Voci della Sanità 30 Maggio 2022 12:34

Partnership pubblico-privato per la crioconservazione del tessuto adiposo autologo

Tra i campi di applicazione ci sono ortopedia, cura delle ferite, ginecologia, chirurgia plastica e ricostruttiva, colonproctologia e terapia del dolore

Partnership pubblico-privato per la crioconservazione del tessuto adiposo autologo

La società Lipobank, attiva nella ricerca e sviluppo nell’ambito della scienza del freddo applicata alla medicina rigenerativa ha sviluppato un innovativo metodo di criopreservazione e scongelamento del tessuto adiposo autologo che consente di preservare nel tempo tutte le caratteristiche e proprietà vitali del tessuto adiposo appena prelevato. Sono note infatti da tanti anni le proprietà riparative e antidegenerative del tessuto adiposo dimostrate da innumerevoli studi scientifici nazionali ed internazionali ma solo oggi è possibile scegliere un trattamento terapeutico naturale di lunga durata con il proprio tessuto adiposo autologo criopreservato.

In Emilia Romagna nasce per la prima volta una partnership pubblico privata per attività di banking di tessuto adiposo autologo e sviluppo di attività di ricerca nel campo della Bioingegneria Tessutale tra Lipobank e Banca Regionale della Cute di Cesena.

La collaborazione, autorizzata del Centro Regionale Trapianti, prevede l’attivazione presso la Banca della Cute della Regione Emilia Romagna della nuova funzione di banking del tessuto adiposo autologo che viene lavorato, convalidato e stoccato per fine trapiantologico presso la Banca avvalendosi di una tecnologia di criopreservazione e scongelamento del tessuto adiposo brevettata da Lipobank secondo i più alti standard di sicurezza e sterilità certificati da Organismi Notificati di Importanza internazionale (TUV).

Lipobank ha fornito alla Banca della Cute la propria metodica brevettata oltre alla strumentazione tecnica necessaria, allocata all’interno dei locali della Banca per l’attività di banking (predisposizione delle aliquote, congelamento e scongelamento, consulenza nei controlli di sicurezza, vitalità e sterilità dei campioni raccolti) oltre che all’affiancamento del proprio personale tecnico – scientifico e logistico-amministrativo come supporto operativo al personale di Ausl Romagna.

La Banca della Cute provvede alla convalida del tessuto adiposo con finalità di bancaggio dello stesso per l’autotrapianto sul paziente candidato ad interventi rigenerativi in diversi ambiti specialisitici, realizzando tutte le attività connesse, conseguenti  e strumentali: dagli esami di laboratorio necessari al fine di controlli di vitalità e sterilità, al congelamento, stoccaggio e, a richiesta, di scongelamento dei campioni di tessuto adiposo da utilizzarsi solo al fine di trapianto autologo, per i pazienti che ne facciano richiesta a Lipobank.

Lo sviluppo di attività di ricerca nel campo del trattamento dei tessuti a fine di trapianto

L’accordo prevede inoltre lo sviluppo di metodiche ed attività di ricerca sinergiche con la Banca sul tessuto tessuto adiposo autologo e il settore della bioingegneria delle cellule e dei tessuti.

Il percorso del tessuto adiposo: dal prelievo all’utilizzo

Il paziente che necessità del trattamento programma con il proprio medico e Lipobank un intervento di prelievo di tessuto adiposo (in leggera sedazione e anestesia locale) che viene raccolto in un sistema sterile e a circuito chiuso, trasportato in tutta sicurezza alla Banca della Cute per essere lavorato, convalidato e stoccato per fine trapiantologico avvalendosi della tecnologia brevettata da Lipobank.

Nel dettaglio:

Una volta prelevato dal paziente il tessuto adiposo viene processato con un dispositivo di separazione del tessuto prodotto dalla consociata di Lipobank, Lipogems International SPA, che garantisce l’integrità del tessuto e di tutte le sue caratteristiche morfologiche e vitali, e che è stato oggetto anche di uno studio ministeriale autorizzato dal Consiglio Superiore di Sanità, svolto presso l’IRCCS Rizzoli di Bologna,  e valutato positivamente dal Centro Nazionale Trapianti per il trattamento dell’artrosi nelle articolazioni.

Dal 2021, infatti al termine della sperimentazione condotta presso gli Istituti Ortopedici Rizzoli l’iniezione di tessuto adiposo nel ginocchio, prelevato e utilizzato dallo stesso paziente, è stata evidenziata come autotrapianto efficace per la terapia dell’artrosi riducendo il dolore, incrementando la mobilità dell’articolazione e ritardando o eliminando l’impiego della protesi artificiale.

Queste proprietà dipendono dalla capacità di stabilizzazione biologica del tessuto adiposo che, prolungandosi nel tempo, consente di sostituire il tessuto mancante nelle funzioni meccaniche e di riempimento senza indurre alcun effetto cicatriziale. Il tessuto iniettato svolge una funzioni riparativa e antidegenerativa.

Il tessuto così processato viene raccolto attraverso un sistema a circuito chiuso garantendo la massima sicurezza in termini di sterilità.

Il tessuto adiposo viene conservato in singole aliquote attraverso le metodiche di crioconservazione più innovative, consentendo cosi la conservazione del patrimonio terapeutico nel rispetto di specifici protocolli autorizzati. L’innovativa metodica di scongelamento attraverso il quale il tessuto adiposo viene riportato alla temperatura ambiente mantenendone inalterate tutte le sue proprietà originarie.

Prima della crioconservazione e del bancaggio del tessuto vengono effettuati dalla Banca della Cute accurati controlli di sterilità e di tracciabilità. In questo modo la Banca conserva e traccia il prodotto in modo preciso (con processi informatizzati), garantendone l’integrità per i successivi 6 anni.

I campi di applicazione principali sono:

Ortopedia: Osteoartriti Lesioni condrali articolari di ginocchio, anca, spalla e caviglia Tendinopatie

Cura delle ferite: Cura delle lesioni complesse, Ulcere croniche, Ulcere da piede diabetico

Ginecologia: Lichen, atrofia vaginale, ringiovanimento ovarico

Colonproctologia: fistole, fistole pilonidali, incontinenza fecale

Terapia del dolore: dolore cronico della colonna, dolore cronico pelvico, dolore cronico articolare.

Chirurgia plastica e ricostruttiva: trattamento degli esiti cicatriziali, ustioni ricostruzioni mandibolari

La collaborazione con la Banca della Cute che è una struttura sanitaria pubblica del SSN regionale ER, con sede in Romagna, vuole essere un esempio di collaborazione pubblico/privato con la finalità di mettere in campo sinergie che permettano anche una maggiore disponibilità di risorse per promuovere lo sviluppo di progetti di ricerca gettando le basi per la possibile creazione di un network con le altre Banche dei tessuti del territorio nazionale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Crioconservazione del tessuto adiposo, una svolta per gli sportivi?
Intervista al dottor Stefano della Villa dell’Isokinetic Medical Group Bologna: «Metodologia dal grande potenziale»
Lecce, primo caso di fecondazione post-mortem. Avrà un figlio dal marito defunto
Avrà il figlio che ha sempre desiderato dal marito deceduto un anno fa. E’ il primo caso in Puglia e il terzo in Italia di ‘fecondazione post mortem’: come riporta Repubblica.it, infatti, il Tribunale di Lecce ha dato il via libera all’utilizzo degli embrioni per una giovane donna che aveva avviato il percorso prima della […]
Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»
«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione
Crioconservazione, tecniche e prospettive sotto la lente d’ingrandimento
Totta: "La nuova frontiera è l'utilizzo in medicina rigenerativa"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali