Voci della Sanità 25 Marzo 2021 17:05

Distribuzione dei farmaci, interrogazione del Pd a Speranza: «Pazienti fragili a rischio, perché non applicare norme Dl Rilancio?»

In una interrogazione a prima firma Vito De Filippo si segnala anche che l’accesso l’accesso con modalità Spid ai piani terapeutici Aifa web based ha complicato la vita dei pazienti cronici

Il Covid ha complicato la vita di tutti quei pazienti cronici che si sono trovati ad affrontare la propria malattia con la paura di contrarre il temibile virus. Una paura che ha spinto molti a rinunciare alle visite e anche ad evitare di recarsi nelle farmacie ospedaliere pur di non entrare in un luogo comunque ad alto tasso di contagiosità. Non bisogna dimenticare, infatti, che secondo l’Istituto superiore di sanità i pazienti positivi al Covid-19 con disfunzioni legate a malattie cardiovascolari, hanno una probabilità ben più alta di contrarre una forma severa dell’infezione e, conseguentemente, una probabilità maggiore di decesso.

Per molti di questi pazienti, soprattutto gli oncologici e i cardiopatici, è venuta meno la continuità terapeutica ed assistenziale. Di questo si occupa una interrogazione al Ministro della Salute presentata dal Pd a prima firma Vito De Filippo (e cofirmata da Elena Carnevali e Paolo Siani).

Al fine di garantire una maggiore facilità di accesso alle cure per i pazienti fragili, l’articolo 8, comma 5-bis e 5-ter, del decreto-legge n. 34 del 2020 (Dl Rilancio) ha previsto due elementi di novità in termini di cambiamento del canale distributivo di farmaci e di semplificazione degli strumenti di monitoraggio dei farmaci previsti da AIFA.

In base al comma 5-bis – si legge nell’interrogazione – le regioni per i farmaci di distribuzione diretta possono provvedere a modificare il regime distributivo attraverso la cosiddetta distribuzione per conto (Dpc), secondo condizioni modalità e criteri stabiliti con decreto del Ministro della salute di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze e di intesa con la Conferenza Stato-regioni affinché il paziente possa ritirare il farmaco nelle farmacie aperte al pubblico. In base al comma 5-ter si prevede che l’Aifa entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge individui l’elenco dei medicinali soggetti a registro di monitoraggio, per cui si ritenga che le condizioni di appropriatezza e di controllo dei profili di sicurezza possa essere svolta dai piani terapeutici».

«Ma – sottolineano i deputati – ad oggi, nessuna delle due norme ha trovato applicazione e permangono i problemi per i pazienti cronici che preferiscono abbandonare la terapia per non recarsi in ospedale. A questa restrizione viene segnalata un’ulteriore problematica relativa al passaggio con modalità Spid o Cns per l’accesso ai piani terapeutici Aifa web based e registri di monitoraggio previsti dall’articolo 24, comma 4, del decreto-legge «semplificazioni» n. 76 del 2020».

Nell’interrogazione si chiede quali siano i motivi del ritardo nell’emanazione del decreto ministeriale previsto dall’articolo 8, comma 5-bis, in tema di distribuzione di farmaci, e della determina dell’Aifa; se non ritenga opportuno dare attuazione all’articolo 8, comma 5-ter del decreto-legge n. 34 del 2020 convertito dalla legge n. 77 del 2020, per superare le disomogeneità territoriali e superare i limiti di natura amministrativa relativa ai piani web-based ed ai registri di monitoraggio, per consentire un adeguato accesso alle terapie e la conseguente continuità terapeutica dei pazienti; se non ritenga opportuno, al fine di garantire la continuità terapeutica ed evitare ulteriori rinunce alle cure, adottare iniziative per definire le modalità di implementazione del passaggio tra i diversi sistemi telematici di registrazione e consultazione dei piani terapeutici e registri e, nel caso di mancata adozione da parte dei medici nei termini previsti dell’identità digitale, quale sia il percorso che garantisca la continuità di cura».

 

Articoli correlati
Distribuzione intermedia farmaceutica, i tagli sulle remunerazioni pesano. Morra (ADF): «Soluzione non più rinviabile»
Uno studio Sapienza si è posto il problema di determinare gli effetti del D.L. 78/2010 e della riduzione progressiva del prezzo medio per confezione dei farmaci di classe A sulla redditività del settore della distribuzione farmaceutica. Il commento del presidente ADF Alessandro Morra
La sanità si interroga sul rapporto tra medicina e tecnologia: quale il ruolo del professionista del futuro?
Alla presentazione della piattaforma dell’Enpam Tech2Doc i rappresentanti dei camici bianchi si sono confrontati sulla relazione tra macchine e camici. Ma in ogni caso, saranno fondamentali la formazione e l’aggiornamento continuo del personale sanitario
Report AIFA su medicinali, una prescrizione per il 98% degli over 65 in Italia
Vitamina D, aspirina, antibiotici e gastroprotettori sono i farmaci più utilizzati nella popolazione italiana over 65. Nelle RSA troppe prescrizioni di benzodiazepine «spesso associato a importanti eventi avversi e quindi inappropriato»
Congresso CIMO, Quici confermato presidente: «Ora rilanciare SSN ascoltando le proposte dei medici»
I risultati raggiunti nel primo mandato, i progetti futuri ed il botta e risposta con il ministro Speranza
Odontotecnici scrivono a Speranza: «Inquadramento normativo datato, chiediamo incontro»
Gli odontotecnici prendono carta e penna e scrivono al Ministro della Salute Roberto Speranza per denunciare quella che secondo loro è una vera e propria ingiustizia, cioè il fatto che tale categoria professionale sia rimasta “arte sanitaria ausiliaria” mentre le altre arti sanitarie ausiliarie analoghe, per esempio il tecnico ortopedico o l’audioprotesista, siano riuscite ad […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?