Voci della Sanità 16 Giugno 2020

Piemonte, Senior Italia FederAnziani: «Urgente riattivare ambulatori per attività specialistica e screening»

La richiesta lanciata dal Board di Senior Italia FederAnziani di supportare il servizio sanitario con intermediazione sul territorio, per una popolazione che può avere difficoltà di comprensione dei meccanismi organizzativi o dei percorsi di diagnosi e cura. Il confronto con il Presidente della Commissione Sanità Alessandro Stecco

Piemonte, Senior Italia FederAnziani: «Urgente riattivare ambulatori per attività specialistica e screening»

Mettere subito gli ambulatori specialistici territoriali del Piemonte in condizione di riaprire e riprendere la loro normale attività di presa in carico di pazienti cronici e di attività diagnostica. Anche attraverso un aumento delle ore degli specialisti convenzionati interni del territorio. Questo l’appello lanciato dalle società scientifiche e dalle organizzazioni sindacali di medici riunite nell’Advisory Board di Senior Italia FederAnziani. Durante la tavola rotonda virtuale “Il problema delle cronicità al tempo del COVID -19 nella Regione Piemonte” nella quale medici e pazienti hanno presentato le proprie criticità ad Alessandro Stecco, presidente della Commissione Sanità della Regione Piemonte.

«Anche in Piemonte, come nelle altre regioni, in questo periodo di lockdown si è accumulato un importante ritardo nelle visite di controllo delle persone affette da patologie croniche, negli screening e nelle nuove diagnosi. Un ritardo che ora va colmato facendo subito ripartire la macchina della sanità  – ha dichiarato il presidente di Senior Italia FederAnziani, Roberto Messina – I ritardi nelle diagnosi fanno sì che le patologie siano intercettate a uno stadio più avanzato, con rischi di salute per i cittadini e ulteriori costi per il servizio sanitario nazionale. Rispetto all’anno scorso in oncologia abbiamo 90mila diagnosi non scovate. La stagione influenzale inoltre aprirà una nuova criticità perché con l’influenza inizieremo una fase in cui ogni influenza potrà essere scambiata per un Covid. Senior Italia è pronta ad aprire i centri anziani, per permettere a quanta più gente possibile di poter fare i vaccini sia per l’influenza che per l’antipneumococcico. Infine per quanto concerne la telemedicina, è importante valorizzarla, ma non dimentichiamo il basso livello di scolarizzazione degli anziani. Per questo è importante creare dei programmi di controllo dei pazienti che possano agevolare anche chi ha meno dimestichezza informatica».

LEGGI ANCHE ABRUZZO, SENIOR ITALIA FEDERANZIANI: «URGENTE RIATTIVARE AMBULATORI PER ATTIVITA’ SPECIALISTICHE»

Tra le altre criticità riscontrate in Piemonte in questo periodo, anche un calo importante dell’aderenza alla terapia, con molti pazienti che hanno autosospeso i farmaci, ad esempio in ambito cardiologico, un aumento degli infarti per via del timore dei pazienti a recarsi in Pronto Soccorso anche in caso di sintomi preoccupanti; il blocco di interventi delicati come quelli per le patologie valvolari cardiache.

«Le liste d’attesa c’erano già prima e ora la situazione è peggiorata – ha dichiarato il Segretario generale di Sumai Assoprof, Antonio Magi – È il momento buono per cominciare a investire seriamente per agevolare la presenza degli specialisti. Gli specialisti che servono li abbiamo, sono già in servizio, se riuscissimo a portarli da 20 a 38 ore settimanali avremmo già raddoppiato l’offerta della regione. Ma lo specialista va messo anche in un ambito di equipe in cui le varie figure facciano rete. Solo così il paziente può essere preso in carico in modo efficiente. Creare una rete che in questo momento non c’è potrebbe aiutare molto, creando i centri unici di prenotazione, facendo sì che i medici si parlino e si confrontino.»

LEGGI ANCHE SENIOR ITALIA FEDERANZIANI ALL’UE: «IN ITALIA 11 MILIONI DI PRESTAZIONI RINVIATE NEL LOCKDOWN, PIU’ FORZA AI TERRITORI»

«Sta per uscire a breve una delibera quadro per avviare i percorsi di telemedicina. La Regione Piemonte sta lavorando su questo tema da prima del Covid, ora questo strumento consentirà di sveltire molte pratiche. Normeremo e valorizzeremo le prestazioni di telemonitoraggio, ad esempio in ambito cardiologico. Credo molto nel ruolo degli specialisti territoriali. Incrementare le ore è una soluzione interessante ma non basta: anche lo specialista ambulatoriale, se messo in condizione anche di lavorare in ambulatori ad esempio delle case della salute dell’Asl, con le giuste dotazioni tecnologiche e in sinergia con i medici di famiglia nell’ambito di un distretto sanitario più forte e meglio organizzato, può essere una colonna della risposta della sanità territoriale al bisogno di salute della popolazione, oltremodo quella anziana o con cronicità. La proposta arrivata in questo incontro da parte di Senior Italia FederAnziani di supportare il servizio sanitario con intermediazione sul territorio per una popolazione che può avere difficoltà di comprensione dei meccanismi organizzativi o dei percorsi di diagnosi e cura, a mio avviso va nella giusta direzione per una sanità di prossimità, quando non sia addirittura domiciliare. Sulle liste d’attesa è in corso una survey per raccogliere tutte le problematiche delle Asl e le loro disponibilità per poter aprire gli ambulatori su base volontaria. C’è, infine, un’interazione tra Regioni e Stato per avere fondi che consentano di gestire le attività extra orario che andranno fatte.», ha concluso il presidente della Commissione Sanità della Regione Piemonte, Alessandro Stecco.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»
«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»
Coronavirus: pazienti trapiantati rischiano l’infezione meno di chi aspetta un organo
I risultati dello studio preliminare su dati Cnt e Iss: l’incidenza del Covid-19 è 1,02% tra i trapiantati e 1,85% tra chi è ancora in lista d’attesa. Donazione organi in calo dopo la pandemia
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli