Voci della Sanità 30 Luglio 2020 10:43

Proroga stato di emergenza, Zampa: «Nulla cambierà per la riapertura delle scuole»

Dopo il passaggio parlamentare con l’approvazione della risoluzione di maggioranza, il Governo ha varato la proroga allo stato di emergenza del rischio sanitario connesso all’infezione da coronavirus al 15 ottobre. Ma nulla cambierà sulla data d’inizio delle attività scolastiche confermata al 14 settembre, come dichiara la Sottosegretaria al Ministero della Salute On. Sandra Zampa, che […]

Dopo il passaggio parlamentare con l’approvazione della risoluzione di maggioranza, il Governo ha varato la proroga allo stato di emergenza del rischio sanitario connesso all’infezione da coronavirus al 15 ottobre. Ma nulla cambierà sulla data d’inizio delle attività scolastiche confermata al 14 settembre, come dichiara la Sottosegretaria al Ministero della Salute On. Sandra Zampa, che Time4Child avrebbe l’onore di ospitare nel corso dell’evento Time4Child 2.0 che si terrà su piattaforma digitale dal 9 al 22 novembre e a cui parteciperanno tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado.

«A fine giugno sono state approvate le linee guida ufficiali per il rientro a scuola. L’intesa tra Governo ed Enti locali è stata raggiunta nel corso della Conferenza Stato-Regioni. Voglio personalmente ringraziare la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che si è spesa per garantire una scuola migliore. Lo ha ricordato la stessa Ministra, secondo la quale avremo bisogno di più spazi – nei parchi, nei cinema e nelle biblioteche – e quindi anche di più organico, fino a 50mila docenti in più a tempo determinato. E, di pari passo, aumenteranno anche gli stipendi dagli 80 ai 100 euro».

«Faccio mie le parole del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte – prosegue l’On. Zampa – che ha tenuto a ribadire la scuola quale centro delle politiche di questo Governo e dei nostri pensieri. E lo dimostra il fatto che ci siamo impegnati a stanziare altri 300 milioni. Prima 1,6 miliardi, ora 1,3: quasi 3 miliardi solo per settembre e con le risorse messe da inizio anno arriviamo a 6, oltre alla previsione di nuove assunzioni di cui ho parlato prima. Si tratta indubbiamente di un Piano scuola che risponde il più possibile alle differenti esigenze di tutti coloro che rientrano nel comparto e che vogliono una riapertura delle aule in piena sicurezza».

«Vogliamo che i nostri studenti possano contare su una scuola più moderna, più sicura e maggiormente inclusiva – continua la Sottosegretaria Zampa -. Allo stesso tempo, nell’ottica di contrasto al Covid-19, siamo determinati a garantire strutture più pulite, nelle quali sia rispettato il distanziamento sociale di almeno un metro e dove gli accessi avvengano in maniera scaglionata per evitare assembramenti. Il nostro obiettivo è quello di contrastare in maniera concreta la povertà educativa e la dispersione scolastica. Senza dimenticare una cosa importantissima: non siamo a favore delle classi pollaio e dunque è probabile che non assisteremo più a classi formate da trenta studenti».

«Sono d’accordo con il Ministro Roberto Speranza – conclude l’Onorevole – quando afferma che ci saranno test sierologici al personale prima della riapertura e tamponi molecolari a campione sulla popolazione scolastica, oltre ad un monitoraggio costante, riprendendo il modello della ‘medicina scolastica’. La riapertura delle scuole è fondamentale ed è la priorità assoluta ma deve avvenire in piena sicurezza a tutela di tutte le famiglie italiane».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cittadinanzattiva, un piano per il futuro dell’oncologia. Da recupero ritardi a innovazione
È stato presentato questa mattina il documento "Insieme per l'oncologia del futuro" realizzato da Cittadinanzattiva. Nel documento vengono definite sia azioni e iniziative incentrate sulla persona da intraprendere nell'immediato, sia strategie che mirano a modificare entro il 2030 l’approccio all'oncologia su quattro macroaree: prevenzione, innovazione, equità e qualità di vita.
Il PD compatto chiede di salvare le USCA: «Prorogare personale sanitario almeno per tutto il 2022»
«Introdotte per fronteggiare l’emergenza le Unità speciali di continuità assistenziali (Usca) si sono non solo rivelate utilissime per garantire assistenza e vicinanza alle persone costrette al proprio domicilio, ma hanno anche colmato un vuoto nel sistema sanitario. Per questa ragione è auspicabile che vengano rinnovate e ne sia garantita la continuità di intervento. Il Dipartimento […]
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Carenza di infermieri, Costa promette: «Allineeremo offerta formativa a fabbisogno»
Il sottosegretario alla Salute: «L'infermiere di famiglia e comunità sarà una delle figure professionali di riferimento che assicurerà l'assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nella comunità»
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes
Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali