Salute 26 Agosto 2019

Sensuability, a Roma la mostra di fumetti contro i pregiudizi su sesso e disabilità

Da Milo Manara a Mauro Biani, tanti gli illustratori famosi a partecipare, mentre in Italia stenta ad essere accettata la figura dell’assistente sessuale. L’intervista all’ideatrice Armanda Salvucci

Abbattere pregiudizi e luoghi comuni legati alla sessualità attraverso il fumetto e l’ironia. È questo l’obiettivo della mostra dal titolo evocativo “Sensuability: ti ha detto niente la mamma?“. La rassegna allestita a Roma presso la Casa del Cinema fino al prossimo 10 settembre, racconta di una sessualità di cui si parla poco, quella delle persone con disabilità alle prese con la vita quotidiana sotto le lenzuola.

Protesi abbandonate sul pavimento, sedie a rotelle in alcune occasioni comode anche per due, ma anche il racconto della cecità, della sordità e più in generale del corpo non perfetto ma sempre sensuale. A raccogliere i lavori di artisti famosi tra i quali Milo Manara, Fabio Magnasciutti, Mauro Biani, Frida Castelli, Pietro Vanessi, Luca Enoc, Frad e le opere dei ragazzi delle scuole dei fumetti, è Armanda Salvucci, presidente dell’Associazione Nessunotocchimario.

«Vi dirò una grandissima verità: anche noi disabili facciamo sesso», ci risponde con ironia Armanda mentre la intervistiamo in una calda mattinata di agosto alla Casa del Cinema, nella sala al primo piano dove sono esposte le tavole degli artisti.

LEGGI ANCHE: SESSO, ITALIANI SENZA TABU’: AUMENTANO I PARTNER MA CON POCA CONTRACCEZIONE. IL RAPPORTO CENSIS-BAYER

Quali sono i pregiudizi maggiori? «Che la persona con disabilità è una persona asessuata, è una persona che può meritare al massimo un’affettività, considerata alla stregua di un bambino, soprattutto se poi parliamo di disabilità cognitive. In quest’ultimo ancora di più i luoghi comuni e gli stereotipi la fanno da padrone. In realtà non è così, è un’esigenza vitale di tutti, per questo noi non vogliamo settorializzare la sessualità con la disabilità. È un tema che riguarda tutti e come diciamo noi, “la prima volta siamo tutti disabili”. Lo stereotipo maggiore è che tu puoi fare sesso solo se sei bello, prestante, se sei atletico. La maggior parte della popolazione evidentemente viene esclusa da questo modello».

In Italia c’è un grande tabù, quello dell’assistente sessuale per i disabili. Si tratta di un operatore professionale che “supporta le persone diversamente abili a sperimentare l’erotismo e la sessualità”, come si legge sul sitoweb di LoveGiver, fra i più famosi progetti riguardanti la figura dell’assistente sessuale presenti in Italia.  «L’assistenza sessuale è giusto che ci sia – spiega Armanda -. Perché? Non tutti possono raggiungere un livello di consapevolezza corporea. Nessuno glielo ha insegnato e l’assistente sessuale serve a questo».

Infine, le abbiamo chiesto quali tra le tavole esposte le fossero rimaste più nel cuore. «Mi piacciono tutte, ma non è una risposta super partes. Forse il fumetto che mi è piaciuto di più è quello con la donna con le gambe staccate e i due ragazzi che sono a letto con protesti e occhiali, tutto in giro per la stanza, ma ce ne sono tantissimi. Io ogni volta che la vedo, questa mostra, mi commuovo».

LEGGI ANCHE: DISABILITÀ, PARLA IL SOTTOSEGRETARIO ZOCCANO: «INVESTIRE SULLE ABILITÀ RESIDUE. RISORSE CI SONO, VANNO OTTIMIZZATE»

Articoli correlati
Covid-19 e disabilità, il presidente Fand e Anmic: «Fase 1 è stata drammatica, delusi da mancata attenzione ai caregiver»
L'appello di Nazaro Pagano per il rifornimento di dispositivi di sicurezza adatti e per condizioni di lavoro sicure per persone con disabilità. Bene i fondi riservati nei decreti, ma «essenziale che a settembre gli alunni con disabilità non siano esclusi da quello che dovrebbe essere un diritto sacrosanto»
Centri estivi, da giugno si riparte: ingressi scaglionati, meno bambini e priorità a disabili e soggetti fragili
Chiarla, direttore di CasaOz per bambini malati: «Stiamo progettando attività compatibili con il distanziamento sociale, preferibilmente all'aperto, e insegneremo le regole con giochi e segnaletica. I nostri bambini, essendo soggetti a rischio, finora non sono mai usciti di casa e in molti casi l'isolamento ha peggiorato la loro situazione». E per chi non potrà iscriversi c'è "Casa Smart"
di Isabella Faggiano
Dl Rilancio, Nocerino (M5S): «150 mln per fondi dedicati a disabili»
«Il decreto prevede un aumento di 90 milioni di euro della dotazione del Fondo per le non autosufficienze; di 20 mln per il Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave, prive di sostegno familiare, e di 40 mln per il Fondo di sostegno alle strutture semiresidenziali» sottolinea la senatrice Cinque Stelle
Malattie rare, domani la giornata mondiale di sensibilizzazione sulla sclerosi tuberosa
L'AST (Associazione Sclerosi Tuberosa), da sempre impegnata nel sostegno alla ricerca scientifica, ha trasformato quest’anno in virtuale, alla luce dell’emergenza sociosanitaria in corso, la tradizionale campagna “Una Rosa per la Ricerca”
Lockdown e bambini con disabilità, da Milano a Napoli genitori uniti per chiedere la ripresa dei servizi di assistenza
L'avvocato Rossana Ferraro, che ha coordinato l’istanza rivolta a Governo e Regione Campania: «Famiglie abbandonate a loro stesse, i diritti costituzionali dei minori disabili non possono essere violati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco