OMCeO, Enti e Territori 18 gennaio 2018

Morti materne, Federazione nazionale ostetriche: lavorare su casi evitabili con assistenza adeguata e specializzata

Tra il 2013 ed il 2016 si sono verificate in Italia 88 morti materne, entro i 42 giorni dall’esito della gravidanza. È questo uno dei primi risultati dello studio dell’Istituto Superiore di Sanità che ha raccolto i dati regionali resi noti nel corso del convegno “I progetti Iss-Regioni per migliorare l’assistenza alla nascita in Italia: un […]

Tra il 2013 ed il 2016 si sono verificate in Italia 88 morti materne, entro i 42 giorni dall’esito della gravidanza. È questo uno dei primi risultati dello studio dell’Istituto Superiore di Sanità che ha raccolto i dati regionali resi noti nel corso del convegno “I progetti Iss-Regioni per migliorare l’assistenza alla nascita in Italia: un convegno dedicato”. L’indagine distingue le morti materne in dirette (collegabili allo stato di gravidanza della donna) e indirette che hanno aggravato le condizioni di salute, ma non sono tipiche della gravidanza. Emerge così che la prima causa di morte materna diretta è l’emorragia ostetrica, seguita subito dopo dalla sepsi. Nei casi di morte materna indiretta, la principale causa è stata una patologia cardiaca. Nonostante i tragici eventi delle 88 donne morte nei quattro anni di riferimento, è tuttavia possibile affermare che il nostro sistema sanitario nazionale offre un servizio di qualità quantomeno pari a quello di altri Paesi con sistemi socio-sanitari simili. Ovviamente la sfida sta in quelle morti definite evitabili, è lì infatti che ISS, Ministero e soprattutto i professionisti sanitari ginecologi, ostetriche/i, infermieri, anestesisti vogliono focalizzare la propria attenzione per migliorare l’assistenza alla nascita.

«Il quadro complessivo che emerge dai dati dello studio è buono: ci collochiamo con dignità al pari degli altri Paesi con sistemi socio-sanitari analoghi al nostro ad esempio Francia, Regno Unito, con un rapporto di mortalità materna analogo al loro – afferma la dottoressa Serena Donati, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) -. Però all’interno di questo quadro abbiamo una grande variabilità tra aree geografiche e tra regioni, una penalizzazione del sud rispetto al nord con un rapporto di mortalità materna più alto: muoiono più donne e di complicazioni ostetriche. Con le indagini confidenziali siamo in grado di valutare l’evitabilità dei casi di morte materna e quindi capire dove sono le criticità su cui impegnarci per migliorare».

Una valutazione complessivamente positiva viene fornita anche dalla presidente della Federazione Nazionale dei Colleghi delle Ostetriche, Maria Vicario: «Analizzando i dati CeDAP e quelli del Piano Nazionale Esiti si può affermare che l’assistenza alla nascita in Italia sia di buon livello seppur con una certa variabilità geografica.  Al pari degli altri paesi industrializzati, sin dagli anni ’70, in Italia è stato privilegiato un modello clinico-organizzativo basato essenzialmente su prevenzione, controllo e contrasto ai fattori di rischio, anche attraverso un uso a volte eccessivo delle tecnologie».

Evitare alcuni casi di morte in gravidanza è dunque possibile. Uno dei primi interventi da attivare per renderlo possibile è migliorare il lavoro di équipe e dunque la rete tra gli operatori sanitari, ottimizzare la comunicazione e la tempestività di intervento nei casi critici, oltre che mettere in atto la tipologia assistenziale più adeguata al caso.

Il numero di gravidanze fisiologiche che hanno un esito felice continuano a essere la norma. «La mortalità materna è fortunatamente un evento raro – sottolinea la presidente Vicario che continua-, ma sempre drammatico in quanto muore una donna/persona, muore una madre, muore una moglie, quindi, si tratta di un evento che sconvolge l’intera a famiglia. Ciò che nei casi evitabili non può e non deve mancare mai è la competenza dei professionisti che hanno in cura la donna e che devono mantenere alto il livello di performance professionale nelle urgenze/emergenze anche attraverso una formazione continua e permanente».

Un’assistenza di tutti gli operatori sanitari che sia adeguata, specializzata, capace di ascoltare la donna e di coglierne tempestivamente le effettive condizioni di salute per un intervento efficace rimane indispensabile durante la gravidanza e l’evento nascita.

 

 

Articoli correlati
Milano, tariffe agevolate e tempi di attesa ridotti. Ecco l’innovativo servizio di prenotazione “Salute4you”
È attivo in quindici farmacie milanesi marchio LloydsFarmacia, Gruppo Admenta Italia, oltre alla parafarmacia LloydsSalute di CityLife, il servizio di prenotazione esclusivo Salute4You, che consente all’utente-paziente di accedere ad una vasta gamma di visite ed altri accertamenti sanitari presso le principali strutture sanitarie della città di Milano. Il tutto usufruendo di tariffe agevolate e tempi di […]
Fertilità maschile, numero spermatozoi in caduta libera: meno 59,3% in 40 anni. Visite gratuite a Roma
Da 99 milioni di spermatozoi per millilitro nel 1973 a 47 milioni nel 2011. Questo, è il crollo verticale della capacità riproduttiva maschile fotografata dalla meta-analisi apparsa su Human Reproduction Update. Eppure la prevenzione e la protezione della fertilità maschile sono le grandi assenti dai programmi di screening e in molti casi i problemi vengono […]
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
Congresso FNOPO, Vicario: «Formazione pilastro per il futuro. Ampliare percorso di laurea in Ostetricia a 5 anni»
Si è conclusa la 35esima assise a Modena. Anelli e Scotti: «Bene lavoro comune su aggressione e sinergia con MMG»
Albano laziale: sabato al via l’iniziativa “Io aderisco”
Sensibilizzare la popolazione ad aderire alle buone pratiche e agli stili di vita sani, nel rispetto dell’ambiente che ci circonda: questi gli obiettivi al centro dell’iniziativa “Io Aderisco” che si svolgerà ad Albano Laziale (corso Garibaldi 12) sabato 13 ottobre a partire dalle 10,30. Alla giornata di dibattiti, “camminate” e sport nel verde parteciperanno Daniele […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila