Voci della Sanità 13 Gennaio 2021 16:04

Sanità, interrogazione di Rostan (IV): «Ampliare farmaci salvavita per bambini affetti da SMA»

La deputata di Italia Viva chiede di adottare tutte le misure possibili per consentire un più ampio accesso alla terapia: «In Italia 200 bimbi colpiti, si segnalano diversi casi in cui a questi piccolissimi pazienti è stato negato l’accesso gratuito al farmaco salvavita»

«In Italia ci sono circa 200 bimbi affetti da atrofia muscolare spinale di tipo 1, altrimenti nota come SMA che colpisce in media un neonato ogni diecimila; si segnalano al tempo stesso  diversi casi in cui a questi piccolissimi pazienti è stato negato l’accesso gratuito al farmaco salvavita realizzato attraverso la terapia genica perché avevano superato i sei mesi di vita da pochi giorni. Ho presentato un’interrogazione al ministro della Salute, per chiedere di adottare tutte le misure possibili per consentire un più ampio accesso alla terapia, pur tenendo presente le necessarie verifiche sui dati, dal momento che la decisione tecnico-scientifica ha una sua delicatezza. Nei mesi scorsi, infatti, una bimba di appena sei mesi, Sofia, ha potuto beneficiare di una terapia genica in grado di arrestare la progressione della malattia attraverso una sola infusione; la nuova terapia che utilizza un virus per fornire una copia normale del gene SMN1 ai nati con un gene difettoso. Trattamento che costa ben 2,1 milioni di dollari ed è il più costoso della storia». Così Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, che ha presentato un’interrogazione parlamentare in merito.

«Si tratta – continua Rostan – di un intervento una tantum, cioè curativo, oltre che salvavita che da noi può essere garantito solo ai bimbi che arrivano quell’età. La stessa opportunità non è stata invece offerta a tanti altri bimbi appena più grandi. È il caso della piccola Rosanna, una bimba di 15 mesi alla quale è stata diagnosticata la SMA, di tipo 1, quella più aggressiva, che nel 90% dei casi porta alla morte o alla ventilazione permanente entro i primi due anni di vita. Ho incontrato la mamma di Rosanna, che attualmente viene curata con un farmaco iniettato direttamente nel midollo ogni 4 mesi. Si tratta di una delle pochissime terapie possibili in Italia per bimbi di questa età che, così come mi hanno spiegato, in alcuni casi resta l’ultima spiaggia. Bisogna compiere uno sforzo importante dal punto di vista economico e politico per dare una speranza a questi piccoli pazienti e alle loro famiglie».

Articoli correlati
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
Epatite, Rostan (Forza Italia): «Otto milioni alla Campania per gli screening. Avanti con il Piano attuativo»
«Le regioni del Mezzogiorno devono lavorare per recuperare il terreno perduto anche perché, è bene ricordare, le infezioni da HCV sono causa di tante altre malattie extra epatiche» spiega la deputata azzurra
Sanità, Rostan (Misto): «Appello a Draghi per nuove assunzioni in Sanità»
«Dal Summit di Napoli lanciamo un appello al governo Draghi affinchè si mettano in campo tutte le risorse possibili per colmare il gravissimo deficit di personale sanitario che è la causa principale di tanti disservizi e di una profonda iniquità tra regioni per ciò che attiene i livelli essenziali di assistenza. Dobbiamo individuare corsie preferenziali […]
“Tutta un’altra SMA”: il regalo di Natale solidale per garantire le stesse opportunità di cura a tutti
La campagna di Famiglie SMA per sostenere la ricerca e i progetti a favore delle famiglie che convivono con l’atrofia muscolare spinale, malattia rara che ogni anno in Italia colpisce circa 40-50 nuovi nati
Ricerca, è italiana la terapia genica che dà speranze ai bambini farfalla
Hassan, affetto da epidermolisi bollosa, a sei anni viene sottoposto ad una terapia genica messa a punto dal Professor Michele De Luca del centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” Unimore di Modena. Nel 2017 inizia il follow up, cinque anni dopo, per il centro di eccellenza emiliano è pronta una nuova sfida che partirà nei primi mesi del 2022
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 agosto, sono 585.421.147 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.420.315 i decessi. Ad oggi, oltre 12,01 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale