Voci della Sanità 8 Giugno 2020 16:57

Tumore al seno e diagnosi precoce, anche la FNO TSRM e PSTRP aderisce ad appello per screening mammografico

L’emergenza Covid-19 ha di fatto congelato ogni esame preventivo. Ad oggi è necessario riprendere i necessari controlli a tutela della salute delle donne. Anche il maxi Ordine delle professioni sanitarie aderisce all’appello congiunto delle associazioni delle donne e delle società scientifiche

In Italia 53.500 donne ogni anno si ammalano di tumore al seno e la prima strategia per ottenere le maggiori probabilità di guarigione è la prevenzione diagnostica.

Anche se il Covid-19 ha catalizzato l’attenzione di tutti negli ultimi mesi, non bisogna dimenticare che esistono altre patologie non meno pericolose per la vita.

È necessario riprendere al più presto le attività di screening mammografico organizzato e di diagnostica senologica. Il blocco di tre mesi dovuto all’emergenza da SARS-CoV-2 fa allarmare e la prevenzione deve tornare ad essere una priorità. Ci si rende conto che è una situazione non facile, ma tra liste d’attesa che si sono allungate e le differenze tra la qualità di cura sul territorio italiano le conseguenze della sospensione e delle mancate diagnosi possono diventare preoccupanti. È necessario riprendere la normale programmazione al più presto e a pieno regime su tutto il territorio nazionale.

LEGGI APPELLO CONGIUNTO PER LA DIAGNOSI PRECOCE

La FNO TSRM e PSTRP fa eco ad Europa Donna Italia, Incontra Donna onlus, Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, Gruppo Italiano Screening Mammografico, Società Italiana di Radiologia Medica ed Interventistica–Sezione di Senologia, Associazione Italiana di Oncologia Medica, Associazione Italiana Tecnici di Radiologia Senologica e  Senonetwork Italia, che insieme hanno lanciato l’allarme sui ritardi nella ripresa delle attività di screening per la diagnosi precoce del tumore al seno e rivolto un duplice appello, alle Istituzioni e alle donne, affinché non si perda ulteriore tempo prezioso, in quanto un intervallo prolungato tra la mammografia di screening, la conferma diagnostica e l’inizio delle terapie rischia di peggiorare la prognosi.

Articoli correlati
Tumore al seno, con la campagna “Chemio se posso la evito” raccolte 15 mila firme per garantire test genomici gratuiti
La Presidente di Europa Donna Rosanna D’Antona esorta il Ministero della Salute a sbloccare il fondo destinato alla gratuità del test: «Per ogni giorno di ritardo 25 donne iniziano un percorso chemioterapico inutile»
di Federica Bosco
Tumore al seno, studio Campus Bio-Medico: un anticorpo monoclonale può bloccare la diffusione delle metastasi ossee
Un team internazionale guidato dall’Università Campus Bio-Medico di Roma e dall’Inserm di Lione ha dimostrato che l’inibizione della proteina integrina alfa5, tramite l’anticorpo monoclonale Volociximab, è in grado di bloccare l’insorgenza delle metastasi ossee
Tumore al seno, 13 ottobre sarà giornata di sensibilizzazione. Lorefice: «Ora maggiori tutele e cure adeguate su tutto il territorio»
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la deliberazione del Consiglio dei Ministri. Nelle scorse settimane Palazzo Montecitorio era stato illuminato di viola proprio per lanciare un messaggio di vicinanza a tutte le donne che combattono contro questa patologia
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
Professioni sanitarie, Commissione Codice Etico al lavoro su multiprofessione, competenza, privacy ed equità. Presto nuova consultazione
Il gruppo di lavoro coordinato dall’avvocato Laila Perciballi si è confrontato anche con le tematiche derivate dalla pandemia, come l’accesso delle persone alle cure in condizioni di risorse sanitarie limitate: «Problema di grande complessità, che richiede di considerare e di contemperare principi diversi. Fondamentale centralità della persona»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...