Voci della Sanità 28 Gennaio 2020

Giovedì 30 gennaio inizia “Conoscere l’Alzheimer 2020”

La malattia di Alzheimer è la forma di demenza più frequente nei paesi occidentali e il progressivo invecchiamento della popolazione ha favorito un incremento dell’incidenza di tale patologia. Giovedì 30 gennaio, alle ore 15.00, presso il centro di Formazione dell’Ospedale S.Corona si terrà il primo incontro del ciclo “Conoscere l’Alzheimer 2020” organizzato da AFMAponentesavoneseODV – […]

La malattia di Alzheimer è la forma di demenza più frequente nei paesi occidentali e il progressivo invecchiamento della popolazione ha favorito un incremento dell’incidenza di tale patologia.

Giovedì 30 gennaio, alle ore 15.00, presso il centro di Formazione dell’Ospedale S.Corona si terrà il primo incontro del ciclo Conoscere l’Alzheimer 2020” organizzato da AFMAponentesavoneseODV – Associazione Famiglie Malati Alzheimer Ponente Savonese- in collaborazione con la S.C. Neurologia di Pietra Ligure.

Lo scopo degli incontri è di far conoscere, informare e sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti di questa malattia, diventata un grande problema sanitario e sociale.

“L’Alzheimer non coinvolge solo il paziente ma l’intera famiglia. Il caregiver ovvero il familiare che cura, oltre che vedere la vita del proprio caro disgregarsi a poco a poco, sa che non c’è scampo a questa sofferenza. E’ importante aiutare i familiari perché capiscano cosa succede al malato, il perché dei suoi comportamenti e reazioni. E’ importante creare un’alleanza tra le famiglie e le Istituzioni per affrontare “insieme” la malattia. E’ importante sostenere il caregiver nel suo grande contributo di aiuto al malato.” con queste parole, Patrizia Paccagnella, Presidente AFMAponentesavoneseODV, spiega il senso dell’iniziativa che da anni porta avanti grazie alla partecipazione di professionisti che a vario titolo si occupano quotidianamente di questa patologia come la dott.ssa Tiziana Tassinari, primario della S.C. Neurologia dell’ Ospedale S. Corona, il dott. Giuseppe Russo, responsabile S.S.D. Demenze, la dott.ssa Tedesco dei Servizi Sociali, il neurologo Stefano Tonini, la logopedista dott.ssa Silvia Macheda, la fisioterapista Clara Noceto.

Si inizia giovedì 30 gennaio. L’iniziativa è patrocinata oltre che da ASL2 Savonese, dall’Ordine dei Medici di Savona e dalla Provincia di Savona; gli incontri sono a ingresso libero e si svolgono presso il Centro Formazione ed aggiornamento dell’Ospedale S.Corona di Pietra Ligure.

 

Articoli correlati
Malattie neurodegenerative, calcio e colpi di testa sul banco degli imputati. Cosa c’è di vero
I risultati di una ricerca condotta dall’Università di Glasgow associano la pratica agonistica di sport di contatto a un maggior rischio di sviluppare demenza, Sla e Parkinson. L’intervista al neurologo Massimo Napolitano (Ospedale Cardarelli di Napoli)
Costruito il primo neurone artificiale, servirà a combattere l’Alzheimer
In silicio, il neurone hi-tech risponde ai segnali del sistema nervoso e segna un passo in avanti verso la possibilità di riparare circuiti nervosi e ripristinare funzioni perdute
Alzheimer, scoperta la molecola che ‘ringiovanisce’ il cervello e blocca la malattia
Secondo gli scienziati della Fondazione EBRI 'Rita Levi-Montalcini' l'anticorpo A13 avrebbe la proprietà di favorire la nascita di nuovi neuroni contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia
Malattie neurodegenerative: calciatori più colpiti? Tedeschi (SIN): «Microtraumi e tossine presenti sull’erba possibili cause di Alzheimer e Sla»
Il Presidente della Società italiana di Neurologia: «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte». Sulla Sla: «L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam»
di Federica Bosco
Scandalo in Francia, test clinici selvaggi su oltre 350 malati di Parkinson e Alzheimer
«Siamo ai confini della ciarlataneria – ha commentato il ministro della Sanità Buzyn -. Si è abusato della fiducia dei pazienti. Si tratta di un fatto gravissimo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...