Voci della Sanità 14 Aprile 2021 16:16

Vaccini, Regimenti (Lega): «Strategia lacunosa, Ue informi su negoziati con azienda Novavax»

L’eurodeputata della Lega ha presentato una interrogazione in cui chiede alla Commissione Ue «quali misure intende adottare per garantire la trasparenza delle negoziazioni dei contratti pubblici di acquisto dei vaccini» con la casa farmaceutica Novavax

«Contratti con le case farmaceutiche poco trasparenti, confusione nell’approvvigionamento dei vaccini, ritardi nelle consegne da parte delle aziende. La gestione della Ue sui vaccini è stata finora superficiale e lacunosa. La presidente della Commissione Von der Leyen annuncia negoziati con Pfizer/BionTech per un terzo contratto, ma mancano informazioni su altri sieri che potrebbero essere approvati dall’Ema e permettere così una copertura più ampia e rapida della popolazione, come ad esempio il Novavax». Lo afferma l’europarlamentare della Lega e membro della commissione Sanità pubblica, Luisa Regimenti, che aggiunge: «Nonostante le rassicurazioni della Commissione, infatti, la campagna vaccinale in Europa non procede come sperato. Per questo sarebbe opportuno diversificare gli acquisti verso più tipologie di vaccino. Tra questi il prodotto dell’azienda Novavax, che secondo gli studi di fase 3 sarebbe efficace sulle varianti inglese e sudafricana».

«Eppure – sottolinea Regimenti – mentre il Regno Unito negli ultimi giorni ha firmato un contratto con l’azienda americana che dovrebbe garantire al paese una disponibilità pari a circa 50 milioni di dosi, i negoziati in Ue per stilare un accordo di acquisto anticipato si sono fermati a dicembre 2020».

Sulla questione, l’esponente leghista ha presentato un’interrogazione alla Commissione, dato che, a distanza di tre mesi, ancora non si hanno notizie sullo sviluppo delle trattative con Novavax: «Esiste un evidente interesse pubblico nel disvelare lo stato delle trattative in corso ai cittadini europei – ha precisato Regimenti – perciò vogliamo sapere per quali motivi le negoziazioni con l’azienda Novavax non sono ancora state portate a termine e quali misure la Commissione intende adottare per garantire la trasparenza delle negoziazioni dei contratti pubblici di acquisto dei vaccini». Anche perché, conclude l’eurodeputata, «interrogata sul punto la portavoce della Commissione Loonela si è limitata a rispondere che l’esecutivo Ue non fornisce “dettagli” sui negoziati in corso».

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Seconde dosi AstraZeneca, Pfizer a 42 giorni e l’idea di un terzo shot: Guido Rasi commenta le novità sui vaccini
Oltre le 500mila vaccinazioni al giorno, l'Italia di Figliuolo accelera. Ma ci sono dei nodi da sciogliere sulle seconde dosi di AstraZeneca e Pfizer, e sulle eventuali "terze". Li analizziamo con l'ex direttore esecutivo dell'Ema Guido Rasi
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco