Voci della Sanità 23 Novembre 2020 17:17

Sclerosi Multipla: identificate cellule retiniche in grado di contrastare fenomeni di neurodegenerazione

Lo studio congiunto dell’IRCCS Fondazione Bietti, in collaborazione con l’IRCCS Neuromed e la Clinica Neurologica dell’Università di Tor Vergata

I Ricercatori dell’IRCCS Fondazione Bietti, in collaborazione con l’IRCCS Neuromed e la Clinica Neurologica dell’Università di Tor Vergata, hanno evidenziato che particolari elementi retinici, le cellule bipolari, sono in grado di bloccare i processi neurodegenerativi presenti nei pazienti affetti da Sclerosi Multipla.

Questo dato emerge da uno studio supportato dal Ministero della Salute e dalla Fondazione Roma, coordinato dal Prof. Vincenzo Parisi, Responsabile della Neuroftalmologia dell’IRCCS Fondazione Bietti e pubblicato il 22 novembre sulla prestigiosa rivista scientifica Journal of Clinical Medicine.

«La complessa architettura retinica – si legge in una nota – può essere sintetizzata in tre classi di cellule: i fotorecettori retinici (coni e bastoncelli, che trasformano lo stimolo luminoso in stimolo elettrico), gli elementi neuronali della retina (le cellule ganglionari, i cui prolungamenti formano il nervo ottico che veicola le informazioni visive sotto forma di impulsi bioelettrici dall’occhio al cervello) e cellule bipolari che hanno il ruolo di connettere i fotorecettori alle cellule ganglionari».

«In questo studio, è stato rilevato che in pazienti con Sclerosi Multipla (88 pazienti selezionati tra settembre 2016 ed ottobre 2020 da una corte di 342 pazienti in base a specifici criteri di inclusione) i processi neurodegenerativi, che compromettono sempre le cellule ganglionari, possono arrestarsi a livello delle cellule bipolari. Infatti, dopo un evento di Neurite Ottica (un processo infiammatorio del nervo ottico che induce gravi deficit della visione e che spesso è il primo sintomo della Sclerosi Multipla) si può osservare un recupero completo della funzione visiva se è presente una integrità morfo-funzionale delle cellule bipolari pur in presenza di un deficit morfo-funzionale delle cellule ganglionari; al contrario, se si instaura una disfunzione delle cellule bipolari, il recupero della funzione visiva dopo la Neurite Ottica è molto scarso».

«L’IRCCS Fondazione Bietti – prosegue -ha effettuato svariati studi che hanno evidenziato come la valutazione morfo-funzionale della retina costituisca un ottimo modello “in vivo” per studiare i fenomeni neurodegenerativi in svariate patologie come il Glaucoma, la Sclerosi Multipla, la malattia di Alzheimer o la malattia di Parkinson.

«Nel caso della Sclerosi Multipla – conclude – la comprensione dei peculiari meccanismi sottostanti a questo ruolo di “barriera” delle cellule bipolari retiniche, può aprire importanti campi di ricerca atti a ridurre l’estensione dei processi neurodegenerativi con conseguente miglioramento delle varie forme di disabilità (visiva, motoria, sensoriale) che affliggono i pazienti affetti da tale patologia».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Le droghe come comunicazione tra io e sé: nuove prospettive di analisi delle tossicodipendenze
di Thomas Leoncini e Icro Maremmani
di Thomas Leoncini e Icro Maremmani
Radiazioni ionizzanti: quanto ne sa la popolazione? Lo studio RadIoPoGe
Lo studio multicentrico nazionale RadIoPoGe, condotto grazie al contributo scientifico della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia FASTeR, prova a dare una risposta
Glaucoma, gli oculisti Goal sempre a fianco dei pazienti
«In occasione della settimana mondiale del Glaucoma è fondamentale fornire alla popolazione valide indicazioni per fronteggiare le conseguenze della malattia, che può comportare la cecità, influenzando negativamente sia la sfera personale, che quella sociale»
Settimana Mondiale Glaucoma, IAPB Italia onlus: «La parola d’ordine è prevenzione»
Controlli del tono oculare e webinar con specialisti sulle tv locali, un sito dedicato, cartoline informative in circa 160 supermercati: ecco le iniziative dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità contro il “ladro silenzioso della vista”
Staminali contro il Covid-19, parte la sperimentazione clinica in tutt’Italia
Con il via libera degli enti regolatori, l’approccio clinico basato sulle terapie cellulari può iniziare. Dominici: «Un confronto su cellule staminali prese da fonti diverse all’interno dello stesso studio clinico non è mai avvenuto al mondo. Ci aspettiamo di avere risultati per nuove terapie anti Covid-19»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...