Voci della Sanità 23 Giugno 2020 11:13

Radiologia, nuovo mammografo digitale allo IOV

«Immagini ad alta risoluzione in 3D che permettono una ricostruzione stratificata della mammella, ma con meno radiazioni per garantire più sicurezza per le pazienti. È arrivato all’Istituto Oncologico Veneto – IRCCS di Padova il nuovo mammografo digitale dotato di tomosintesi e modulo per la mammografia con mezzo di contrasto, acquistato tramite gara regionale gestita da […]

«Immagini ad alta risoluzione in 3D che permettono una ricostruzione stratificata della mammella, ma con meno radiazioni per garantire più sicurezza per le pazienti. È arrivato all’Istituto Oncologico Veneto – IRCCS di Padova il nuovo mammografo digitale dotato di tomosintesi e modulo per la mammografia con mezzo di contrasto, acquistato tramite gara regionale gestita da Azienda Zero». Lo comunica in una nota l’Istituto.

«Con un investimento di 583 mila euro in due anni – prosegue – si conclude così l’ammodernamento tecnologico della Radiologia Senologica diretta dalla dottoressa Francesca Caumo. Proprio nelle scorse ore le prime pazienti sono state sottoposte all’esame di ultima generazione, indispensabile per un preciso studio del seno da qualunque angolazione».

LEGGI ANCHE: TUMORE AL SENO E DIAGNOSI PRECOCE, ANCHE LA FNO TSRM E PSTRP ADERISCE AD APPELLO PER SCREENING MAMMOGRAFICO

Lo scorso anno allo IOV sono stati diagnosticati 712 nuovi carcinomi mammari, oltre 1.200 quelli trattati. «Il tumore al seno è il cancro più comune e la seconda causa di morte per cancro tra le donne nei paesi occidentali – dichiara il direttore generale Giorgio Roberti -. La prognosi dipende dalla biologia del tumore e dalle dimensioni dello stesso al momento della diagnosi. Per questo è importante la prevenzione. La nuova dotazione tecnologica consentirà di accrescere le capacità di diagnosi e cura della Breast Unit. Lo IOV è nella Top Ten italiana nel trattamento del tumore alla mammella, in relazione al numero di interventi al seno. Il volume di attività, secondo quanto dimostrano le evidenze scientifiche, ha un impatto significativo sull’efficacia degli interventi e sull’esito delle cure».

«Negli ultimi due anni – continua – l’Istituto si è dotato di: tre mammografi digitali con tomosintesi, software per eseguire la mammografia con mezzo di contrasto, software per il calcolo della densità e monitoraggio della dose, apparecchiature per biopsia sotto guida di tomosintesi e risonanza magnetica. La nuova dotazione tecnologica, unita alla professionalità del personale medico e sanitario, permetterà di migliorare la presa in carico delle pazienti con dubbio diagnostico o lesione neoplastica della mammella, ma anche di rafforzare i percorsi di diagnosi precoce e follow-up attraverso percorsi personalizzati».

LEGGI ANCHE: TUMORE AL SENO: ECCO I CONTROLLI DA FARE PER OGNI FASCIA D’ETÀ

«La mammografia con tomosintesi permette, attraverso l’eliminazione della sovrapposizione dei tessuti, una migliore visualizzazione delle lesioni – spiega la dottoressa Francesca Caumo, responsabile della Radiologia Senologica -. La mammografia con mezzo di contrasto unisce alle informazioni morfologiche della mammografia di base, le informazioni derivanti dalla vascolarizzazione delle lesioni ed è concorrenziale con la risonanza magnetica. Le nuove apparecchiature per accertamenti bioptici permettono di eseguire prelievi più accurati, con miglior comfort per la paziente, per arrivare ad una migliore definizione delle lesioni maligne ma anche di rassicurare le pazienti con un sospetto. Inoltre, il software per il calcolo della densità e dose permette di personalizzare i percorsi preventivi» conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Lea, Veneto sul podio. Lanzarin: «Puntiamo al massimo dei voti. Cesarei e vaccino influenza le criticità su cui investire»
Pubblicata dal Ministero della Salute la griglia di valutazione dei Livelli essenziali di assistenza del 2019. Al top con il Veneto, Toscana ed Emilia-Romagna. Insufficienti Bolzano, Molise, Calabria e Sardegna
di Isabella Faggiano
Retinopatia dei prematuri: si diagnostica con un algoritmo, si cura con un farmaco “salva-vista”
Il punto sulla ROP con il professore Domenico Lepore (UOC Oculistica Gemelli): «Quando un bambino nasce prima del termine, le arterie e le vene della retina non sono completamente sviluppate. Nei paesi industrializzati la ROP colpisce prematuri gravi, nati entro le 28 settimane di gestazione»
di Isabella Faggiano
«Green pass per bar e ristoranti significa rendere obbligatorio il vaccino». Intervista al Presidente del Veneto Luca Zaia
Il Governatore punta su un monitoraggio di massa e offre tamponi gratis a tutti: «Una campagna aggressiva ci serve per avere sempre sottomano l’evoluzione della pandemia. Obiettivo 30 mila al giorno»
di Federica Bosco
Culle vuote e sempre più anziani, le istituzioni si interrogano per vincere la sfida della denatalità
Dal tavolo di confronto organizzato da Fondazione Roma Sapienza con La7 tanti spunti per ridare fiducia a giovani e famiglie. Necessari interventi su politiche aziendali e welfare per puntare a una ripresa nei prossimi 10 anni
di Federica Bosco
In Europa un milione di diagnosi di cancro in meno a causa della pandemia. Foce e Aiom: «È tempo di agire»
L’appello della Federazione che riunisce Oncologi, Cardiologi ed Ematologi e della Società Scientifica degli oncologi: «Alla sanità italiana servono maggiori investimenti e risorse»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco