OMCeO, Enti e Territori 28 Marzo 2018

Tumore al seno, startup Sapienza realizza nuovo dispositivo per la chirurgia radioguidata

Ottimizzare la metodica e ridurre i tempi della diagnosi è l’obiettivo della ricerca biomedica che fa ricorso sempre più spesso a strumenti e conoscenze mutuate dalle nuove tecnologie digitali, proponendo sul mercato prodotti dalle caratteristiche uniche e innovative. È quello che ha fatto la NG Detectors. La startup ha concentrato la propria attività nella industrializzazione […]

Ottimizzare la metodica e ridurre i tempi della diagnosi è l’obiettivo della ricerca biomedica che fa ricorso sempre più spesso a strumenti e conoscenze mutuate dalle nuove tecnologie digitali, proponendo sul mercato prodotti dalle caratteristiche uniche e innovative. È quello che ha fatto la NG Detectors. La startup ha concentrato la propria attività nella industrializzazione di GonioProbe, una applicazione di nuova generazione per la chirurgia radio guidata, che sfrutta l’idea della “Sonda scintigrafica goniometrica”, ideata da Roberto Pani, Professore Ordinario di Fisica Medica della Sapienza e direttore scientifico della startup, brevettata dalla Sapienza.

Si tratta di un dispositivo di rilevazione per impiego chirurgico in grado di identificare rapidamente e con assoluta precisione i “linfonodi sentinella” nella stadiazione del carcinoma mammario.

«La precisa identificazione e rimozione di questo linfonodo – spiega Roberto Pani – consente di rivelare l’eventuale diffusione delle metastasi e determinare con precisione una terapia personalizzata. Il nuovo dispositivo proposto è dotato di una tecnologia in grado di auto-guidare il chirurgo verso l’obiettivo in pochi secondi e, grazie all’approccio “lock on target” assicura una precisione inferiore al millimetro quando si è raggiunto il bersaglio. Il dispositivo consentirà di migliorare la metodica diagnostica fino al 95% di affidabilità, aumentando consistentemente la sopravvivenza e riducendo drasticamente danni collaterali quali il linfedema».

Grazie alla validità innovativa dei progetti e alle capacità tecnico, scientifiche e manageriali del team, la NG Detectors ha già ricevuto finanziamenti pubblici e privati per 1.431.000 euro ed è stata selezionata per il 2016 tra le migliori quaranta startup internazionali da “OneStart Europe”.

Quest’anno un nuovo traguardo. La startup, con il brevetto Sapienza Gonioprobe, è stata tra i nove finalisti della prima edizione dell’Italian Patent Competition, un concorso che punta a supportare i progetti di eccellenza che sappiano valorizzare un brevetto in ambito Life Science e Digital.

«L’esperienza di NG Detectors costituisce un esempio di filiera della ricerca interamente made in Sapienza, dal concepimento dell’idea, al brevetto, alla commercializzazione dei risultati.  L’innovazione tecnologica e funzionale – conclude Pani – saranno le caratteristiche che permetteranno alla startup di entrare in maniera competitiva sul mercato; la licenza di uso esclusivo del brevetto ci permetterà di mantenere sufficientemente a lungo il vantaggio tecnologico».

Articoli correlati
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
La sanità del futuro all’evento di Wired, l’Ad Pfizer: «Digitalizzazione può accelerare sviluppo farmaci»
I protagonisti delle innovazioni nel campo della salute si riuniscono a Milano: «Nuove tecnologie avvicinano il paziente alla classe medica»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
Gene Jolie, chi sceglie la chirurgia preventiva avrà diritto all’invalidità. Elisabetta Iannelli (FAVO): «Sarà valutata anche sofferenza psicologica»
«La circolare dell’Inps è senza precedenti – spiega il segretario generale della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia -: prende in considerazione, per la prima volta, la condizione di quelle donne, portatrici delle mutazioni BRCA1 e BRCA2, che pur essendo sane, presentano un alto rischio di ammalarsi di cancro al seno o alle ovaie»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone