Salute 26 Agosto 2019

Sensuability, a Roma la mostra di fumetti contro i pregiudizi su sesso e disabilità

Da Milo Manara a Mauro Biani, tanti gli illustratori famosi a partecipare, mentre in Italia stenta ad essere accettata la figura dell’assistente sessuale. L’intervista all’ideatrice Armanda Salvucci

Abbattere pregiudizi e luoghi comuni legati alla sessualità attraverso il fumetto e l’ironia. È questo l’obiettivo della mostra dal titolo evocativo “Sensuability: ti ha detto niente la mamma?“. La rassegna allestita a Roma presso la Casa del Cinema fino al prossimo 10 settembre, racconta di una sessualità di cui si parla poco, quella delle persone con disabilità alle prese con la vita quotidiana sotto le lenzuola.

Protesi abbandonate sul pavimento, sedie a rotelle in alcune occasioni comode anche per due, ma anche il racconto della cecità, della sordità e più in generale del corpo non perfetto ma sempre sensuale. A raccogliere i lavori di artisti famosi tra i quali Milo Manara, Fabio Magnasciutti, Mauro Biani, Frida Castelli, Pietro Vanessi, Luca Enoc, Frad e le opere dei ragazzi delle scuole dei fumetti, è Armanda Salvucci, presidente dell’Associazione Nessunotocchimario.

«Vi dirò una grandissima verità: anche noi disabili facciamo sesso», ci risponde con ironia Armanda mentre la intervistiamo in una calda mattinata di agosto alla Casa del Cinema, nella sala al primo piano dove sono esposte le tavole degli artisti.

LEGGI ANCHE: SESSO, ITALIANI SENZA TABU’: AUMENTANO I PARTNER MA CON POCA CONTRACCEZIONE. IL RAPPORTO CENSIS-BAYER

Quali sono i pregiudizi maggiori? «Che la persona con disabilità è una persona asessuata, è una persona che può meritare al massimo un’affettività, considerata alla stregua di un bambino, soprattutto se poi parliamo di disabilità cognitive. In quest’ultimo ancora di più i luoghi comuni e gli stereotipi la fanno da padrone. In realtà non è così, è un’esigenza vitale di tutti, per questo noi non vogliamo settorializzare la sessualità con la disabilità. È un tema che riguarda tutti e come diciamo noi, “la prima volta siamo tutti disabili”. Lo stereotipo maggiore è che tu puoi fare sesso solo se sei bello, prestante, se sei atletico. La maggior parte della popolazione evidentemente viene esclusa da questo modello».

In Italia c’è un grande tabù, quello dell’assistente sessuale per i disabili. Si tratta di un operatore professionale che “supporta le persone diversamente abili a sperimentare l’erotismo e la sessualità”, come si legge sul sitoweb di LoveGiver, fra i più famosi progetti riguardanti la figura dell’assistente sessuale presenti in Italia.  «L’assistenza sessuale è giusto che ci sia – spiega Armanda -. Perché? Non tutti possono raggiungere un livello di consapevolezza corporea. Nessuno glielo ha insegnato e l’assistente sessuale serve a questo».

Infine, le abbiamo chiesto quali tra le tavole esposte le fossero rimaste più nel cuore. «Mi piacciono tutte, ma non è una risposta super partes. Forse il fumetto che mi è piaciuto di più è quello con la donna con le gambe staccate e i due ragazzi che sono a letto con protesti e occhiali, tutto in giro per la stanza, ma ce ne sono tantissimi. Io ogni volta che la vedo, questa mostra, mi commuovo».

LEGGI ANCHE: DISABILITÀ, PARLA IL SOTTOSEGRETARIO ZOCCANO: «INVESTIRE SULLE ABILITÀ RESIDUE. RISORSE CI SONO, VANNO OTTIMIZZATE»

Articoli correlati
Covid-19 colpisce più uomini che donne. La Società Italiana di Farmacologia spiega perché
«L’enzima che il virus sfrutta per entrare nelle cellule è più espresso nell'uomo. La donna è naturalmente più forte nei confronti delle infezioni. Un'altra differenza, negli ormoni sessuali: il testosterone è generalmente un immunosoppressore, mentre gli estrogeni tendono a essere immunostimolanti». Lo studio della Società Italiana di Farmacologia
Coronavirus, Noja (Iv): «Misure immediate per le persone con disabilità»
La richiesta della componente della commissione Affari Sociali della
Morte Anastasi, AISLA Firenze fa chiarezza sulla SLA e ricorda l’importanza delle cure palliative
Dopo la morte di Pietro Anastasi, AISLA Firenze, sezione fiorentina di AISLA Onlus, intende diffondere informazioni corrette sulla malattia. In occasione di eventi tragici come questo purtroppo si susseguono notizie sensazionalistiche, prive nella maggior parte dei casi di una adeguata conoscenza della malattia. Si ricorda che l’età media di insorgenza della SLA sporadica è di […]
Ictus cerebrale, la storia del giornalista Rai Andrea Vianello. «Non riuscivo più a parlare»
«Il 2 febbraio dello scorso anno ho avuto un ictus, ho subito un’operazione d’urgenza, e quando mi sono risvegliato non riuscivo più a parlare. Proprio io, che sapevo solo parlare: non potevo dire nemmeno i nomi dei miei figli». Ha affidato a Twitter il racconto dell’evento drammatico che lo ha colpito il giornalista Rai Andrea […]
Dalla Mesopotamia ad oggi, Gian Antonio Stella racconta “La lunga battaglia dei disabili per cambiare la storia”
Nel suo ultimo libro la firma del Corriere della Sera racconta di errori e orrori, incubi religiosi, pregiudizi. Poi sottolinea: «Presto avremo oltre 6 milioni di non autosufficienti, cosa stiamo facendo per loro?»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...