Voci della Sanità 30 Giugno 2021 15:54

Sit in dell’Unione per le cure, i diritti e le libertà davanti alle sedi RAI: «Oscurate battaglie sulle cure precoci Covid»

Presidio simultaneo all’esterno delle sedi regionali Rai e della sede centrale di viale Mazzini. Il presidente dell’associazione Erich Grimaldi: «Non vi è stata alcuna copertura mediatica da parte delle trasmissioni Rai nazionali, tg ed approfondimenti, sull’attività del nostro gruppo o sulle cure domiciliari in generale»

Circa duemila persone aderenti all’Unione per le Cure e i Diritti e le Libertà, associazione di cittadini a supporto del Comitato Cura Domiciliare Covid 19, hanno preso parte ieri, a partire dalle ore 18, ad un presidio simultaneo all’esterno delle sedi regionali Rai. A Roma, in particolare, oltre duecento coloro che hanno accompagnato il presidente dell’associazione Erich Grimaldi in viale Mazzini, dove una lettera già anticipata via posta certificata è stata consegnata alla presidenza Rai, per chiedere conto dell’omessa trattazione del tema delle cure domiciliari precoci da parte della televisione pubblica. In diverse delle sedi regionali capi redattore e giornalisti hanno raggiunto i referenti dell’associazione, per comprendere il motivo del presidio ed intervistare loro e i rappresentanti dell’associazione e del Comitato Cura Domiciliare Covid-19. «Un segnale che ci lascia ben sperare sul futuro», ha dichiarato Erich Grimaldi, «perché il servizio pubblico, proprio nella sua declinazione naturale, dovrebbe garantire la libera informazione e raccontare agli italiani ogni singolo aspetto rilevante, e certamente il lavoro dei medici del nostro gruppo lo è stato e continua ad esserlo».

Nonostante i ripetuti inviti e comunicati stampa inviati dal Comitato Cura Domiciliare Covid-19 infatti, al netto di mezzo milione di iscritti al gruppo Facebook di supporto, «non vi è stata alcuna copertura mediatica da parte delle trasmissioni Rai nazionali, tg ed approfondimenti, sull’attività del nostro gruppo o sulle cure domiciliari in generale», ha proseguito Grimaldi, «così come sul dialogo tra il nostro Comitato e le istituzioni, sull’incontro con il sottosegretario Sileri, sul voto dell’8 aprile scorso con cui il Senato ha chiesto al Governo l’impegno per l’avvio di un tavolo di lavoro con i nostri medici e neppure», ha aggiunto il presidente, «rispetto a tutte le battaglie in Tribunale che abbiamo portato avanti e vinto, rispetto alle stesse cure». Inoltre, «quando si è parlato delle nuove linee guida licenziate dal Ministero della Salute, perché non è stato fatto cenno sempre del voto del Senato?». Infine, ha concluso l’avvocato Grimaldi, «anche rispetto alla vaccino vigilanza attiva e passiva la televisione pubblica non sta dando alcuna indicazione, fondamentale per la ricerca volta a migliorare la stessa campagna vaccinale, così come sul consenso informato che andrebbe spiegato ai cittadini tralasciando l’omessa informazione sulle oltre 15 mila persone che hanno partecipato alle nostre conferenze nazionali a Milano e Roma».

«Assistere in contemporanea e in diretta alla presenza di cittadini desiderosi di chiedere più informazione davanti alle redazioni della televisione pubblica è un dato da ricordare», ha sottolineato Valentina Rigano, portavoce del Comitato, «da giornalista reputo fondamentale l’approfondimento e l’ascolto, prima ancora del confronto e dell’eventuale dissenso, a maggior ragione dalla TV di Stato».

Migliaia le firme raccolte per chiedere alla presidenza Rai di parlare delle cure domiciliari, a seguito dei presidi di ieri. «Chiediamo di essere ascoltati, e l’apporto dei nostri medici dovrebbe essere interesse di tutti», ha concluso Grimaldi.

Articoli correlati
Comitato Cure Domiciliari: «Bene 4 miliardi su sanità territoriale, ma ora includere anche Covid-19»
Il Comitato Cura Domiciliare era pronto a lanciare un referendum popolare per la riforma della sanità territoriale: «Speriamo non ce ne sia bisogno, ma ora va sigillato il protocollo per le cure precoci, perché è evidente che questa manovra nasce dalla nostra battaglia che siamo fieri di aver portato avanti», ha sottolineato Grimaldi
Covid, a Napoli la terza Conferenza per le terapie domiciliari precoci. Grimaldi: «A breve pubblicato primo studio»
In piazza è continuata la raccolta delle firme per la petizione indirizzata a Speranza, con l’obiettivo di chiedere al Ministero della Salute proprio di prendere in considerazione il lavoro dei medici sul territorio
Terapie Domiciliari Covid, il 10 luglio a Napoli la terza Conferenza nazionale
Trasparenza e confronto, cure efficaci e sanità territoriale efficiente e, ancora, assistenza, volontariato, vicinanza e ascolto. È questo il cuore della Conferenza Nazionale per le Terapie Domiciliari che si svolgerà a Napoli sabato 10 luglio, a partire dalle ore 18.30, sul lungomare di Napoli, rotonda Diaz. Il terzo appuntamento nazionale per parlare di cosa non […]
Cure Domiciliari Covid, domenica 6 giugno seconda Conferenza nazionale a Milano
Durante la conferenza si parlerà del lavoro svolto dai medici, sarà data voce ai pazienti curati a domicilio e a tutti coloro che da marzo si battono perché la medicina territoriale torni ad essere centrale e proattiva nella lotta all’emergenza Coronavirus
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi