Voci della Sanità 26 Maggio 2020 17:53

Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»

Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l’imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»

«Quest’anno per molte ragioni saranno oltre 20mila i candidati per l’accesso alle borse di specialità. Buone cose frutto di un grande impegno sono state fatte da questo governo: dall’abilitazione, all’aumento delle borse che nel solo 2020 sono oltre 5400 (4200 nel decreto Rilancio ) alla possibilità che il grande lavoro di molti specializzandi durante emergenza Sars-Cov-2 sia utile ai fini di una stabilizzazione professionale. Come Partito Democratico siamo assolutamente consapevoli all’esigenza di colmare l’imbuto formativo e di arrivare ad una riforma che sia la più condivisa possibile tra le diverse sensibilità del mondo associativo degli specializzanti ed accademico». Così in una nota firmata dalla senatrice Paola Boldrini, Capogruppo PD Comm. Igiene e Sanità, Brando Benifei, Capodelegazione PD all’Europarlamento, Elena Carnevali, Capogruppo PD Comm. Affari Sociali, Lucia Ciampi, Comm. Cultura, Stefano Collina, Presidente Comm. Igiene e Sanità, Vanna Iori, Capogruppo PD Comm. Cultura, Beatrice Lorenzin, Coordinatrice Forum sanità PD, Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione medico sanitaria del PD, Luca Rizzo Nervo, Comm. Affari sociali, Paolo Siani, Comm. Affari Sociali e Tutto il Forum Sanità dei Giovani Democratici. 

«Il DL Rilancio – continua la nota – andrà in parlamento ed il nostro compito è ovviamente quello di migliorarlo ulteriormente provando a finanziare altre borse di specializzazione o renderne parte di esse, o tutte, strutturali.
Le risorse per un aumento cospicuo delle borse di specializzazione dovranno essere indirizzate verso quelle che si sono rivelate essere le necessità maggiori per il SSN. Auspichiamo di garantire ad ogni laureato in medicina un posto in specializzazione».

«Il test – conclude la nota – deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo. Per fare questo ovviamente dovremmo fare una riforma della formazione medico specialistica per tutelare i nostri professionisti e i tempi sono maturi per decidere quale sarà la Sanità del futuro. Per queste motivazioni parteciperemo alla manifestazione che si terrà domani 27 Maggio alle 10:30 a Montecitorio, lo faremo per discutere di tutto questo con i professionisti, futuro e presente del nostro SSN».

Articoli correlati
Università, ok della Camera all’abrogazione del divieto di iscrizione a due corsi
La norma ha avuto il via libera all’unanimità da Montecitorio, ora è attesa a Palazzo Madama. Per gli specializzandi novità su master e dottorati
di Francesco Torre
Doppia laurea, Tuzi (M5S): «Svolta straordinaria per specializzandi in medicina»
Con la riforma al voto a Montecitorio gli specializzandi, per la prima volta, potranno seguire contemporaneamente altri corsi di formazione, master o conseguire un dottorato di ricerca
Specializzazioni, Manai (Pd): «15mila medici immatricolati grande traguardo, ora riforma formazione»
«Alla fine siamo riusciti a ottenere ciò che fino a poco tempo fa sembrava un sogno irrealizzabile: una borsa per ogni laureato ed il superamento dell'imbuto formativo» spiega Stefano Manai, Responsabile organizzative delle consulte sanità regionali del PD nazionale
Imbuto formativo, PNRR e nuovi contratti. Viola (Federspecializzandi): «Ecco come devono evolvere le scuole di specializzazione»
Intervista alla presidente di Federspecializzandi: «Necessario adattarsi ai tempi che viviamo e comprendere cose che non sono state ancora capite»
Formazione medici, Manai (Pd): «Grazie a Speranza per aumento borse, ora riforma che rinnovi percorso»
«Il Ministro Roberto Speranza ha firmato il decreto con il quale verranno stanziate 17400 borse di specializzazione, raddoppiando il numero rispetto a due anni fa. Al Ministro Speranza va un grosso ringraziamento da tutta la categoria, così facendo garantirà a quasi tutti i medici di poter completare il proprio percorso formativo, investendo allo stesso tempo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?