Voci della Sanità 23 Giugno 2020 11:13

Radiologia, nuovo mammografo digitale allo IOV

«Immagini ad alta risoluzione in 3D che permettono una ricostruzione stratificata della mammella, ma con meno radiazioni per garantire più sicurezza per le pazienti. È arrivato all’Istituto Oncologico Veneto – IRCCS di Padova il nuovo mammografo digitale dotato di tomosintesi e modulo per la mammografia con mezzo di contrasto, acquistato tramite gara regionale gestita da Azienda Zero». Lo comunica in una nota l’Istituto.

«Con un investimento di 583 mila euro in due anni – prosegue – si conclude così l’ammodernamento tecnologico della Radiologia Senologica diretta dalla dottoressa Francesca Caumo. Proprio nelle scorse ore le prime pazienti sono state sottoposte all’esame di ultima generazione, indispensabile per un preciso studio del seno da qualunque angolazione».

LEGGI ANCHE: TUMORE AL SENO E DIAGNOSI PRECOCE, ANCHE LA FNO TSRM E PSTRP ADERISCE AD APPELLO PER SCREENING MAMMOGRAFICO

Lo scorso anno allo IOV sono stati diagnosticati 712 nuovi carcinomi mammari, oltre 1.200 quelli trattati. «Il tumore al seno è il cancro più comune e la seconda causa di morte per cancro tra le donne nei paesi occidentali – dichiara il direttore generale Giorgio Roberti -. La prognosi dipende dalla biologia del tumore e dalle dimensioni dello stesso al momento della diagnosi. Per questo è importante la prevenzione. La nuova dotazione tecnologica consentirà di accrescere le capacità di diagnosi e cura della Breast Unit. Lo IOV è nella Top Ten italiana nel trattamento del tumore alla mammella, in relazione al numero di interventi al seno. Il volume di attività, secondo quanto dimostrano le evidenze scientifiche, ha un impatto significativo sull’efficacia degli interventi e sull’esito delle cure».

«Negli ultimi due anni – continua – l’Istituto si è dotato di: tre mammografi digitali con tomosintesi, software per eseguire la mammografia con mezzo di contrasto, software per il calcolo della densità e monitoraggio della dose, apparecchiature per biopsia sotto guida di tomosintesi e risonanza magnetica. La nuova dotazione tecnologica, unita alla professionalità del personale medico e sanitario, permetterà di migliorare la presa in carico delle pazienti con dubbio diagnostico o lesione neoplastica della mammella, ma anche di rafforzare i percorsi di diagnosi precoce e follow-up attraverso percorsi personalizzati».

LEGGI ANCHE: TUMORE AL SENO: ECCO I CONTROLLI DA FARE PER OGNI FASCIA D’ETÀ

«La mammografia con tomosintesi permette, attraverso l’eliminazione della sovrapposizione dei tessuti, una migliore visualizzazione delle lesioni – spiega la dottoressa Francesca Caumo, responsabile della Radiologia Senologica -. La mammografia con mezzo di contrasto unisce alle informazioni morfologiche della mammografia di base, le informazioni derivanti dalla vascolarizzazione delle lesioni ed è concorrenziale con la risonanza magnetica. Le nuove apparecchiature per accertamenti bioptici permettono di eseguire prelievi più accurati, con miglior comfort per la paziente, per arrivare ad una migliore definizione delle lesioni maligne ma anche di rassicurare le pazienti con un sospetto. Inoltre, il software per il calcolo della densità e dose permette di personalizzare i percorsi preventivi» conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Il “caso Veneto”: da modello virtuoso a maglia nera, ecco cosa è cambiato dalla prima ondata
Da regione presa ad esempio durante la prima ondata, ora il Veneto attraversa una crisi e registra cifre record di nuovi contagi. Con Giovanni Leoni, presidente OMCeO Venezia, abbiamo analizzato le possibili cause di questo mutamento
Carcinoma mammario triplo negativo, scoperto meccanismo molecolare che causa le metastasi polmonari
Lo studio dei ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate apre la strada alla diagnosi precoce e a nuove possibili terapie mirate a ridurre il processo metastatico del tumore al seno più aggressivo
Denatalità record in Italia, Istat: «Causa Covid-19 ulteriore crollo nascite di oltre 10 mila unità»
Il 2019 conferma il trend negativo degli ultimi anni: la popolazione italiana continua a invecchiare e fa sempre meno figli. Aumenta l’età delle donne al parto, mentre il numero di figli medio per donna si attesta a 1,29. Alcuni degli aspetti emersi nel corso della presentazione del Libro bianco realizzato da Fondazione Onda
Covid, arriva ordinanza per Emilia-Romagna, Friuli e Veneto. Le nuove misure per chi vive nella “fascia gialla plus”
Un accordo tra i governatori di Emilia, Friuli e Veneto ha portato all'adozione di una nuova ordinanza. Mercati chiusi, nei negozi uno per famiglia, sport solo nei parchi e consumazione vietata ovunque nei luoghi pubblici. Quali sono le altre restrizioni?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...