Voci della Sanità 11 Giugno 2018 09:34

Oncologia, Bayer: con rivaroxaban tassi significativamente più bassi di recidiva di TEV

Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia […]

Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia con rivaroxaban rispetto a quelli in terapia con dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare, attuale standard terapeutico.

In particolare, il tasso di recidiva di TEV a sei mesi è stato dell’11% con dalteparina e del 4% con rivaroxaban. Le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in studi precedenti. I risultati dello studio clinico Select-D erano stati presentati al 59° Congresso Annuale della Società Americana di Ematologia (ASH) a dicembre 2017.

Chi ha una malattia oncologica attiva ha un rischio da quatto a sette volte superiore di sviluppare TEV rispetto a chi non la ha, e la chemioterapia può ulteriormente aumentare questo rischio fino a sei volte. I casi di trombosi associata a malattia oncologica sono quasi 1/5 dei casi di TEV e la gestione di questa popolazione di pazienti assorbe una quantità significativamente maggiore di risorse sanitarie.

Nello studio Select-D è stato riscontrato che la sopravvivenza complessiva a sei mesi è risultata superiore nei pazienti trattati con rivaroxaban (75%), rispetto a quelli in terapia con dalteparina (70%). Anche se è stato riscontrato un aumento relativo di sanguinamento non-maggiore, clinicamente rilevante, pari a tre volte con rivaroxaban rispetto alla dalteparina, le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in precedenza. «La pubblicazione di questi risultati fornisce ulteriori evidenze, di cui vi era una grande necessità, su come aiutare al meglio quei pazienti con trombosi associata a malattia oncologica- ha dichiarato Michael Devoy, Responsabile Medical Affairs & Farmacovigilanza della Divisione Pharmaceuticals di Bayer – .Siamo impegnati ad esplorare migliori strategie terapeutiche per questa popolazione di pazienti e lo studio Select-D fa parte del più ampio programma CALLISTO, attraverso il quale continuiamo ad affrontare alcune delle sfide fondamentali e evidenze di lacune nel trattamento della trombosi associata a malattia oncologica».

Lo Studio Select-D

Si tratta di uno studio indipendente mirato alla valutazione della terapia anticoagulante in pazienti oncologici selezionati, a rischio di recidiva di tromboembolismo venoso, coordinato dall’Unità Studi Clinici dell’Università di Warwick, Regno Unito. Lo studio Select-D fa parte del Programma di Ricerca Clinica CALLISTO, che si compone di iniziative d’esplorazione dei potenziali benefici di rivaroxaban nella prevenzione e nel trattamento dell’embolia polmonare (EP) e della trombosi venosa profonda (TVP), note nel loro insieme come tromboembolismo venoso (TEV), in pazienti con diversi tipi di tumore, per ottenere nuove evidenze che aiutino la gestione della trombosi associata alla malattia oncologica.

Questo studio pilota condotto in UK, è uno studio multicentrico, randomizzato, in aperto, che ha reclutato pazienti con malattia oncologica attiva ed embolia polmonare sintomatica o incidentale o trombosi venosa profonda agli arti inferiori sintomatica.

Sono stati randomizzati 406 pazienti, e le terapie in studio erano rivaroxaban (15mg due volte/die per 3 settimane e successivamente 20mg una volta/die), o dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare (200 UI pro chilo pro die per 1 mese e successivamente 150 UI pro chilo per 2-6 mesi)per un periodo di trattamento pari a sei mesi . La dalteparina viene somministrata con iniezione sottocutanea giornaliera e rivaroxaban viene assunto per via orale.

Lo scopo dello studio era valutare se rivaroxaban fosse un trattamento alternativo efficace per il TEV in pazienti oncologici. L’endpoint primario era la recidiva di TEV nei sei mesi di studio. Gli endpoint secondari erano emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante.

Esiti di efficacia di Select-D

26 pazienti hanno avuto recidiva di TEV (18 con dalteparina, 8 con rivaroxaban).

Il tasso di recidiva di TEV a sei mesi è stato dell’11% (IC al 95% 7-16%) con dalteparina e del 4% (IC al 95% 2-9%) con rivaroxaban (hazard ratio –HR- di 0,43, IC al 95% 0,19-0,99).

E’ stato riscontrato che la sopravvivenza complessiva a sei mesi è risultata superiore nei pazienti in terapia con rivaroxaban, rispetto a quelli trattati con dalteparina, e pari rispettivamente al 75% (IC al 95% 69-81%) e al 70% (IC al 95% 63-76%).

Esiti di sicurezza di Select-D

La sicurezza è stata valutata in relazione ad emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante.

Gli endpoint secondari erano emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante. La percentuale cumulativa a sei mesi di emorragia maggiore è stata del 4% (IC al 95% 2-8%) con dalteparina, e del 6% (IC al 95% 3-11%) con rivaroxaban (HR 1,83, IC al 95% 0,68-4,96).

Le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in  studi precedenti. Hanno avuto emorragia maggiore 6 pazienti in terapia con dalteparina e 11 con rivaroxaban. Hanno avuto emorragia non maggiore clinicamente rilevante ulteriori 7 pazienti in trattamento con dalteparina e 25 con rivaroxaban. La maggior parte degli eventi emorragici hanno interessato il tratto gastrointestinale o il distretto urologico, e non vi è stata alcuna emorragia cerebrale.

Il tasso di mortalità durante lo studio è stato alto in ragione della coorte di pazienti oncologici. Nei sei mesi sono deceduti 104 pazienti (56 in terapia con dalteparina, 48 con rivaroxaban) e le percentuali di sopravvivenza complessiva sono state del 70% (IC al 95% 63-76%) nel gruppo in terapia con dalteparina e del 75% (IC al 95% 69-81%) nel gruppo in terapia con rivaroxaban.

Articoli correlati
Johnson & Johnson in oncologia: 35 nuove richieste di autorizzazione di farmaci entro il 2030
In un quadro di massima allerta per quanto riguarda la diffusione mondiale del cancro, Johnson & Johnson illustra la sua attività di ricerca in oncologia. Entro il 2030 la big pharma USA prevede di presentare 35 nuove richieste di autorizzazione per farmaci e terapie oncologiche
Tumore della mammella metastatico: trastuzumab deruxtecan cambia lo standard di cura
Al Congresso dell’American Society of Clinical Oncology sono stati presentati i risultati straordinari relativi a trastuzumab deruxtecan nella terapia del tumore della mammella metastatico. Lo studio DESTINY-Breast06 ha mostrato come questo anticorpo monoclonale abbia ridotto di oltre il 30% il rischio di progressione di malattia o morte nella pazienti con tumore Her positivo metastatico, evitando la chemioterapia dopo la terapia anti ormonale
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
Berlusconi: quanto è grave la leucemia e la chemio a 86 anni? Parla l’esperto
Leucemia mielomonocitica cronica. Questo è il nome della malattia che ha colpito Silvio Berlusconi, ricoverato in terapia intensiva all'ospedale San Raffaele di Milano. Si tratta della più frequente tra le sindromi mielodisplastico-mieloproliferative, caratterizzata dall’aumento di una specifica popolazione di globuli bianchi: i monociti. Questa patologia è eterogenea e compare solitamente in età avanzata e che può presentarsi in una forma displastica, in cui prevalgono anemia e neutropenia, oppure in una forma proliferativa, con un numero elevato di globuli bianchi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...