Voci della Sanità 28 Gennaio 2020

Giovedì 30 gennaio inizia “Conoscere l’Alzheimer 2020”

La malattia di Alzheimer è la forma di demenza più frequente nei paesi occidentali e il progressivo invecchiamento della popolazione ha favorito un incremento dell’incidenza di tale patologia. Giovedì 30 gennaio, alle ore 15.00, presso il centro di Formazione dell’Ospedale S.Corona si terrà il primo incontro del ciclo “Conoscere l’Alzheimer 2020” organizzato da AFMAponentesavoneseODV – […]

La malattia di Alzheimer è la forma di demenza più frequente nei paesi occidentali e il progressivo invecchiamento della popolazione ha favorito un incremento dell’incidenza di tale patologia.

Giovedì 30 gennaio, alle ore 15.00, presso il centro di Formazione dell’Ospedale S.Corona si terrà il primo incontro del ciclo Conoscere l’Alzheimer 2020” organizzato da AFMAponentesavoneseODV – Associazione Famiglie Malati Alzheimer Ponente Savonese- in collaborazione con la S.C. Neurologia di Pietra Ligure.

Lo scopo degli incontri è di far conoscere, informare e sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti di questa malattia, diventata un grande problema sanitario e sociale.

“L’Alzheimer non coinvolge solo il paziente ma l’intera famiglia. Il caregiver ovvero il familiare che cura, oltre che vedere la vita del proprio caro disgregarsi a poco a poco, sa che non c’è scampo a questa sofferenza. E’ importante aiutare i familiari perché capiscano cosa succede al malato, il perché dei suoi comportamenti e reazioni. E’ importante creare un’alleanza tra le famiglie e le Istituzioni per affrontare “insieme” la malattia. E’ importante sostenere il caregiver nel suo grande contributo di aiuto al malato.” con queste parole, Patrizia Paccagnella, Presidente AFMAponentesavoneseODV, spiega il senso dell’iniziativa che da anni porta avanti grazie alla partecipazione di professionisti che a vario titolo si occupano quotidianamente di questa patologia come la dott.ssa Tiziana Tassinari, primario della S.C. Neurologia dell’ Ospedale S. Corona, il dott. Giuseppe Russo, responsabile S.S.D. Demenze, la dott.ssa Tedesco dei Servizi Sociali, il neurologo Stefano Tonini, la logopedista dott.ssa Silvia Macheda, la fisioterapista Clara Noceto.

Si inizia giovedì 30 gennaio. L’iniziativa è patrocinata oltre che da ASL2 Savonese, dall’Ordine dei Medici di Savona e dalla Provincia di Savona; gli incontri sono a ingresso libero e si svolgono presso il Centro Formazione ed aggiornamento dell’Ospedale S.Corona di Pietra Ligure.

 

Articoli correlati
Giornata mondiale dell’Alzheimer: con giusta prevenzione casi di demenza giù del 35%
Il 21 settembre si celebra in tutto il mondo la giornata mondiale dell’Alzheimer. Tante le iniziative messe in campo e i progressi nelle cure
Demenze, Guidolin (M5S) deposita Ddl per interventi assistenziali al settore: «Obiettivo migliorare qualità della vita dei pazienti»
Il Ddl prevede l'istituzione di un fondo di 15 milioni di euro. Tra gli obiettivi quello di sperimentare buone pratiche su tutto il territorio nazionale, insieme a un tavolo istituzionale di lavoro e confronto da attivare al ministero della Salute
Alzheimer: un promettente aiuto dalle cellule staminali
Il Morbo di Alzheimer fa paura a tutti, ma oggi la ricerca scientifica accende una nuova speranza: le cellule staminali mesenchimali.  Uno studio tutto italiano pubblicato il mese scorso sulla importante rivista internazionale Stem Cells Traslational Medicine  indica le cellule staminali mesenchimali come protagoniste di una ricerca molto interessante. Il gruppo della Dott.ssa Silvia Coco, Centro di Neuroscienze dell’ Università […]
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
Malattie neurodegenerative, calcio e colpi di testa sul banco degli imputati. Cosa c’è di vero
I risultati di una ricerca condotta dall’Università di Glasgow associano la pratica agonistica di sport di contatto a un maggior rischio di sviluppare demenza, Sla e Parkinson. L’intervista al neurologo Massimo Napolitano (Ospedale Cardarelli di Napoli)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare