Voci della Sanità 31 Maggio 2021 16:19

Progetto pilota a sostegno dei pazienti con stomia

Firmato accordo fra Regione Toscana e Associazione stomizzati toscani

Parte in Toscana il progetto pilota “Muoversi in libertà e sicurezza con la stomia si può”, per consentire l’accesso ai bagli idonei alle persone con stomia. Sarà la prima iniziativa di questo tipo, in Italia, a coinvolgere un’intera Regione.

Il progetto è parte di un accordo siglato fra la Regione Toscana e l’Associazione stomizzati toscani (A.s.tos), firmato alla presenza dell’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini, dell’assessora alle politiche sociali Serena Spinelli e della presidente di A.s.tos, Monica Sgherri.

«Un logo apposito – si legge in una nota – da affiggere sui bagni sarà distribuito gratuitamente a tutti i soggetti che aderiranno alla campagna (enti pubblici, associazioni, esercizi privati, supermercati ecc.). Il progetto sarà poi sostenuto da una campagna promozionale che mira a superare le barriere che ostacolano la vita attiva e la libertà di movimento dei pazienti con stomie».

«È fondamentale il coinvolgimento del volontariato e del terzo settore – hanno dichiarato gli assessori Bezzini e Spinelli – per far crescere, in termini di qualità, il Sistema sanitario regionale. Questo è un accordo innovativo, che punta a dare risposte concrete per agevolare l’inclusione sociale delle persone portatrici di stomia, garantendo assistenza sanitaria e supporto psicologico. Un lavoro che può contare sul ruolo positivo e prezioso che A.s.Tos., in questo delicato ambito, riveste nel territorio regionale».

«L’accordo fra Regione e A.s.tos avrà durata triennale a coinvolgerà le Aziende sanitarie toscane. Oltre al progetto pilota – prosegue – questo accordo intende verificare e rafforzare l’attuazione del Percorso diagnostico terapeutico assistenziale approvato nel giugno scorso dalla Giunta regionale, agendo sulla riabilitazione fisica, psichica e sociale delle persone con stomia o affette da incontinenza. L’obiettivo è ottimizzare la gestione di questi pazienti, mettendo in campo personale esperto, assicurando la piena assistenza sanitaria e offrendo attività di consulenza nel rapporto con le istituzioni. In aggiunta, sono previsti l’aggiornamento di una carta da viaggio personalizzata per questi pazienti (travel card) e iniziative di sensibilizzazione e informazione sui problemi legati alle stomie preso istituzioni, servizio sanitario e organi di formazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini e liste riserva, Cittadinanzattiva: «Solo la Toscana pubblica online il form per registrarsi»
Cittadinanzattiva: «Grandi differenze nella modalità per le altre Regioni. Servono criteri nazionali per evitare sprechi e accelerare la campagna vaccinale»
«Così gestiamo 900 pazienti Covid in RSA e riduciamo gli accessi in ospedale». Come funzionano le unità Girot toscane
I Gruppi Intervento Rapido Ospedale Territorio individuano i pazienti più gravi, li seguono, gli prescrivono la terapia, se occorre gli fanno l’ecografia e l’elettrocardiogramma. Landini (Fondazione Santa Maria Nuova): «Modello da copiare a livello nazionale»
Covid-19, in Toscana 700 gli anziani positivi curati nelle Rsa grazie alle unità mobili Girot
Acquistati dalla Fondazione Santa Maria Nuova gli strumenti necessari. Il presidente Landini: «Allentiamo così la pressione sugli ospedali»
Tumori cerebrali età pediatrica, al via il progetto dell’università di Messina
La gestione dei pazienti con conseguenze endocrino-metaboliche a medio e lungo termine causate da tumori cerebrali curati in età pediatrica. Si basa su questo il progetto che sarà presentato venerdì 4 settembre, dalle 10.30 alle 13, nell’Aula magna ‘Filippo De Luca’ del padiglione NI dell’Azienda universitaria Policlinico ‘Gaetano Martino’ di Messina. Il Responsabile scientifico del […]
Disabili, le vittime indirette della pandemia. Rota (Anffas): «Riaccendere i riflettori sul “Dopo di noi”»
Durante l’emergenza Covid arrivato un importante impulso dal governo, il presidente della Fondazione nazionale “Dopo di noi”: «Il decreto Rilancio prevede un incentivo di 20 milioni di euro per il Fondo nazionale istituito dalla legge 112 del 2016, che consente di pianificare il futuro delle persone con disabilità grave».
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM