Voci della Sanità 26 Giugno 2020 16:54

Milano, al Palazzo “Le Stelline” la mostra itinerante “PeopleInMind” promossa da Lundbeck

Si tratta di 27 opere per raccontare il disagio psichico attraverso mente, occhi e cuore

Partirà lunedì 29 giugno da Milano il viaggio in 8 tappe, che accompagnerà 27 opere grafiche ricche di emozioni e suggestioni, lungo tutta la penisola da Nord a Sud. A Palazzo “Le Stelline” si inaugura infatti la mostra delle 27 opere finaliste diPeopleInMind”, concorso nato nel 2019 per sensibilizzare la popolazione sul tema della salute mentale, argomento spesso oggetto di stigma e pregiudizio. Tra le 27 opere finaliste, oltre ai tre vincitori, sono stati assegnati 3 riconoscimenti speciali rispettivamente per miglior disegno, miglior fumetto e “community people” ovvero l’opera che ha ottenuto il maggior numero di “like” sui canali social.

«“PeopleInMnd” – si legge in una nota –  è un concorso di arti grafiche ovvero disegni, fumetti e dipinti promosso da Lundbeck Italia, azienda farmaceutica danese dedicata, da oltre 100 anni, alla cura delle patologie del sistema nervoso centrale».

LEGGI ANCHE: SENSUABILITY, A ROMA LA MOSTRA DI FUMETTI CONTRO I PREGIUDIZI SU SESSO E DISABILITÀ

«Il concorso – prosegue – lanciato dall’azienda nel maggio 2019, ha visto l’adesione di numerosi autori che, attraverso la propria arte, hanno espresso i loro sentimenti ed emozioni nei confronti delle persone che soffrono di disturbi mentali. Delle 700 opere in concorso, le 27 finaliste saranno esposte in un percorso fatto di tappe “fisiche” e “virtuali”. Le opere finaliste, infatti, la cui premiazione è avvenuta a Roma presso l’Ambasciata danese lo scorso dicembre, saranno ora oggetto di un tour in giro per l’Italia per raccontare cosa vuol dire vivere la quotidianità per una persona che soffre di malattie mentali, o per chi gli sta accanto».

«Dopo la premiazione dell’edizione 2019, il progetto – commenta Tiziana MeleAmministratore Delegato di Lundbeck Italia – era quello di esporre le opere finaliste del concorso “PeopleInMind” in alcune città italiane. Le restrizioni introdotte a seguito della pandemia Covid 19 ci hanno fatto modificare i nostri programmi ma non hanno cambiato la nostra determinazione a dare voce a chi, grazie al suo impegno e creatività, ha reso possibile questa iniziativa. Anzi, è stato proprio il crescente impatto che la pandemia ha avuto sulla salute mentale a convincerci del bisogno, ora ancora più urgente, di continuare a parlare di questo tema per combattere lo stigma che spesso, troppo spesso, circonda la salute mentale. Abbiamo quindi colto l’opportunità di far evolvere il progetto iniziale e, in ottemperanza alle regole sul distanziamento sociale, ci saranno alcune tappe “fisiche” e altre tappe “virtuali”» prosegue Tiziana Mele.

LEGGI ANCHE: AIL IERI, OGGI, DOMANI. MOSTRA CELEBRATIVA AL LEONARDO DA VINCI PER RACCONTARE 50 ANNI DI IMPEGNO SOLIDALE

«La mostra, infatti, nella sua prima tappa a Milano, che vede esposte le opere per tutta la giornata, sarà ripresa nel corso della diretta sull’homepage di Corriere.it che ospita un evento il cui tema è “I discorsi del coraggio”. Ed è proprio di coraggio che parlano le 27 opere: il coraggio di dichiarare una condizione di salute per la quale le persone non si devono sentire stigmatizzate, ma nei cui confronti ci si può aprire con strumenti come l’arte, divulgando un messaggio di fiducia e di speranza alle persone che soffrono di disturbi mentali e rendendo così visibile quello che molto spesso resta “’invisibile” agli occhi di molti».

Al termine della mostra, le opere saranno vendute e il ricavato verrà devoluto in beneficienza ad associazioni di volontariato che si impegnano a favore delle persone con disturbi mentali. Tutto questo mentre, dallo scorso 6 maggio, è in corso la seconda edizione di PeopleInMind la cui raccolta di opere terminerà il 10 di ottobre. Come per la precedente edizione è possibile partecipare al concorso collegandosi al sito.

«La partecipazione all’iniziativa è stata così ampia che abbiamo deciso di riproporre il concorso anche per il 2020 aperto a tutti e da quest’anno anche ad associazioni di volontariato – aggiunge Tiziana Mele -. È importante infatti continuare a parlare di salute mentale e non smettere mai di sottovalutare lo stigma e il pregiudizio che circonda i disturbi mentali. Come azienda infatti, siamo convinti che il nostro compito non sia solo fornire i migliori trattamenti possibili alle persone che soffrono di questi disagi ma anche individuare opportuni servizi, che possano testimoniare concretamente cosa voglia dire averle a mente» conclude.

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«L’arte deve essere accessibile alle persone con disabilità», il manifesto dell’associazione Al.Di.Qua. Artists
L'associazione Al.Di.Qua Artists ha diffuso un manifesto per denunciare la scarsa considerazione delle persone con disabilità nell'arte, sia come spettatori che come attori
«Si prega di toccare»: così le opere d’arte sono “visibili” ai non vedenti
Da oltre 25 anni l’Associazione di volontariato Museum, attraverso i suoi progetti, rende “visibile” l’arte ai non vedenti. La presidente Poscolieri: «Questi incontri stimolano la socialità e liberano dalla solitudine. Tante le persone disabili che nell’arte hanno trovato una ragione di vita»
di Isabella Faggiano
Effetto Michelangelo: le opere d’arte e la realtà virtuale potenziano l’efficacia delle terapie di neuroriabilitazione
Le opere artistiche aiutano i pazienti con una lesione del sistema nervoso causata da un ictus ad eseguire esercizi di neuroriabilitazione in un ambiente virtuale. Lo studio della Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e Unitelma Sapienza
Al Museo con SLA, anche adesso: tour virtuale di AISLA Firenze sulle tracce dei Medici
Il progetto è iniziato nel 2015 e prevede una visita ogni mese. L’arte ha una funzione terapeutica riconosciuta dalla medicina
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni