Voci della Sanità 19 Novembre 2020 17:34

Manovra 2021, Nocerino (M5S): «75 milioni a fondo caregiver, prossimo step è legge»

«In sede di conversione in Parlamento della manovra, presenteremo degli emendamenti per chiedere al governo di aumentare ulteriormente le risorse del fondo per il Caregiver familiare» annuncia la senatrice del Movimento Cinque Stelle Simona Nocerino

«Ammonta a 75 milioni di euro, nel triennio 2021-2023, lo stanziamento inserito nella legge di Bilancio 2021, che ieri è approdata alla Camera dei deputati dove comincerà il proprio iter in prima lettura, devoluto al Fondo per il Caregiver familiare, che in Italia è stato istituito da una legge del 2017. Eppure  nel nostro Paese non esiste ancora una disciplina organica, che definisca a chi ci rivolgiamo quando parliamo di caregiver familiare, chi sono, quanti e quali diritti hanno. Per queste ragioni, più di un anno più ho presentato al Senato un disegno di legge che disciplina questa figura e dà per la prima volta cittadinanza al caregiver familiare nel panorama giuridico italiano, assicurando diritti e tutele a quanti si occupano a tempo pieno di un familiare con disabilità e che spesso sono costretti a dover scegliere tra lavoro e attività di cura alla persona, con le relative conseguenze economiche sul reddito familiare». Così la senatrice del MoVimento 5 Stelle, Simona Nocerino, prima firmataria del ddl sul Cargiver familiare, all’esame della Commissione Lavoro di palazzo Madama.

«Quel disegno di legge –ricorda Nocerino -, che è stato scelto come base di partenza su cui lavorare per arrivare a una legge, in accordo con gli esponenti di maggioranza e opposizione delle forze politiche presenti in Parlamento, ha cominciato già da qualche tempo il proprio iter in commissione Lavoro al Senato, commissione di cui sono componente insieme alle colleghe del MoVimento 5 Stelle Barbara Guidolin, e Susy Matrisciano, che è anche presidente della Commissione Lavoro di palazzo Madama».

«Da mesi lavoriamo senza sosta – aggiunge – per rendere finalmente giustizia e diritti a migliaia di cittadini, che per troppo tempo non hanno ricevuto la giusta attenzione da parte dello Stato. Ma per raggiungere gli obiettivi che la nostra proposta di legge si prefigge c’è bisogno di un sostegno economico importante. Per questo accolgo con entusiasmo la scelta del governo di rifinanziare con 75 milioni di euro in 3 anni, 25 mln nel 2021, il fondo per il Caregiver familiare».

«Per il Movimento 5 Stelle – prosegue Nocerino – rispondere alle richieste delle fasce più fragili della popolazione è certamente una priorità, non possiamo permetterci di lasciare nessuno solo né indietro,   soprattutto nel bel mezzo di un’emergenza sanitaria ed economica, che non ha precedenti nella storia della Repubblica. Lo  abbiamo sempre detto e lo abbiamo fatto e continuiamo a farlo anche adesso. In sede di conversione in Parlamento della manovra, presenteremo degli emendamenti per chiedere al governo di aumentare ulteriormente le risorse del fondo per il Caregiver familiare – sottolinea -, in modo da poter garantire copertura economica agli interventi che abbiamo individuato nel disegno di legge all’esame della commissione Lavoro del Senato. Siamo certi che il governo non ignorerà le richieste che arrivano dal mondo della disabilità. E per questo voglio ringraziare il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha la delega alla disabilità, e il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo per lo sforzo profuso e l’impegno dimostrato giorno per giorno, a tutela di cittadini, famiglie e imprese in questa fase assai complessa per il nostro Paese», conclude.

Articoli correlati
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
Long Covid, Lorefice (M5S): «Ok a Odg per estendere visite specialistiche gratuite a malati curati a domicilio»
«Ho chiesto con il mio Odg di estendere per i due anni successivi al contagio i controlli periodici: il Servizio sanitario nazionale non deve lasciare indietro nessuno», sottolinea la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
Lavoratori malati oncologi, calendarizzata in Commissione Lavoro proposta per estendere diritti
«Mai come in questo momento dobbiamo proteggere i più fragili. Per questo, sono molto soddisfatta per la calendarizzazione, in commissione Lavoro alla Camera, della proposta di legge a mia prima firma che mira a modificare la disciplina relativa ai diritti dei lavoratori affetti da patologie oncologiche o da altre gravi malattie temporaneamente invalidanti». Lo afferma […]
Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Dopo Medicina ora via libera anche per le altre professioni sanitarie»
«In questo modo andiamo a semplificare e a velocizzare il percorso universitario senza far venir meno l’accertamento dell’effettiva preparazione del candidato» spiega il relatore del provvedimento Manuel Tuzi
SOS giovani, al Convegno M5S anche pediatri e psicologi: «Con pandemia disturbi del neurosviluppo e dell’umore»
«Dobbiamo fare una cosa importante per i nostri ragazzi: vederli, ascoltarli, coinvolgerli. Durante questa pandemia hanno sofferto molto, è aumentata la dispersione scolastica, le patologie dei più giovani» ha spiegato il sottosegretario all'Istruzione Barbara Floridia tra i protagonisti dell'evento "Sos giovani. Prevenire è meglio che curare"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.944.127 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.236.600 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva