OMCeO, Enti e Territori 22 giugno 2018

Tumori femminili, la rivoluzione dei test genetici. L’incontro al Fatebenefratelli

Pochi sanno che per prevenire i tumori femminili, e quindi intervenire precocemente, può bastare un semplice test genetico. Il 14% dei tumori alla mammella e il 10% dei tumori ovarici sono, infatti, ereditari, causati dalla mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2. Di questo si parlerà lunedì 25 giugno (alle ore 16.30 nella Sala Assunta del […]

Pochi sanno che per prevenire i tumori femminili, e quindi intervenire precocemente, può bastare un semplice test genetico. Il 14% dei tumori alla mammella e il 10% dei tumori ovarici sono, infatti, ereditari, causati dalla mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2.

Di questo si parlerà lunedì 25 giugno (alle ore 16.30 nella Sala Assunta del Fatebenefratelli all’Isola Tiberina) nell’incontro “Tumore ovarico e tumore alla mammella. Come i test genetici BRC1 e BRCA2 hanno rivoluzionato la storia dei tumori femminili”. Appuntamento ad ingresso gratuito rivolto in particolar modo alle donne.

Oncologi, chirurghi, ginecologi, genetisti e psicologi approfondiranno i vari aspetti legati alle patologie neoplastiche delle donne, i percorsi assistenziali offerti dall’ospedale e le modalità di accesso a questi test. Risponderanno, inoltre, alle domande dei presenti, per dare chiarimenti o sciogliere eventuali dubbi e perplessità.

I test genetici che saranno presentati nell’incontro sono destinati, non solo, alle pazienti affette da neoplasia (con evidenti benefici da un punto di vista terapeutico) ma in un’ottica di prevenzione anche ai familiari, per verificare se si è dei soggetti a rischio. Le persone che ereditano questa mutazione genetica, infatti, non ereditano il tumore ma la predisposizione a svilupparlo.

L’iniziativa di informazione e sensibilizzazione si inserisce all’interno del tour informativo sul tema della genetica in campo oncologico promosso dall’Associazione Salute Donna Onlus, che ha individuato nell’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina una realtà assistenziale attenta al mondo femminile, dove si registrano circa 4 mila parti l’anno e dove è stata recentemente istituita la Breast Unit, un modello organizzativo e assistenziale multidisciplinare per le donne con tumore al seno.

Articoli correlati
A Mestre arriva il mammografo “intelligente”
Un ulteriore passo in avanti nella diagnosi precoce del tumore al seno. La Senologia diagnostica del Centro di medicina di Mestre lo fa dotandosi dell’innovativo Mammografo 3d con Tomosintesi smartcurve, l’ultimo ritrovato della tecnologia oggi disponibile. Un’apparecchiatura in grado di effettuare mammografie a risoluzione ancora più elevata rispetto al modello precedente e, grazie ad un […]
Frecciarosa 2018: la prevenzione viaggia in treno
Ad ottobre, mese dedicato alla prevenzione del tumore del seno e alla cultura della prevenzione, arriva l’ottava edizione di Frecciarosa. Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e IncontraDonna onlus, con il patrocinio del ministero della Salute e la partecipazione di Farmindustria, si tingono di rosa viaggiando sui convogli di Trenitalia. Combattere il tumore al seno, promuovere […]
Tumore al seno, Zingaretti: «Al via l’ottobre rosa, il mese della prevenzione»
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno “Ottobre Rosa”. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. […]
FNOPO: «Sempre con le donne per garantire sicurezza anche in caso di scelte dolorose»
«Promuovere e tutelare la salute delle donne è la mission della professione ostetrica rimanendole accanto anche in un momento difficile come la scelta dell’interruzione volontaria della gravidanza (IVG), da realizzare in sicurezza secondo specifico percorso diagnostico terapeutico assistenziale». Commentano così la Giornata internazionale per l’aborto sicuro i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO). «Pensare […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila