Voci della Sanità 1 Ottobre 2018 13:03

FNOPO: «Sempre con le donne per garantire sicurezza anche in caso di scelte dolorose»

«Promuovere e tutelare la salute delle donne è la mission della professione ostetrica rimanendole accanto anche in un momento difficile come la scelta dell’interruzione volontaria della gravidanza (IVG), da realizzare in sicurezza secondo specifico percorso diagnostico terapeutico assistenziale». Commentano così la Giornata internazionale per l’aborto sicuro i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO). «Pensare […]

«Promuovere e tutelare la salute delle donne è la mission della professione ostetrica rimanendole accanto anche in un momento difficile come la scelta dell’interruzione volontaria della gravidanza (IVG), da realizzare in sicurezza secondo specifico percorso diagnostico terapeutico assistenziale».

Commentano così la Giornata internazionale per l’aborto sicuro i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO). «Pensare di poter imporre, per qualsiasi ragione e con qualsiasi mezzo, a una donna di scegliere per il proprio corpo e il proprio futuro di essere o meno madre non è solo eticamente sbagliato – spiega la Presidente FNOPO Maria Vicario – ma è soprattutto pericoloso in quanto può compromettere la salute psicofisica della donna che ha assunto la decisione di ricorrere all’IVG. Lo dicono innanzitutto i numeri dei decessi delle donne che ricorrono ad aborti clandestini, sembrerebbero in diminuzione, praticati nella totale assenza di sicurezza, di igiene e di professionalità di chi opera».

La critica a posizioni restrittive nei confronti dell’aborto arriva anche dall’Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite che fa da eco ai numeri allarmanti dell’Onu e Oms di donne che, quando non muoiono, subiscono gravi danni dopo interventi “macellai”.

«La vera difesa della vita., della salute delle donne non si attua proibendo o rendendo quasi impossibile usufruire della IVG presso in strutture pubbliche e/o convenzionate accreditate o perfino dichiarandolo illegale – aggiungono le componenti del Comitato centrale FNOPO -. La nostra professione, in particolare, sa quanto sia doloroso per la donna prendere questa decisione per le implicazioni fisiche e soprattutto emotive che comporta. Per questo motivo chiediamo che ci sia maggior attenzione e impegno nel salvaguardare strutture di assistenza sanitaria essenziali come i consultori, dove è necessario che sia sempre la ostetrica a promuovere e tutelare da salute delle donne anche quando di parla. con le adolescenti o le adulte, di contraccezione, di sesso sicuro e di genitorialità responsabile».

«È evidente che qualora la donna fosse fermamente convinta nel voler praticare una interruzione di gravidanza – conclude la presidente FNOPO -, le ostetriche, in virtù della loro mission, saranno sempre al fianco delle donne con competenza e professionalità accompagnandola nel percorso previsto dalla normativa vigente in materia (L. 194/1978)».

Articoli correlati
Smog: esposizione in gravidanza compromette neurosviluppo del bambino
Uno studio condotto a Taiwan ha dimostrato che l'esposizione allo smog in gravidanza può causare ritardi nello sviluppo motorio e psicosociale del bambino durante la sua crescita
Gravidanze indesiderate, è record in Campania. Il progetto per promuovere empowerment femminile e contraccezione
L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Scuola di Alta Formazione Donne di Governo insieme a Organon, ha come obiettivo la formazione e l’informazione di ragazzi, famiglie, e operatori in materia di sessualità consapevole
Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane
Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa