OMCeO, Enti e Territori 19 novembre 2018

Tumore prostata: Janssen riceve il parere positivo del CHMP per Apalutamide

Janssen, azienda farmaceutica di Johnson & Johnson, ha annunciato oggi che il Comitato per i Medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha espresso parere positivo per apalutamide, un inibitore orale di nuova generazione dei recettori degli androgeni per il trattamento di pazienti adulti affetti da tumore della prostata non-metastatico resistente […]

Janssen, azienda farmaceutica di Johnson & Johnson, ha annunciato oggi che il Comitato per i Medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha espresso parere positivo per apalutamide, un inibitore orale di nuova generazione dei recettori degli androgeni per il trattamento di pazienti adulti affetti da tumore della prostata non-metastatico resistente alla castrazione (nmCRPC), ad alto rischio di sviluppo di metastasi. Il parere positivo del CHMP sarà ora esaminato dalla Commissione Europea (CE), che ha l’autorità di concedere l’approvazione per l’uso di apalutamide.

Il parere positivo del CHMP si basa sui dati dell’importante studio clinico SPARTAN di Fase 3, che ha valutato la sicurezza e l’efficacia di apalutamide rispetto a placebo in pazienti affetti da nmCRPC che presentano un livello di antigene prostatico specifico (PSA) in rapido aumento, nonostante ricevano una terapia di deprivazione androgenica continua (ADT). Lo studio clinico SPARTAN ha dimostrato che apalutamide, se aggiunto all’ADT, riduce significativamente il rischio di sviluppare metastasi a distanza o di mortalità (sopravvivenza libera da metastasi [MFS]) del 72%, rispetto a placebo in combinazione con ADT (HR = 0.28; 95% CI, 0.23-0.35; P < 0.001). La MFS mediana è migliorata di oltre due anni (40,5 mesi vs 16,2 mesi) in pazienti affetti da nmCRPC il cui PSA è in rapido aumento. Questo studio è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3/4, emersi dal trattamento e elencati nello studio SPARTAN, sono risultati essere ipertensione (14,3% vs. 11,8%), eruzioni cutanee (5,2% vs. 0,3%), cadute (1,7% vs. 0,8%) e fratture (2,7% vs. 0,8%). La sospensione del trattamento a causa di eventi avversi è stata dell’11% nel gruppo trattato con apalutamide rispetto al 7% nel gruppo con placebo. I tassi di eventi avversi severi sono risultati simili nel gruppo trattato con apalutamide in combinazione con ADT e nel gruppo trattato con placebo in combinazione con ADT (25% vs. 23% rispettivamente).

“I dati dello studio SPARTAN hanno dimostrato che apalutamide migliora significativamente la sopravvivenza libera da metastasi dei pazienti affetti da tumore della prostata resistente alla castrazione”, ha detto il dottor Simon Chowdhury, consulente medico oncologo, ospedali Guy e St Thomas. “Quasi il 90 per cento dei pazienti affetti da tumore della prostata resistente alla castrazione svilupperà alla fine metastasi ossee. A quel punto la loro prognosi peggiora drasticamente. Ritardare la diffusione del cancro è quindi fondamentale per i pazienti che convivono con il tumore della prostata”.

“Siamo lieti della decisione del CHMP di raccomandare l’approvazione di apalutamide per il trattamento di pazienti affetti da tumore della prostata non-metastatico resistente alla castrazione ad alto rischio”, ha detto il Dr. Ivo Winiger-Candolfi M.D., Janssen Oncology Solid Tumor Therapy Area Lead, Europa, Medio Oriente e Africa, Cilag GmbH International. “Sappiamo che il percorso di ogni paziente affetto da tumore della prostata è unico e l’opinione positiva ottenuta oggi dal CHMP ci permette di compiere un passo avanti nell’offerta ai pazienti di un’opzione terapeutica efficace che ritarda la diffusione della loro patologia”.

Informazioni sul tumore della prostata non-metastatico resistente alla castrazione

Il tumore della prostata non-metastatico resistente alla castrazione (CRPC) è uno stadio della patologia in cui il cancro non risponde più a terapie mediche o chirurgiche finalizzate alla riduzione del testosterone, ma la scintigrafia ossea o la  TAC non hanno  ancora evidenziata una diffusione  ad altre sedi.  Questo tipo di tumore è caratterizzato da assenza di metastasi rilevabili; dall’ antigene prostatico specifico (PSA) in rapido aumento durante la terapia di deprivazione androgenica (ADT)  e con  livelli sierici di testosterone inferiori a 50 ng/dL3 Il novanta per cento dei pazienti affetti da CRPC non-metastatico svilupperà in corso di malattia metastasi ossee, che possono causare dolore, fratture e compressione del midollo spinale.[ii] Il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni dei pazienti affetti da tumore alla prostata sensibile o resistente alla castrazione, in fase metastatica è del 30%.

Apalutamide

Apalutamide è un farmaco sperimentale orale di nuova generazione, inibitore del recettore degli androgeni (AR), che blocca la via del segnale degli androgeni nelle cellule tumorali prostatiche. Apalutamide inibisce la crescita delle cellule tumorali in tre modi: impedendo il legame degli androgeni al recettore degli androgeni (AR); impedendo al recettore degli androgeni di penetrare nelle cellule tumorali e impedendo al recettore degli androgeni di legarsi al DNA della cellula tumorale.

Nel febbraio 2018 Janssen ha presentato all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) una domanda di autorizzazione all’immissione in commercio di apalutamide per il trattamento di pazienti affetti da tumore della prostata non-metastatico resistente alla castrazione ad alto rischio (nmCRPC). Apalutamide ha ricevuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration per il trattamento di pazienti con nmCRPC negli Stati Uniti nel febbraio 2018, seguita da approvazioni in Canada, Australia, Argentina e Brasile.

 

 

Articoli correlati
Il medico ti allunga la vita: la campagna dell’OMCeO Bari rivolta ai cittadini
Una grande torta con le candeline – ben 105 – campeggia da qualche giorno sui cartelloni pubblicitari delle strade di Bari, accompagnata dalla scritta “Il tuo medico ti allunga la vita”. È la nuova campagna di comunicazione dell’Ordine dei medici di Bari per promuovere la continuità di rapporto con il proprio medico, che “ti fa […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Rivaroxaban, risultati positivi per la prevenzione di tromboembolismo venoso in pazienti oncologici
Bayer e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno annunciato la presentazione dei risultati dello studio di Fase 3 CASSINI sull’impiego dell’anticoagulante orale rivaroxaban, per ridurre il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti oncologici ambulatoriali ad alto rischio, in terapia sistemica oncologica. Nonostante l’endpoint primario composito di TEV e mortalità […]
Torino, passi in avanti nella ricerca su Parkinson ed Alzheimer
Grande scoperta in campo scientifico e nella lotta alle malattie neurodegenerative. All’università di Torino, infatti, è stato scoperto il meccanismo che provoca l’atassia, cioè la perdita della capacità motoria che ha un ruolo importante in malattie come il morbo di Alzheimer e quello di Parkinson. La scoperta è stata possibile grazie al lavoro di numerosi […]
Tumore alla prostata: ecco il vademecum in sette punti
Si è spenta la luce azzurra sulla statua di Napoleone Bonaparte a Milano, illuminata dal 26 novembre per la sensibilizzazione sul tumore alla prostata: è l’ultima delle 5 statue del nostro patrimonio artistico coinvolte nella campagna Novembre Azzurro. Si chiude con successo il tour promosso da Europa Uomo, l’associazione che da oltre 15 anni è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...