Voci della Sanità 24 Luglio 2019 10:12

Donazioni di sangue, Giovanni Toti (Regione Liguria) dona il sangue all’E.O. Ospedali Galliera

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha donato il sangue, oggi, presso il Centro Trasfusionale dell’ E.O. Ospedali Galliera di Genova, all’indomani dell’avvio della campagna di comunicazione “Dona sangue a bombazza! Un gesto semplice che può salvare una vita”, promossa da Regione Liguria, Alisa insieme alle associazioni di donatori Avis e Fidas con il […]

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha donato il sangue, oggi, presso il Centro Trasfusionale dell’ E.O. Ospedali Galliera di Genova, all’indomani dell’avvio della campagna di comunicazione “Dona sangue a bombazza! Un gesto semplice che può salvare una vita”, promossa da Regione Liguria, Alisa insieme alle associazioni di donatori Avis e Fidas con il campione di bike trial Vittorio Brumotti come testimonial per incentivare le persone, soprattutto i giovani, a diventare donatori abituali. Chi volesse donare il sangue può farlo presso tutti i centri trasfusionali degli ospedali liguri, oltre che presso le postazioni mobili di Avis e Fidas.

“Donare il sangue – ha detto il presidente della Regione – è un gesto tanto semplice quanto importante perché può salvare delle vite. Proprio ieri è partita su tutto il territorio ligure la nostra campagna di comunicazione, con il prezioso aiuto dell’amico Vittorio Brumotti per sensibilizzare soprattutto i giovani a donare. Tutte le persone sane possono dare il proprio piccolo contributo qualche volta all’anno per chi ne ha bisogno: non costa nulla e anzi, ci fa sentire più utili nella vita e ci consente di fare gli esami del sangue gratuitamente. È anche un buon modo per prendersi cura di se stessi oltre che degli altri”.

Ad accogliere il Presidente Toti c’erano il Direttore Generale del Galliera Adriano Lagostena, il Direttore Sanitario Giuliano Lo Pinto e il Direttore Amministrativo Roberto Viale.

“Con questo significativo atto – spiega il dott. Giovanni Imberciadori, direttore S.S.D. Servizio di Immunoematologia e trasfusionale del Galliera – il donatore può concretamente aiutare le persone, che in un certo momento della loro vita hanno necessità trasfusionali e quindi bisogno di sangue a causa, per esempio, di un incidente, un trauma o per un intervento chirurgico. Allo stesso tempo la donazione comporta l’esecuzione di alcuni esami che controllano lo stato di salute; quindi il dono del sangue può essere considerato anche un momento di medicina preventiva per il donatore”.

La campagna è diffusa attraverso manifesti e affissioni in tutta la Liguria e sui social network. L’alleanza con le associazioni storiche di donatori Avis e Fidas permette di accompagnare le nuove generazioni, supportando chi da sempre tramanda questi valori per trasferirli ai giovani.

 

La Liguria mantiene l’autosufficienza in termini di sangue raccolto e disponibile, nonostante quest’anno si registri una leggera diminuzione delle donazioni, pari al 5%. La maggiore criticità è legata alla mancanza di giovani donatori al di sotto dei 35 anni, mentre si registra un aumento nella fascia di età over 55.

Articoli correlati
Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»
«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»
di Isabella Faggiano
BPER Banca eroga 100mila euro alle famiglie degli infermieri colpiti da Covid
La donazione alla FNOPI per sostenere la raccolta “Noi con gli infermieri”
Processo trasfusionale, le buone pratiche per una maggiore sicurezza: checklist, microchip e simulazione
Esperti del settore hanno identificato e puntualizzato tutti gli elementi essenziali per una gestione più sicura del processo trasfusionale. Presentati oggi i risultati raccolti nella pubblicazione “Buone pratiche multidisciplinari nel processo trasfusionale - La sicurezza come obiettivo di sistema”
di Isabella Faggiano
Che cos’è il sangue raro, chi lo dona e dove viene conservato
La Banca del sangue raro della Lombardia conserva 2000 sacche e dopo aver fatto fronte alla maggiore richiesta durante la pandemia lavora per incrementare il numero di donatori anche non caucasici e per creare una banca nazionale in grado di competere con l’Europa
di Federica Bosco
Giornata mondiale dei donatori di sangue, in Toscana cresce il numero dei “supereroi”
Intervista ad Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana uscente: «Le donazioni di sangue, plasma e multicomponenti di Avis nel 2020 sono aumentate dell'1,5%. Gli uomini oggi rappresentano il 63% dei donatori, contro il 37% di donatrici. Al contrario i donatori tra i 18 e i 25 anni sono soprattutto donne»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?