a sedici anni. Pene che ora saranno applicate anche in caso di lesioni personali cagionate a personale esercente la professione sanitaria o a incaricati di pubblico servizio, nell’atto o a causa dell’adempimento delle funzioni o del servizio presso strutture sanitarie pubbliche o private accreditate.

LEGGI: AGGRESSIONI OPERATORI SANITARI, APPROVATO IL DDL IN COMMISSIONE SANITÀ: INASPRITE LE PENE E INTRODOTTA LA PROCEDIBILITÀ D’UFFICIO

«A breve comincerà la discussione in Aula», continua il senatore indicando come possibile deadline la prossima settimana. «Abbiamo anche inserito un Osservatorio in grado di andare a valutare quelle che sono le percentuali di violenze che in questi ultimi anni sono ricorrenti per cercare un ulteriore rimedio».

Riguardo a possibili modifiche del testo una volta che varcherà la soglia dell’aula del Senato, Rufa si dice tranquillo. «Non penso, perché il disegno di legge è abbastanza completo, quindi si spera che si arrivi subito ad una definizione». Anche perché il disegno di legge contiene soluzioni presentate precedentemente sia dal Partito Democratico con la proposta del deputato Paolo Siani, sia da LeU con un progetto di legge a prima firma Michela Rostan. «Assolutamente è un merito della Commissione Sanità – lo ribadisce il senatore Rufa rispetto alla condivisione di intenti -. Dico sempre che quando hai una buona opposizione riesci a fare un buon governo. L’importante è che questo Governo l’abbia portato in Aula e che si voti»

Articoli correlati
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
Bilancio 2020, Cartabellotta (GIMBE): «Personale e Lea i lati oscuri. Altri aspetti positivi»
«Diversi aspetti seducenti nel testo che arriva in Parlamento. Ma è realmente tutto oro quello che luccica?» si domanda la Fondazione Gimbe analizzando punto per punto la Legge di Bilancio. «Tra i grandi assenti ci sono gli investimenti su personale sanitario, nuovi Lea e farmaci innovativi»
Manovra 2020 approda in Aula, confermati gli stanziamenti in Sanità. Detrazioni anche se si usano i contanti
Iniziato in Senato il percorso parlamentare della Legge di Bilancio. Non si fermano le polemiche sulle nuove tasse. Confermato stanziamento di 30 miliardi per l'edilizia sanitaria, abolizione del superticket a decorrere dal 1° settembre 2020
“Spazio Etico”: Cisl Medici Lombardia e Istituto di Bioetica lanciano sportello di consulenza legale e psicologica per medici e operatori sanitari
L’iniziativa nata grazie al sostegno dell’ASST Melegnano e Martesana. «Il nemico da battere è essenzialmente lo stress lavorativo per prevenire la ormai nota sindrome di burnout» sottolinea Danilo Mazzacane, Segretario Cisl medici Lombardia
di Federica Bosco
Aggressioni, Speranza apre a presìdi di polizia nei Ps: «Discussione aperta. Migliorare e approvare Ddl prima possibile»
«Dovere dello Stato è "prendersi cura di chi ci cura” ha detto il ministro in vista all’OMCeO Napoli. Il Presidente dell’Ordine dei medici di Napoli Scotti: «Avere qui con noi il Ministro in un momento così delicato è per noi fondamentale. Il messaggio è chiaro: fate presto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...