Voci della Sanità 26 Maggio 2020 17:53

Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»

Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l’imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»

«Quest’anno per molte ragioni saranno oltre 20mila i candidati per l’accesso alle borse di specialità. Buone cose frutto di un grande impegno sono state fatte da questo governo: dall’abilitazione, all’aumento delle borse che nel solo 2020 sono oltre 5400 (4200 nel decreto Rilancio ) alla possibilità che il grande lavoro di molti specializzandi durante emergenza Sars-Cov-2 sia utile ai fini di una stabilizzazione professionale. Come Partito Democratico siamo assolutamente consapevoli all’esigenza di colmare l’imbuto formativo e di arrivare ad una riforma che sia la più condivisa possibile tra le diverse sensibilità del mondo associativo degli specializzanti ed accademico». Così in una nota firmata dalla senatrice Paola Boldrini, Capogruppo PD Comm. Igiene e Sanità, Brando Benifei, Capodelegazione PD all’Europarlamento, Elena Carnevali, Capogruppo PD Comm. Affari Sociali, Lucia Ciampi, Comm. Cultura, Stefano Collina, Presidente Comm. Igiene e Sanità, Vanna Iori, Capogruppo PD Comm. Cultura, Beatrice Lorenzin, Coordinatrice Forum sanità PD, Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione medico sanitaria del PD, Luca Rizzo Nervo, Comm. Affari sociali, Paolo Siani, Comm. Affari Sociali e Tutto il Forum Sanità dei Giovani Democratici. 

«Il DL Rilancio – continua la nota – andrà in parlamento ed il nostro compito è ovviamente quello di migliorarlo ulteriormente provando a finanziare altre borse di specializzazione o renderne parte di esse, o tutte, strutturali.
Le risorse per un aumento cospicuo delle borse di specializzazione dovranno essere indirizzate verso quelle che si sono rivelate essere le necessità maggiori per il SSN. Auspichiamo di garantire ad ogni laureato in medicina un posto in specializzazione».

«Il test – conclude la nota – deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo. Per fare questo ovviamente dovremmo fare una riforma della formazione medico specialistica per tutelare i nostri professionisti e i tempi sono maturi per decidere quale sarà la Sanità del futuro. Per queste motivazioni parteciperemo alla manifestazione che si terrà domani 27 Maggio alle 10:30 a Montecitorio, lo faremo per discutere di tutto questo con i professionisti, futuro e presente del nostro SSN».

Articoli correlati
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
‘Doppia laurea’, via libera dalla Commissione Cultura. E gli specializzandi potranno frequentare master e dottorati
La proposta di legge rappresenta un grande passo in avanti per ampliare l’offerta formativa universitaria e offrire maggiori opportunità di lavoro ai nostri giovani
Specializzandi, delegazione Pd incontra Ministra dell’Università Messa: «Sensibile ai nostri temi»
«La data del prossimo concorso di specializzazione ad oggi risulta essere confermata per luglio 2021» annuncia la delegazione Pd composta da Paola Boldrini, Vice Presidente della comm. Igiene e Sanità al Senato e Stefano Manai, Responsabile della formazione sanitaria del PD
Vaccini in farmacia, il no di ALS: «Deriva del ‘task shifting’, così si umilia la classe medica»
L’Associazione Liberi Specializzandi contesta l’accordo che consente di somministrare i vaccini in farmacia senza la presenza di un medico: «Viene legittimato dallo Stato il Dottor Google a tutti gli effetti»
Vaccino Covid, la denuncia di Manai: «In Sardegna studenti di Medicina e Professioni sanitarie nei reparti ma senza vaccino»
«Mi auguro che la regione intervenga quanto prima per sanare questa ingiustificabile lacuna nel piano vaccinale regionale e metta in sicurezza i nostri studenti, futuro del nostro SSN» spiega Stefano Manai, Responsabile nazionale formazione sanitaria del PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 aprile, sono 143.863.870 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.058.640 i decessi. Ad oggi, oltre 928,68 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...