Voci della Sanità 26 Maggio 2020

Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»

Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l’imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»

«Quest’anno per molte ragioni saranno oltre 20mila i candidati per l’accesso alle borse di specialità. Buone cose frutto di un grande impegno sono state fatte da questo governo: dall’abilitazione, all’aumento delle borse che nel solo 2020 sono oltre 5400 (4200 nel decreto Rilancio ) alla possibilità che il grande lavoro di molti specializzandi durante emergenza Sars-Cov-2 sia utile ai fini di una stabilizzazione professionale. Come Partito Democratico siamo assolutamente consapevoli all’esigenza di colmare l’imbuto formativo e di arrivare ad una riforma che sia la più condivisa possibile tra le diverse sensibilità del mondo associativo degli specializzanti ed accademico». Così in una nota firmata dalla senatrice Paola Boldrini, Capogruppo PD Comm. Igiene e Sanità, Brando Benifei, Capodelegazione PD all’Europarlamento, Elena Carnevali, Capogruppo PD Comm. Affari Sociali, Lucia Ciampi, Comm. Cultura, Stefano Collina, Presidente Comm. Igiene e Sanità, Vanna Iori, Capogruppo PD Comm. Cultura, Beatrice Lorenzin, Coordinatrice Forum sanità PD, Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione medico sanitaria del PD, Luca Rizzo Nervo, Comm. Affari sociali, Paolo Siani, Comm. Affari Sociali e Tutto il Forum Sanità dei Giovani Democratici. 

«Il DL Rilancio – continua la nota – andrà in parlamento ed il nostro compito è ovviamente quello di migliorarlo ulteriormente provando a finanziare altre borse di specializzazione o renderne parte di esse, o tutte, strutturali.
Le risorse per un aumento cospicuo delle borse di specializzazione dovranno essere indirizzate verso quelle che si sono rivelate essere le necessità maggiori per il SSN. Auspichiamo di garantire ad ogni laureato in medicina un posto in specializzazione».

«Il test – conclude la nota – deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo. Per fare questo ovviamente dovremmo fare una riforma della formazione medico specialistica per tutelare i nostri professionisti e i tempi sono maturi per decidere quale sarà la Sanità del futuro. Per queste motivazioni parteciperemo alla manifestazione che si terrà domani 27 Maggio alle 10:30 a Montecitorio, lo faremo per discutere di tutto questo con i professionisti, futuro e presente del nostro SSN».

Articoli correlati
Sanità, l’appello di Manai (Formazione Pd): «Usare soldi del MES per ricerca, borse di formazione e potenziamento territorio»
Secondo il responsabile Nazionale della Formazione Medico Sanitaria del PD Coordinatore Forum Sanità GD «occorre, come dice il Segretario Pd Zingaretti, una campagna che mostri ai cittadini gli aspetti positivi dell'utilizzo di questi fondi»
Toscana, il presidente Rossi incontra gli specializzandi e garantisce numero massimo di borse
«Oggi abbiamo avuto una riunione in regione insieme al presidente della regione Toscana Enrico Rossi e alle associazioni di rappresentanza degli specializzandi. Con questo incontro, considerando quello avvenuto la scorsa settimana, il Presidente ha avuto modo di incontrare tutte le associazioni degli specializzandi». Così in una nota Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione medico sanitaria […]
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...