Politica 30 Settembre 2020

Recovery Fund, Commissione Affari Sociali: «Puntare su prevenzione, equipe multidisciplinari e strutture anti-pandemie»

I rilievi della Commissione allo “Schema di relazione sull’individuazione delle priorità nell’utilizzo del Recovery Fund”. Il relatore Nicola Provenza: «Sapremo essere all’altezza di questa nuova fase, dopo un periodo così difficile, se metteremo in campo emozione, passione e capacità di innovare»

Immagine articolo

La Commissione Affari Sociali dà parere favorevole allo “Schema di relazione sull’individuazione delle priorità nell’utilizzo del Recovery Fund” elaborato dalla Commissione V Bilancio, Tesoro e Programmazione di Montecitorio. Lo fa però con alcuni importanti rilievi contenuti nella relazione elaborata dal relatore Nicola Provenza (M5S) e che toccano tutti i principali aspetti di rilancio della sanità che sono stati enunciati nelle settimane precedenti dal Ministro della Salute Roberto Speranza.

RECOVERY FUND, I RILIEVI DELLA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI

«L’utilizzo del Recovery Fund – si legge nella relazione – dovrà essere necessariamente proteso, per quanto attiene al capitolo “Salute”, alla realizzazione di un nuovo modello organizzativo dell’offerta assistenziale, vicina al cittadino, anche in assenza di malattia, e imperniata sul concetto di prevenzione e di promozione della salute, attraverso una logica intersettoriale, in tutte le politiche pubbliche quale condizione imprescindibile per costruire una sostenibile sanità pubblica del futuro».+

GLI OBIETTIVI

Disco verde per gli obiettivi, a partire dall’impegno allo sviluppo della sanità di prossimità, a una più forte integrazione tra politiche sanitarie, sociali e ambientali, alla digitalizzazione dell’assistenza medica e dei servizi di prevenzione, alla promozione del fascicolo sanitario elettronico e della telemedicina, al sostegno alla ricerca medica, immunologica e farmaceutica, ad eliminare le disparità di genere, le disuguaglianze e le disparità a livello territoriale in termini di reddito, occupazione e livelli di scolarizzazione, evitando che tali disparità si aggravino in conseguenza della pandemia».

Medicina territoriale, assistenza domiciliare e telemedicina sono alcune delle priorità indicate dal relatore Nicola Provenza: «Al fine di superare il concetto di ospedalizzazione come principale intervento assistenziale – spiega Provenza – dobbiamo assicurare l’organizzazione di una nuova rete territoriale di assistenza che comporti un ripensamento dell’intera offerta sanitaria e socio-sanitaria, mettendo in relazione professionisti, strutture e servizi che erogano interventi sanitari e socio-sanitari di tipologia e livelli diversi».

PROVENZA: «SAPREMO ESSERE ALL’ALTEZZA DI QUESTA NUOVA FASE»

«Un ruolo chiave, insieme al fascicolo sanitario elettronico, è rappresentato dalla telemedicina, che rappresenta uno strumento in grado di promuovere operativamente la gestione del percorso assistenziale (PDTA) e, al tempo stesso, di orientare una rimodulazione del sistema della medicina territoriale, sebbene l’innovazione digitale non vada intesa come sostitutiva del rapporto medico-paziente, che rimane condizione irrinunciabile» spiega Provenza. Che aggiunge: «Sapremo essere all’altezza di questa nuova fase, dopo un periodo così difficile, se metteremo in campo emozione, passione e capacità di innovare i nostri progetti e le nostre azioni».

Sono diversi i punti che la Commissione Affari Sociali chiede di integrare, come ad esempio quello sulle diseguaglianze sociali e gli interventi a favore della disabilità. «Tali linee di indirizzo – si legge nella relazione – non possono considerarsi esaustive in quanto occorre implementare, come sarà meglio specificato attraverso i rilievi, i temi legati alle politiche sociali, considerando le pesanti ricadute della pandemia sulle disparità già esistenti, come è emerso anche dal ciclo di audizioni che si sono svolte presso la Commissione Affari sociali tra il 15 luglio e il 23 settembre 2020 sul tema delle ricadute sociali dell’emergenza epidemiologica, con particolare riferimento alle problematiche dell’infanzia, degli anziani e delle persone con disabilità».

TELEMEDICINA E PANDEMIE, SERVE FORMAZIONE

Il documento approvato dalla Commissione presieduta da Marialucia Lorefice entra nel dettaglio degli interventi: si parte dalla telemedicina e dagli «investimenti nella formazione e nell’aggiornamento degli operatori sanitari per l’utilizzo di tali strumenti digitali».

Per prevenire le pandemie del futuro e non farci trovare impreparati occorre investire «nella formazione e nell’alfabetizzazione sulla gestione dei rischi pandemici e creare strutture permanenti di monitoraggio e contenimento delle insorgenze pandemiche, istituendo altresì una rete nazionale di centri dedicati allo studio, alla messa a punto di soluzioni terapeutiche, diagnostiche e preventive, per combattere, anche attraverso la cooperazione internazionale, ogni minaccia pandemica».

PREVENZIONE, CURE DOMICILIARI E MEDICINA TERRITORIALE

Nel rilancio della medicina territoriale si punta «sulle equipe multidisciplinari composte da figure sanitarie e socio-sanitarie tra le quali medici, infermieri, psicologi, operatori sociosanitari e fisioterapisti».

Si chiede inoltre di incentivare «l’educazione ai corretti stili di vita, alla corretta alimentazione e all’attività fisica» e di puntare «sul concetto di prevenzione secondaria (screening), attraverso un potenziamento dei dipartimenti di prevenzione».

Sulle cure domiciliari, priorità anche del Ministro Speranza, si propone «un maggior sostegno alla domiciliarità dei pazienti cronici, fragili e non autosufficienti, e la promozione dell’invecchiamento attivo».

Altro obiettivo è quello di «garantire l’omogeneità del diritto alla salute su tutto il territorio nazionale, anche attraverso il finanziamento perequato di investimenti strutturali e il contrasto ai flussi sistematici di mobilità passiva».

LEA, MALATTIE RARE E ANTIBIOTICO-RESISTENZA

La Commissione Affari Sociali propone poi di adeguare i livelli essenziali di assistenza (LEA) alle nuove emergenze sanitarie «assicurando, anche mediante l’adozione del nuovo Nomenclatore tariffario, che tutte le prestazioni siano effettivamente esigibili dai cittadini».

Sulle malattie rare si chiede, nell’ambito del finanziamento della ricerca, di prevedere «una sezione relativa al potenziamento dei dipartimenti italiani afferenti alle “rete europea di ricerca nell’ambito delle malattie rare” nonché della ricerca nel campo delle protesi e delle attrezzature robotiche».

Altri temi sono la problematica legata all’antibiotico-resistenza, per cui si chiede una rete di sorveglianza per un sistema sanitario nazionale ed europeo più resiliente.

La Commissione chiede inoltre l’aumento dei «posti letto di neuropsichiatria infantile e il relativo percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale».

I RILIEVI SULLE POLITICHE SOCIALI

Sul sociale fari puntati sulla disabilità: il suggerimento è quello di «implementare le politiche volte a consentire la piena attuazione della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, destinando una specifica quota delle risorse per garantire l’accessibilità agli edifici privati e pubblici e a tutti i servizi».

Infine, una prescrizione anche per i caregiver: si punta alla «ridefinizione dei carichi di cura e di lavoro dei componenti del nucleo familiare, ivi inclusi gli assistenti alle persone non autosufficienti a domicilio, al fine di superare le disuguaglianze che l’emergenza pandemica ha evidenziato in modo ancora più drammatico».

 

Articoli correlati
NADEF, ok dalla Commissione Affari Sociali che però chiede più risorse per liste d’attesa e borse di specializzazione
Nella relazione elaborata da Elena Carnevali si sottolinea l’aumento della spesa sanitaria, che nel 2020 raggiunge il 7,7% del Pil. Tra le richieste, misure di sostegno economico per le strutture residenziali e semiresidenziali e aiuti alla domiciliarità dei pazienti cronici, fragili e non autosufficienti
Recovery Fund, Speranza al Senato: «Casa sia primo luogo di cura. Tra priorità rafforzamento IRCCS e ospedali green»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha illustrato al Senato le linee generali del piano per la sanità: c’è tempo fino ai primi di gennaio. «Coinvolgeremo anche sindacati, Ordini professionali e imprese nella stesura» ha sottolineato. Il rafforzamento della sanità territoriale al centro: «Investimenti su hospice, ospedali di comunità e RSA»
Recovery Plan, Fnopo: «Riorganizzare il territorio con ostetrica di famiglia e comunità»
L'appello della Federazione al governo per rimettere al centro salute di genere e denatalità: l'ostetrica di famiglia e comunità per sostenere le donne e i loro bisogni
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Recovery Fund e Mes, CIMO-FESMED: «Proposte Ministero portano a vicolo cieco. Serve vera riforma SSN»
Le priorità secondo la Federazione: intervenire sull'aziendalizzazione delle strutture sanitarie, rivedere il sistema di finanziamento del SSN, modificare la politica del personale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare