OMCeO, Enti e Territori 16 Gennaio 2018

Morbillo: In Europa l’Italia è seconda per numerosità di casi. Il report dell’ECDC

Mentre prosegue la polemica sull’obbligo vaccinale ‘tirato in ballo’ nel corso della campagna elettorale, un report dell’European Centre for Diseases Control (Ecdc) snocciola gli ultimi dati relativi al morbillo: l’Italia risulta la seconda nazione in Europa per numerosità di casi della malattia nel vecchio continente, 4.985, dopo la Romania (5.966) e seguita dalla Germania (937) […]

Mentre prosegue la polemica sull’obbligo vaccinale ‘tirato in ballo’ nel corso della campagna elettorale, un report dell’European Centre for Diseases Control (Ecdc) snocciola gli ultimi dati relativi al morbillo: l’Italia risulta la seconda nazione in Europa per numerosità di casi della malattia nel vecchio continente, 4.985, dopo la Romania (5.966) e seguita dalla Germania (937) e dalla Grecia (625). Numeri, quelli relativi al nostro Paese, che equivalgono al 35% di tutti i casi riportati in Europa. Il documento si riferisce ai dati inviati da 30 paesi dell’area europea su base mensile, relativi al periodo dicembre 2016-novembre 2017.

Quanto alla rosolia, sono stati 729 i casi totali in Europa, di cui 64 nel nostro Paese, 533 in Polonia, 75 in Germania, 35 in Austria, 10 in Romania. L’Italia è dunque terza quanto a numerosità di casi di questa malattia, con il 9% di tutti i pazienti rilevati. Nell’ultimo mese di rilevazione, appunto novembre 2017, sono stati riportati 510 casi di morbillo in 14 Paesi europei. In Italia se ne sono registrati 49 (250 quelli in Grecia, dove è in corso una importante epidemia, 102 in Romania, 56 nel Regno Unito). Nell’intero periodo di rilevazione i casi totali di morbillo sono stati 14.393, con tutte le nazioni che hanno avuto pazienti tranne Lettonia e Malta – rileva l’Ecdc – e possibili numeri sottostimati, soprattutto per la Romania. Le morti sono state in tutto 34, 23 in Romania, 4 in Italia, due in Grecia e una in Bulgaria, Francia, Germania, Portogallo e Spagna. Secondo l’autorità, dei 13.579 casi totali di cui si conosceva lo stato vaccinale del paziente, l’87% risultava non vaccinato, l’8% vaccinato solo con una dose, e secondo l’Ecdc c’è necessità di implementare i programmi di immunizzazione per garantire la copertura del 95% (attualmente 20 Paesi su 27 di cui sono disponibili i dati non hanno raggiunto questa percentuale per la seconda dose di vaccinazione). Più colpiti i bambini al di sotto dei 4 anni di età.

Articoli correlati
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Morbillo, quest’anno 864 casi in Italia: un terzo ha sviluppato complicanze. Ecdc: «Aumento in tutta Europa»
I dati riportati sul bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità. Due terzi dei casi si sono verificati in Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia. L'87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio. In tutta Europa 44074 casi dal 2016 al 2019
Vaccini, Gran Bretagna pensa all’obbligo. Ricciardi: «In Italia portare vaccinazione dove lavorano gli adulti»
«I vaccini sono sicuri e un ottimo strumento non solo per prevenire malattie infettive in età infantile, ma anche in età adulta». Lo ribadisce Walter Ricciardi, ex presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, che coglie l’occasione anche per bacchettare gli operatori sanitari che non danno il buon esempio
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...