OMCeO, Enti e Territori 11 giugno 2018

Oncologia, Bayer: con rivaroxaban tassi significativamente più bassi di recidiva di TEV

Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia […]

Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia con rivaroxaban rispetto a quelli in terapia con dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare, attuale standard terapeutico.

In particolare, il tasso di recidiva di TEV a sei mesi è stato dell’11% con dalteparina e del 4% con rivaroxaban. Le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in studi precedenti. I risultati dello studio clinico Select-D erano stati presentati al 59° Congresso Annuale della Società Americana di Ematologia (ASH) a dicembre 2017.

Chi ha una malattia oncologica attiva ha un rischio da quatto a sette volte superiore di sviluppare TEV rispetto a chi non la ha, e la chemioterapia può ulteriormente aumentare questo rischio fino a sei volte. I casi di trombosi associata a malattia oncologica sono quasi 1/5 dei casi di TEV e la gestione di questa popolazione di pazienti assorbe una quantità significativamente maggiore di risorse sanitarie.

Nello studio Select-D è stato riscontrato che la sopravvivenza complessiva a sei mesi è risultata superiore nei pazienti trattati con rivaroxaban (75%), rispetto a quelli in terapia con dalteparina (70%). Anche se è stato riscontrato un aumento relativo di sanguinamento non-maggiore, clinicamente rilevante, pari a tre volte con rivaroxaban rispetto alla dalteparina, le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in precedenza. «La pubblicazione di questi risultati fornisce ulteriori evidenze, di cui vi era una grande necessità, su come aiutare al meglio quei pazienti con trombosi associata a malattia oncologica- ha dichiarato Michael Devoy, Responsabile Medical Affairs & Farmacovigilanza della Divisione Pharmaceuticals di Bayer – .Siamo impegnati ad esplorare migliori strategie terapeutiche per questa popolazione di pazienti e lo studio Select-D fa parte del più ampio programma CALLISTO, attraverso il quale continuiamo ad affrontare alcune delle sfide fondamentali e evidenze di lacune nel trattamento della trombosi associata a malattia oncologica».

Lo Studio Select-D

Si tratta di uno studio indipendente mirato alla valutazione della terapia anticoagulante in pazienti oncologici selezionati, a rischio di recidiva di tromboembolismo venoso, coordinato dall’Unità Studi Clinici dell’Università di Warwick, Regno Unito. Lo studio Select-D fa parte del Programma di Ricerca Clinica CALLISTO, che si compone di iniziative d’esplorazione dei potenziali benefici di rivaroxaban nella prevenzione e nel trattamento dell’embolia polmonare (EP) e della trombosi venosa profonda (TVP), note nel loro insieme come tromboembolismo venoso (TEV), in pazienti con diversi tipi di tumore, per ottenere nuove evidenze che aiutino la gestione della trombosi associata alla malattia oncologica.

Questo studio pilota condotto in UK, è uno studio multicentrico, randomizzato, in aperto, che ha reclutato pazienti con malattia oncologica attiva ed embolia polmonare sintomatica o incidentale o trombosi venosa profonda agli arti inferiori sintomatica.

Sono stati randomizzati 406 pazienti, e le terapie in studio erano rivaroxaban (15mg due volte/die per 3 settimane e successivamente 20mg una volta/die), o dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare (200 UI pro chilo pro die per 1 mese e successivamente 150 UI pro chilo per 2-6 mesi)per un periodo di trattamento pari a sei mesi . La dalteparina viene somministrata con iniezione sottocutanea giornaliera e rivaroxaban viene assunto per via orale.

Lo scopo dello studio era valutare se rivaroxaban fosse un trattamento alternativo efficace per il TEV in pazienti oncologici. L’endpoint primario era la recidiva di TEV nei sei mesi di studio. Gli endpoint secondari erano emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante.

Esiti di efficacia di Select-D

26 pazienti hanno avuto recidiva di TEV (18 con dalteparina, 8 con rivaroxaban).

Il tasso di recidiva di TEV a sei mesi è stato dell’11% (IC al 95% 7-16%) con dalteparina e del 4% (IC al 95% 2-9%) con rivaroxaban (hazard ratio –HR- di 0,43, IC al 95% 0,19-0,99).

E’ stato riscontrato che la sopravvivenza complessiva a sei mesi è risultata superiore nei pazienti in terapia con rivaroxaban, rispetto a quelli trattati con dalteparina, e pari rispettivamente al 75% (IC al 95% 69-81%) e al 70% (IC al 95% 63-76%).

Esiti di sicurezza di Select-D

La sicurezza è stata valutata in relazione ad emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante.

Gli endpoint secondari erano emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante. La percentuale cumulativa a sei mesi di emorragia maggiore è stata del 4% (IC al 95% 2-8%) con dalteparina, e del 6% (IC al 95% 3-11%) con rivaroxaban (HR 1,83, IC al 95% 0,68-4,96).

Le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in  studi precedenti. Hanno avuto emorragia maggiore 6 pazienti in terapia con dalteparina e 11 con rivaroxaban. Hanno avuto emorragia non maggiore clinicamente rilevante ulteriori 7 pazienti in trattamento con dalteparina e 25 con rivaroxaban. La maggior parte degli eventi emorragici hanno interessato il tratto gastrointestinale o il distretto urologico, e non vi è stata alcuna emorragia cerebrale.

Il tasso di mortalità durante lo studio è stato alto in ragione della coorte di pazienti oncologici. Nei sei mesi sono deceduti 104 pazienti (56 in terapia con dalteparina, 48 con rivaroxaban) e le percentuali di sopravvivenza complessiva sono state del 70% (IC al 95% 63-76%) nel gruppo in terapia con dalteparina e del 75% (IC al 95% 69-81%) nel gruppo in terapia con rivaroxaban.

Articoli correlati
Tumori e malnutrizione, Campania maglia nera: massimi esperti internazionali in convegno a Napoli
Il cancro e la malnutrizione viaggiano insieme. La perdita di peso è un vero e proprio killer: oltre il 10% ostacola il proseguimento delle terapie e un malato su 5 muore per le conseguenze della malnutrizione. Se ne parlerà al Convegno "Nutrients beyond Nutrition" il 1 febbraio a Napoli
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
Oncologia, IFO sigla accordo con Centro Oncologico di San Pietroburgo
E’ stato appena siglato l’accordo tra IFO Regina Elena e il St. Petersburg Clinical Research and Practical Center for Specialized Types of Medical Care (Oncologic), per migliorare la qualità e la competitività della ricerca scientifica e della formazione professionale e sviluppare nuove strategie cliniche per il trattamento dei pazienti oncologici. La firma a conclusione di una riunione per approfondire le […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...